Tre palestinesi uccisi negli scontri presso Al-Aqsa a Gerusalemme, West Bank

https://www.maannews.com/Content.aspx?id=778251

21 LUGLIO 2017 3:00 P.M.

Da sinistra: Muhammad Sharaf, Muhammad Khalaf e Muhammad Abu Ghanam

BETHLEHEM (Ma’an) – Tre palestinesi sono stati colpiti e uccisi durante gli scontri nella occupata Gerusalemme Est nella Cisgiordania occidentale venerdì, da quello che fonti hanno detto a Ma’an, in scontri su vasta scala nel territorio occupato palestinese per  le nuove misure di sicurezza israeliane imposte presso il complesso della Moschea di Al-Aqsa.
I morti seguono una dimostrazione su larga scala a Gerusalemme Est  venerdì per denunciare le nuove misure di sicurezza israeliane presso la moschea di Al-Aqsa dopo un attacco mortale la scorsa settimana. Continue reading

Posted in info | Tagged , , | Leave a comment

Continuano violenti scontri a Kafr Qaddum

15 luglio 2017 |International Solidarity Movement, Al-Khalil Team | Kafr Qaddum, Occupato Palestina

Una manifestazione da parte degli abitanti di Kafr Qaddum ancora una volta si è rivelata violenta venerdì mentre i soldati israeliani e la polizia di frontiera hanno bloccato il percorso della marcia. Circa 150 palestinesi tentavano di marciare verso un blocco stradale illegale israeliano che taglia la strada per la città da Nablus.

Le forze israeliane bloccano la via alla manifestazione pacifica a Kafr Qaddum

I bambini e gli adolescenti palestinesi hanno risposto lanciando pietre ai soldati, che hanno risposto a loro volta con  scariche di pallottole in acciaio rivestito di gomma. Continue reading

Posted in info | Tagged , , | Leave a comment

Gli agricoltori protestano contro restrizioni di movimento dannose

 Tulkarm  19 luglio 2017 |International Solidarity Movement, al-Khalil team | Deir al-Ghusun,  Palestina occupata

Circa 150 agricoltori di Deir al-Ghusun hanno tenuto una protesta domenica scorsa contro le restrizioni di viaggio in Israele, che impedivano loro di accedere ai loro campi.

Gli agricoltori protestano contro le restrizioni di movimento in Cisgiordania.

Il muro dell’apartheid corre vicino alla città, il che significa che gli agricoltori necessitano di permessi di viaggio dall’esercito israeliano per la breve distanza dalle loro case ai loro campi. L’esercito israeliano ha rifiutato di rinnovare i permessi per gli agricoltori per tre mesi. Se questo continua, i locali stimano che entro due mesi nessuno avrà più un permesso. Un contadino alla manifestazione aveva 14 permessi per lui e per i suoi lavoratori, ma ora ne ha solo uno. Ciò significa che è costretto a lavorare da solo, un compito difficile per un uomo della sua età.

Continue reading

Posted in info | Tagged , , | Leave a comment

Esplosioni e arresti nella Città Vecchia della occupata al-Khalil

18 luglio 2017 | International Solidarity Movement, al-Khalil team | Hebron, Palestina occupata

I soldati israeliani hanno arrestato  Ahmed Fayez di 19 anni nella città vecchia di Hebron. L’adolescente lavorava con gli amici quando i soldati si sono avvicinati al gruppo, chiedendo di vedere le loro ID. Quando Fayez ha mostrato la sua, è stato arrestato e portato alla base militare di Beit Romano. Non è stato visto essere portato nella base stessa, ma è stato portato verso Shuhada street, dove è stato visto l’ultima volta.

Continue reading

Posted in info | Tagged , , , | Leave a comment

L’operazione eroica di al-Quds: una sfida per l’entità coloniale

https://assawra.blogspot.it/2017/07/loperation-heroique-dal-quds-le-defi.html

Lunedì 17 lug 2017

L’operazione eroica dei tre combattenti palestinesi della famiglia Al-Jabbarin, provenienti dai territori occupati nel 48, nella città di al-Quds, vicino alla Moschea di al-Aqsa, è una nuova sfida per l’occupante. In primo luogo, i combattenti palestinesi sono giunti dalla città di Umm al-Fahm, che si trova nell’entità coloniale e, pertanto, sono titolari di carte di identità “israeliane”. Hanno attaccato la polizia sionista con armi di produzione locale, Karlo, “l’arma dei poveri”, come centinaia di laboratori della Palestina occupata sono in grado di produrre.

I tre combattenti, Mohammad e Mohammad e Ahmad Al-Jabbarin, di età compresa tra i 19 e i 30 anni, sono riusciti a intrufolarsi con le loro armi alla moschea di al-Aqsa, nonostante le misure di sicurezza dell’occupante, ritenuto essere il più sofisticato al mondo, e anche se la città di al-Quds è considerata la città più “sicura” nel mondo. Dobbiamo ricordare che i sionisti negano l’accesso alla moschea di al-Aqsa ai palestinesi di età inferiore ai 40 e talvolta ai 50 anni, che provengano da territori occupati nel 48 o nel 67, e che le telecamere installate dai sionisti in tutta la città, in particolare nella città vecchia e intorno alla moschea, monitorano tutto il giorno l’andirivieni dei palestinesi. Nonostante tutte queste caratteristiche, i combattenti palestinesi hanno schiaffeggiato, e in grande, le forze di sicurezza dell’entità coloniale. Continue reading

Posted in opinioni | Tagged , | Leave a comment

Le forze israeliane uccidono un palestinese, ricercato per presunte sparatorie

https://www.maannews.com/Content.aspx?id=778119
16 luglio 2017 10:05 A.M.
RAMALLAH (Ma’an) – Le forze israeliane hanno colpito e ucciso un uomo palestinese di 34 anni durante un assalto prima dell’alba nel villaggio di Nabi Salih a ovest di Ramallah nella West Bank occupata domenica, quando anche un altro palestinese, descritto come un “Giovane” dalla polizia israeliana, è stato ferito e detenuto.

La portavoce della polizia israeliana Luba al-Samri ha affermato in una dichiarazione che il palestinese ucciso, identificato come Amr Ahmad Khalil da Nabi Salih, è stato responsabile di due incidenti armati che si sono verificati nella zona il giorno precedente e che “dai rapporti  il palestinese era il responsabile degli attacchi armati”, le forze israeliane hanno lanciato una campagna per arrestarlo, dirigendosi verso Nabi Salih. Continue reading

Posted in info | Tagged , , | Leave a comment

Le forze israeliane sparano uccidendo 2 giovani palestinesi durante il raid nel campo profughi di Jenin

https://www.maannews.com/Content.aspx?id=778042
12 luglio 2017 10:17 A.M.
JENIN (Ma’an) – Le forze israeliane hanno sparato uccidendo due giovani palestinesi – uno di 17 anni e uno di 20 anni – e ferito almeno altri due dopo un violento attacco militare nel campo profughi di Jenin dopo scontri avvenuti mercoledì mattina presto.

Un portavoce dell’esercito israeliano ha affermato che durante un “intervento” nel campo, un palestinese ha aperto il fuoco contro le forze israeliane e altri locali hanno gettato cocktail Molotov, il che ha spinto le forze israeliane ad aprire il fuoco contro gli “attaccanti”. Continue reading

Posted in info | Tagged , , , , | Leave a comment

Le forze israeliane sparano lacrimogeni e proiettili in acciaio rivestiti di gomma alla manifestazione per il 6 ° anniversario di Kafr Qaddum

9 luglio 2017 | International Solidarity Movement, Al-Khalil team| Hebron,  Palestina occupata

Venerdì 7 luglio i residenti di Kafr Qaddum si sono riuniti per la loro manifestazione settimanale che ha segnato il suo sesto anniversario, represso dalle forze israeliane che hanno sparato lacrimogeni, bombe stordenti e proiettili di acciaio rivestiti di gomma ai manifestanti. Le forze israeliane si sono avvicinate ai manifestanti con le jeep e sono state viste su una collina accanto alla strada che collega Kafr Qaddum con l’insediamento israeliano. Verso la fine della manifestazione le forze israeliane hanno anche fatto irruzione in una casa palestinese per usarla come punto di partenza per mirare ai manifestanti.

Kafr Qaddum: dimostrazione pacificaDopo la preghiera delle 13, i cittadini di Kafr Qaddum hanno iniziato la loro manifestazione non violenta in marcia verso l’insediamento israeliano illegale di Kedumim. Poco dopo le forze israeliane hanno accolto  i manifestanti sparando proiettili di acciaio in gomma e lacrimogeni. A metà della manifestazione, un anziano uomo palestinese  è stato colpito in testa con un proiettile d’acciaio rivestito di gomma, mentre si occupava delle riprese. Verso la fine della manifestazione, altri cinque palestinesi e un attivista coreano sono stati feriti dalle forze israeliane. Quelli che sono stati feriti sono stati presi in cura dagli infermieri. Continue reading

Posted in info | Tagged , , | Leave a comment

Apartheid: un soldato israeliano spara ad un altro, puniti i palestinesi


6 luglio 2017 |  International Solidarity Movement, al-Khalil team | Hebron,  Palestina occupata

Martedì 4 luglio 2017, le forze israeliane stavano conducendo una “esercitazione militare” in un quartiere civile palestinese vicino al Gilbert checkpoint  a Tel Rumeida nella occupata al-Khalil (Hebron). Il risultato di questa “esercitazione militare” è stato un colpo fatale sparato da un soldato israeliano a un altro.

Il comandante ferito è stato immediatamente evacuato in ospedale da un’ambulanza israeliana, e successivamente è stato confermato morto. Le forze israeliane hanno immediatamente chiuso l’intera zona ai palestinesi chiudendo tutti i check point, colpendo collettivamente la popolazione civile palestinese. L’esercito, dopo l’incidente, ha annunciato che questi “training militari” saranno sospesi in al-Khalil.

Continue reading

Posted in info | Tagged , , | Leave a comment

La leadership palestinese indignata per la detenzione della deputata Khalida Jarrar

https://www.maannews.com/Content.aspx?id=777888
2 luglio 2017 6:00 P.M. (Aggiornato: 2 luglio 2017 7:39 P.M.)

BETHLEHEM (Ma’an) – La leadership politica palestinese ha reagito con indignazione per la detenzione dell’attivista femminista per i diritti umani e membro del consiglio legislativo palestinese (PLC), Khalida Jarrar, detenuta dalle forze israeliane dalla sua casa a Ramallah durante un attacco militare prima dell’alba di domenica.

Il capo della commissione palestinese degli affari dei prigionieri Issa Qaraqe ha condannato Israele per aver arrestato Jarrar, membro del  Fronte popolare per la liberazione della Palestina (PFLP) che dirige anche la commissione dei prigionieri del PLC ed è vicepresidente del consiglio di amministrazione del gruppo per diritti dei detenuti palestinesi Addameer. Continue reading

Posted in info, prigionieri | Tagged , , | Leave a comment