Dal diario di un volontario ISM. Valle del Giordano, zona nord.

13 agosto 2018 | Kristin Foss, International Solidarity Movement | Valle del Giordano settentrionale
Ho perso il mio volo .. Di proposito .. Ero abbastanza sicura che lo avrei fatto, quando sono partita per la Palestina. Per essere onesti, non penso che questo renda più facile andarsene dopo. Più conosco, più persone conosco, più mi sento coinvolta. E come, mi chiedo, potrò salire su un aereo e partire, quando i miei nuovi amici non saranno nemmeno in grado di lasciare la West Bank? Non possono andarsene e non possono vivere. Alcuni dei miei nuovi amici saranno stati arrestati quando me ne sarò andata? Ne perderò un po ‘? Non oso pensare a ..


Ieri sono tornata a casa dalla valle del Giordano, esausta. Una notte ho dormito sotto le stelle vicino a un boschetto di guava. Quasi una luna piena, bella brezza. Accompagnata dalla mia amica islandese e collega volontaria Anna, e da un simpatico nuovo amico palestinese, Rasheed. Sembra bello vero? A destra abbiamo potuto vedere le luci della Giordania, da cui ci separava il fiume Giordano e alla sinistra, la cosiddetta terra santa .. Suona ancora abbastanza bene? Bene, la ragione per cui c’era da aspettare era che i soldati israeliani avevano annunciato che sarebbero arrivati ​​il ​​mattino successivo per abbattere le serre degli agricoltori locali – sostenendo che stavano rubando acqua. A.k.a – l’acqua che Israele  “legalmente prende dagli agricoltori”. Continue reading

Posted in info, opinioni | Tagged , , | Leave a comment

La polizia israeliana bandisce i palestinesi dalla moschea di Al-Aqsa

18 agosto 2018 | http://imemc.org/article/israeli-police-ban-palestinians-from-al-aqsa-mosque-video/


I fedeli riferiscono di essere stati arrestati mentre uscivano dal complesso sacro e di aver subito il divieto di pregare nella moschea.

C’è stato un netto aumento della polizia israeliana e delle forze di sicurezza che limitano le manifestazioni di culto palestinese nella moschea di al-Aqsa a Gerusalemme.

Il 17 agosto 2018, le forze israeliane hanno chiuso tutti i cancelli che portano ad al-Aqsa. I palestinesi hanno pregato collettivamente fuori dai cancelli per protestare contro l’azione.

Continue reading

Posted in info, prigionieri, Senza categoria | Tagged , , | Leave a comment

Perché continuiamo a marciare a Gaza

17 agosto 2018 | https://electronicintifada.net/content/why-we-continue-march-gaza/25291

Ero seduto dietro la mia scrivania nel supermercato della mia famiglia a Khan Younis, il 14 maggio, quando mio cugino Ali si è avvicinato.

Ci sarebbe stato un altro incontro ad al-Faraheen per la protesta della Grande Marcia di Ritorno quel giorno, ha detto. Sarei andato con lui?

“No, preferisco quello di Khuzaa dove andiamo di solito,” ho detto.

Ali ha insistito per andare ad al-Faraheen e ha deciso che sarebbe andato con il suo amico Saed. È rimasto con me finché non ho chiuso il negozio e siamo andati separatamente. Ho chiamato il mio amico Ahmad per andare a Khuzaa.

Alla protesta ci aspettava il solito: lacrimogeni che cadevano a dirotto, lasciandoci a malapena in grado di respirare o parlare; ambulanze e paramedici che si aprivano a ventaglio ovunque e il suono dei proiettili che sfrecciavano.

Il rumore di una pallottola suscita sentimenti contrastanti. Tutti noi sappiamo che colpirà qualcuno. Ma se lo sentiamo, siamo al sicuro, proprio come quando sentiamo bombardare: vuol dire che qualcosa è esploso, ma non su di noi.

Ferito gravemente

Poi il mio telefono ha cominciato a squillare. Ho visto il nome di mio fratello sullo schermo. Prima che avessi la possibilità di dire qualcosa, mi ha detto di andare all’ospedale europeo, “Adesso! Ali è stato colpito. ”

Continue reading

Posted in gaza, info | Tagged , | Leave a comment

Israele proibisce ad una madre palestinese di accompagnare suo figlio di 3 anni a ricevere le cure per la sua malattia

17 agosto 2018 | https://www.middleeastmonitor.com/20180817-israel-bans-palestinian-mother-from-accompanying-her-sick-toddler-for-treatment/

Luay, 3 anni, è stato trasferito da Gaza nella West Bank occupata per il trattamento del cancro

Le autorità di occupazione israeliane hanno impedito ad una madre palestinese di Gaza di viaggiare con il suo bambino malato di tre anni nella West Bank, dove il bambino deve recarsi per ricevere gli adeguati trattamenti.

Continue reading

Posted in gaza, info, Senza categoria | Tagged , , | Leave a comment

La marina israeliana attacca le barche da pesca, rapisce quattro pescatori e sequestra la loro barca

http://imemc.org
16 agosto 2018 1:32 PM Notizie IMEMC Beit Lahia,1
Le navi della marina israeliana hanno attaccato, giovedì mattina, pescherecci palestinesi nelle acque territoriali di Gaza vicino a Beit Lahia, nella parte settentrionale della regione costiera assediata, prima di rapire quattro pescatori e confiscare la loro barca.

Nizar Ayyash, il segretario del sindacato dei pescatori palestinesi, ha detto che la marina ha attaccato le barche prima di rapire Mohammad Zayed, suo figlio Tamer, Tawfiq al-Sultan e Ra’fat al-Sultan e li ha portati, insieme alla loro barca, a una destinazione sconosciuta. Continue reading

Posted in gaza, info | Tagged , , | Leave a comment

I coloni irrompono in una casa ad Hebron e marciano verso la Tomba dei Patriarchi

15 agosto 2018 | http://english.pnn.ps/2018/08/15/settlers-break-into-hebron-home-march-to-the-tomb-of-the-patriarchs/

Le forze di occupazione israeliane hanno chiuso le principali entrate della moschea di Haram al-Ibrahimi per facilitare la grande marcia dei coloni di martedì.

La marcia è partita dall’area di Tel Rumeida ed è proseguita fino all’Haram al-Sharif. Sulla strada, c’è stata anche un’irruzione in un’abitazione.

Gli attivisti contro l’insediamento “Emad Jaber” hanno dichiarato che le forze di occupazione israeliane hanno chiuso le principali entrate della Moschea di Ibrahimi e della Città Vecchia, ed hanno intensificato il dispiegamento di forze nella Città Vecchia, al fine di proteggere i coloni che hanno organizzato una marcia verso la Moschea, durante la quale hanno sventolato le bandiere israeliane e cantato slogan razzisti contro i palestinesi.

Allo stesso tempo, un certo numero di coloni ha preso d’assalto una casa nella città vecchia vicino all’insediamento israeliano di “Ibraham Avino”, sotto la protezione delle forze di occupazione israeliane. Le IOF (forze di occupazione israeliane) hanno recentemente rafforzato le proprie procedure nell’area, ostacolando il movimento di cittadini e residenti.

Posted in info, Senza categoria | Tagged , , | Leave a comment

La madre di un giovane palestinese ucciso dalle forze israeliane è accusata di “istigazione” per i suoi post su Facebook

13 agosto 2018 | http://samidoun.net/2018/08/mother-of-palestinian-youth-killed-by-israeli-forces-accused-of-incitement-for-posting-on-facebook/

Susan Abu Ghannam, madre di Mohammed Abu Ghannam, il giovane palestinese ucciso dalle forze di occupazione israeliane poco più di un anno fa, il 21 luglio 2017, è stata incriminata dalla corte israeliana a Gerusalemme lunedì 13 agosto.

La donna è accusata di propaganda politica su Facebook. La sua detenzione è stata prolungata fino al 13 settembre 2018, in quanto i pubblici ministeri dell’occupazione israeliana sostengono che la donna abbia pubblicato, per 40 volte, post politici sui social media.

La donna è stata sequestrata da casa il 5 agosto dalle forze di occupazione israeliane, che hanno invaso la sua abitazione e confiscato telefoni cellulari ed altri dispositivi elettronici. Suo figlio Mohammed è stato ucciso dalle forze di occupazione mentre, a Gerusalemme, si era unito alle proteste contro l’imposizione di cancelli elettronici al di fuori della moschea di Aqsa.

Continue reading

Posted in info, prigionieri | Tagged | Leave a comment

Un report segreto israeliano rivela che un drone armato ha ucciso quattro bambini che giocavano sulla spiaggia di Gaza nel 2014

13 agosto 2018 | http://english.wafa.ps/page.aspx?id=EHmheOa98773878093aEHmheO

Secondo un documento privato della polizia militare israeliana ottenuto da “The Intercept”, quattro cugini palestinesi sono stati uccisi in due attacchi provenienti da due droni dopo essere stati scambiati per militanti di Hamas, ha detto il quotidiano israeliano “Haartez”.

Le dichiarazioni di un rapporto della polizia militare israeliana riferito da “The Intercept”, riportano che i colpi israeliani che hanno ucciso quattro bambini palestinesi che stavano giocando sulla spiaggia di Gaza, nel 2014, sono stati sparati da un drone armato israeliano.

I quattro bambini, Ismayil Bahar, 9 anni, Aed Bahar, 10 anni, Zaccaria Bahar, 10 anni, e Muhammed Bahar, 11 anni, sono stati uccisi nel giugno del 2014.

Continue reading

Posted in gaza, info | Tagged , | Leave a comment

I cittadini palestinesi di Israele protestano a Tel Aviv contro la nuova legge dello stato

https://www.middleeasteye.net/news/palestinian-israeli-citizens-protest-nation-state-law-tel-aviv-1045600345

‘La nuova generazione non accetterà questa umiliazione. Siamo consapevoli e siamo attivi. Siamo qui’

I manifestanti si preparano per la marcia nel centro di Tel Aviv

Sabato 11 agosto 2018 23:24 UTC
Ultimo aggiornamento: domenica 12 agosto 2018 10:24 UTC

Decine di migliaia di cittadini palestinesi di Israele hanno condotto una marcia attraverso il centro di Tel Aviv sabato sera per protestare contro una legge approvata il mese scorso che declassifica i diritti dei cittadini non ebrei e decreta che gli ebrei – nazionali e stranieri – hanno diritti nazionali esclusivi.

Mohammed Baraka, presidente della commissione per il monitoraggio degli arabi, che ha organizzato la protesta e si è unito ai gruppi per i diritti civili nella petizione contro la legge dello Stato nazionale, ha definito la controversa legislazione come la “legge sulla segregazione dell’apartheid” e “un abominio”. Continue reading

Posted in info | Tagged , | Leave a comment

Dimostrazioni del venerdì violentemente represse ad Hebron

11 agosto 2018

International Solidarity Movement Al-Khalil Team | Hebron, Territori Occupati

https://palsolidarity.org/2018/08/friday-demonstration-violently-repressed-in-hebron/

Ieri, 10 agosto, la manifestazione del venerdì nella città di Hebron (Al-Khalil) è stata violentemente repressa dalle forze israeliane. I manifestanti disarmati si sono riuniti dopo le preghiere del venerdì, verso le 13:30, per protestare contro l’occupazione e in solidarietà con Gaza. Durante la prima ora della manifestazione i soldati sono rimasti in postazione intorno al checkpoint 56, ma alla fine sono usciti dal posto di blocco ed hanno invaso la zona H1, la parte palestinese della città.

Continue reading

Posted in info | Tagged , , , | Leave a comment