Iftar in mezzo alle rovine

14 giugno 2017 | International Solidarity Movement, al-Khalil team | Gerusalemme, Palestina occupata
Settanta persone si sono riunite nel quartiere Sur Baher di Gerusalemme Est occupata per un Iftar di solidarietà sulle macerie della casa di Ashraf e di Islam Fawaqa.

lo sfondo sono le demolizioni

​​
La casa di Fawaqa era una delle nove case palestinesi e tre negozi che furono demoliti il ​​4 maggio 2017 nella occupata Gerusalemme Est. La demolizione di case è una politica strategica di Israele che è parte integrante della loro giudaizzazione di Gerusalemme e della pulizia etnica dei palestinesi.

Continue reading

Posted in info | Leave a comment

Iftar in mezzo alle rovine

http://www.palsolidarity.org

Mostra solidarietà con le famiglie palestinesi colpite dalla politica israeliana di demolizione delle case
Partecipa con la famiglia Fawaqa alla interruzione del digiuno del Ramadan sulle macerie della loro casa demolita in Sur Baher, a Gerusalemme Est occupata (i non-digiunanti sono benvenuti)
il 13 giugno 2017 alle 18.30
Un bambino di un mese, Aya Fawaqa, stava avendo un check-up medico il 4 maggio quando suo padre, Ashraf, ha ricevuto una chiamata dai vicini che stavano dwmolendo la sua casa. Ir Amim ha riferito che nove abitazioni palestinesi e tre negozi sono stati demoliti a Gerusalemme nello stesso giorno. L’OCHA dell’ONU ha segnalato un numero record di demolizioni in Cisgiordania nel 2016. Nei primi quattro mesi del 2017, le demolizioni o le confische di strutture nella Cisgiordania hanno interessato 1.510 persone, secondo il Cluster Shelter. In tutta Palestina, le famiglie sono vittime della distruzione da parte di Israele delle case palestinesi. A Gaza, centinaia di migliaia di persone vivono in alloggi inadeguati a seguito del 2014 e dei precedenti attacchi israeliani e per il blocco illegale.
Mostra che le famiglie palestinesi non sono sole a chiedere la fine della politica immorale e illegale di Israele di distruggere le case palestinesi!
Questo evento della comunità è organizzato da volontari. Cordialmente RSVP su Facebook o telefonicamente in modo da poter preparare abbastanza sedie e tavoli. Per favore, dimmi se puoi portare cibo da condividere.
In auto, andare a Halwayat Abu Kaf sulla strada principale di Sur Baher e chiedere indicazioni per la casa di Ashraf. Con i mezzi pubblici, prendere il bus Sur Baher dalla porta di Damasco e chiedere di essere lasciato a Halwayat Abu Kaf in Sur Baher (circa 30 minuti). Chiamate per essere ritirati.

Posted in info | Tagged , , | Leave a comment

Attivista Palestinese detenuto a Hebron

www.palsolidarity.org
Un attivista palestinese di 22 anni è stato arrestato ad al-Khalil questa mattina. È stato trattenuto e interrogato per trenta minuti, prima di essere accompagnato attraverso il checkpoint di Shuhada Street. È stato rilasciato dopo un’altra mezz’ora senza alcuna accusa, ma è stato detto che le forze israeliane avrebbero attaccato la sua casa se avessero trovato un collegamento all’Autorità palestinese.
Eiman Faroukh è stato arrestato e interrogato mentre camminava nell’antico Soukh. Una volta che hanno visto che gli attivisti internazionali stavano documentando l’incidente, i soldati lo hanno portato in un vicolo fuori vista prima di chiedergli di consegnare il portafoglio e il telefono. Quando ha tentato di darli ad un amico, anche l’amico è stato minacciato di detenzione a meno che gli oggetti venissero consegnati.
Quindi hanno proceduto a accompagnarlo al check point di Shuhada Street, dove è stato interrogato ulteriormente. La polizia di frontiera è stata chiamate a interrogare gli attivisti che scattano fotografie, minacciandoli di arresto. Quando gli attivisti si sono rifiutati di andarsene, le forze israeliane hanno scortato l’uomo in Shuhada Street, dove gli attivisti palestinesi non potevano andare.

Posted in Senza categoria | Leave a comment

Due ragazzi colpiti a Hebron mentre le forze israeliane si scontrano con i manifestanti durante lo sciopero generale

https://palsolidarity.org/2017/05/two-shot-in-hebron-as-israeli-forces-clash-with-protesters-during-general-strike/

I manifestanti palestinesi si sono battuti ieri a Hebron con i soldati israeliani e la polizia di frontiera, quando i palestinesi hanno dimostrato solidarietà con lo sciopero della fame dei prigionieri. Lo scontro è durato cinque ore, con le forze israeliane che utilizzano gas lacrimogeni, bombe sonore, proiettili in acciaio rivestiti di gomma e munizioni letali per disperdere i manifestanti. Sono stati colpiti due ragazzi di 15 e 20 anni, con molti altri arrestati.

I soldati israeliani hanno iniziato l’assalto avanzando su Bab al-Zawiya dalla via Shuhada

Gli scontri sono cominciati poco dopo mezzogiorno, mentre i soldati israeliani erano usciti dal check point di Shuhada street per disperdere i giovani palestinesi, che stavano tirando pietre contro le porte del checkpoint. Continue reading

Posted in info | Tagged , , , , | Leave a comment

Grossi scontri con centinaia che dimostrano in solidarietà con lo sciopero della fame dei prigionieri

https://palsolidarity.org/2017/05/tensions-run-high-in-hebron-major-clashes-as-hundreds-demonstrate-in-solidarity-with-prisoners-hunger-strike/

Scontri sono scoppiati ieri nel centro di Hebron, mentre una dimostrazione pacifica ha incontrato con una pesante resistenza armata fatta da soldati israeliani e dalla polizia di frontiera.

I dimostranti scappano dai gas lacrimogeni durante la marcia di oggi a Hebron

Centinaia di persone si sono riunite al di fuori dello stadio di calcio di Hebron alle 13.00 prima di scendere dalla strada Ein Sarah verso la piazza Ibn Rushd, dove è stata istituita una tenda per onorare i 1.500 prigionieri attualmente in sciopero della fame nelle prigioni israeliane.
Continue reading

Posted in info | Tagged , | Leave a comment

Adolescente picchiato e trascinato via dai soldati di Hebron

17 maggio 2017 | International Solidarity Movement, Khalil Team | Al-Khalil (Hebron), Palestina occupata

Due giovani ragazzi palestinesi detenuti dalle forze israeliane a Hebron durante l’incidente di oggi

Un adolescente palestinese è stato attaccato oggi in strada da parte delle forze israeliane mentre  attraversava la città vecchia di Hebron. Mentre parlava con un lavoratore di una ONG, il 18enne è stato afferrato dai soldati e picchiato nella piena luce del giorno. Sanguinante, è stato portato nella vicina base militare Bab Al-Baladiyeh dove è attualmente detenuto. Non è ancora noto se sarà arrestato, ma può essere detenuto senza alcuna accusa per 7 giorni. Continue reading

Posted in info | Tagged , , , | Leave a comment

Le forze israeliane uccidono un palestinese di 23 anni in contrasti per gli scioperanti

http://www.maannews.com/Content.aspx?id=777018

12 MAGGIO 2017 3:43 P.M. (AGGIORNAMENTO: 12 Maggio 2017 5:09 P.M.)
BETHLEHEM (Ma’an) – Le forze israeliane hanno ucciso un palestinese di 23 anni nel villaggio di Nabi Saleh nella zona centrale vicino a Ramallah venerdì, dopo gli scontri scoppiati durante una marcia nel villaggio a sostegno di circa 1.300 palestinesi che sono in uno sciopero della fame di massa nelle prigioni israeliane, mentre decine di altri palestinesi sono stati feriti quando gli scontri sono scoppiati in diverse altre aree del territorio occupato.
I gruppi per i diritti umani hanno normalmente condannato l’uso della forza eccessiva da parte di Israele nei confronti dei manifestanti palestinesi, il che comprende tipicamente l’esplosione di proiettili di gomma, proiettili reali, bombole di gas  lacrimogeni, granate da stordimento e varie altre armi – la maggior parte delle quali hanno la possibilità di causare decessi – Ai palestinesi che lanciano pietre e ocasionalmente qualche Molotov.
Ramallah
Nel villaggio di Nabi Saleh, nella zona di Ramallah, Saba Abu Ubeid, residente del distretto di Salfit nella West Bank, è stato ucciso dopo essere stato colpito al petto con una pallottola da guerra sparata dalle forze israeliane, dopo gli scontri che sono scoppiati durante la marcia settimanale nel villaggio, secondo il ministero palestinese della salute.
Il ministero ha affermato che gli equipaggi medici hanno trasportato Abu Ubeid all’ospedale governativo di Salfit dopo che è stato colpito, quando la sua condizione è stata segnalata come critica. Tuttavia, è stato successivamente dichiarato morto dal ministero.
Il villaggio aveva lanciato la marcia settimanale dopo le preghiere del venerdì in solidarietà con le centinaia di prigionieri palestinesi durante il loro 26° giorno di uno sciopero della fame di massa nelle prigioni israeliane.
Un portavoce dell’esercito israeliano ha detto a Ma’an che “decine di palestinesi stavano lanciando pietre a Nabi Saleh”. In risposta alla “minaccia immediata” e per “preservare la quiete della regione”, le forze israeliane hanno usato “mezzi di dispersione di folla” sui manifestanti palestinesi. Il portavoce ha detto di essere a conoscenza che “uno dei ribelli è morto e un altro è stato ferito”.
Ha confermato che l’esercito israeliano aveva aperto il fuoco con munizioni letali sul gruppo di manifestanti disarmati.
Abu Ubeid è il 21esimo palestinese ad essere ucciso dalle forze e dai coloni israeliani dall’inizio del 2017, molti dei quali sono stati uccisi anche in mezzo a scontri con le forze israeliane.

Immagine del 23enne Saba Abu Ubeid del distretto della West Bank di Salfit, ucciso dalle forze israeliane 

Nel frattempo, almeno 66 palestinesi sono stati feriti nel quartiere nordoccidentale di Nablus, quando sono scoppiati gli scontri con le forze israeliane. Un palestinese è stato ferito con un proiettile letale, molti sono stati feriti da proiettili di acciaio rivestiti di gomma, mentre decine di altre persone hanno subito inalazione di gas lacrimogeno, secondo il responsabile del servizio di ambulanza per la Mezzaluna Rossa palestinese a Nablus, Ahmad Jibreel.
I testimoni hanno detto che gli scontri sono stati tra centinaia di palestinesi e le forze israeliane dopo le preghiere di venerdì, quando i palestinesi hanno marciato verso il bivio di Beita e il punto di controllo di Beit Furik in una dimostrazione a sostegno degli scioperanti della fame.
Jibreel ha detto a Ma’an che la Mezzaluna Rossa aveva curato 40 palestinesi che avevano sofferto di inalazione di gas lacrimogeno alla congiunzione di Beita, mentre 16 sono stati feriti con proiettili di gomma. Ha osservato che gli scontri al bivio di Beita erano ancora in corso a partire dalle 4 del pomeriggio.
Jibreel ha aggiunto che le forze israeliane avevano aperto direttamente il fuoco contro tre ambulanze della mezzaluna rossa durante gli scontri vicino a Beit Furik, causando danni alle ambulanze, inclusi parabrezza sfondati.
Un portavoce dell’esercito israeliano ha detto a Ma’an che avrebbe esaminato i rapporti sugli scontri a Nablus.

Qalqiliya
A Qalqiliya, Murad Shteiwi, coordinatore della resistenza popolare nel villaggio di Kafr Qaddum, ha affermato che la polizia di frontiera israeliana ha fermato la marcia settimanale del villaggio sparando bombolette di gas lacrimogeni e proiettili rivestiti di gomma ai manifestanti, causando gravi inalazioni di lacrimigeni a decine di palestinesi.
Ha aggiunto che i palestinesi avevano dato fuoco a decine di pneumatici in gomma in risposta alle forze israeliane che stavano entrando nell villaggio.
Shteiwi ha notato che la marcia è stata organizzata dal movimento Fatah e dalla commissione popolare per commemorare il 69 ° anniversario della “Nakba” (catastrofe) quando 750.000 palestinesi sono stati espulsi dalle loro terre in quello che è diventato Israele. La Nakba è celebrata ufficialmente il 15 maggio.
Un portavoce dell’esercito israeliano ha detto a Ma’an che avrebbe esaminato i rapporti sugli scontri a Kafr Qaddum.

Hebron
Nel distretto meridionale della West Bank di Hebron, parecchi palestinesi hanno sofferto anche per l’inalazione di gas di lacrimogeni durante gli scontri con le forze israeliane nel villaggio di Beit Ummar.
L’attivista locale Muhammad Ayyad Awad ha detto a Ma’an che le forze israeliane hanno sparato i gas lacrimogeni ai manifestanti dopo aver soppresso una marcia organizzata nel villaggio in solidarietà con lo sciopero della fame.

Ha detto che i palestinesi hanno risposto alle forze israeliane gettando pietre e bottiglie vuote ai soldati e bruciando pneumatici in gomma.
Awad ha aggiunto che i soldati israeliani si erano sistemati sul tetto di una casa appartenente a Mahmoud Saleh Abu Ayyash e hanno cominciato a sparare gas lacrimogeni ai giovani, che sono stati poi curati sul da equipaggi medici.
Un portavoce dell’esercito israeliano ha detto a Ma’an che un “violento scontro” era scoppiato tra circa 50 palestinesi di Beit Ummar che “hanno fanno rotolare i pneumatici in fiamme” alle forze israeliane. “Per prevenire un’escalation del disordine”, ha detto, le forze israeliane hanno usato “mezzi di dispersione” sui manifestanti.

Posted in Senza categoria | Leave a comment

Le forze israeliane uccidono una ragazza palestinese di 16 anni a Gerusalemme Est per un preteso tentativo di accoltellamento

https://www.maannews.com/Content.aspx?id=776917
7 maggio 2017
BETHLEHEM (Ma’an) – Le forze di polizia israeliane hanno sparato e ucciso una ragazza palestinese adolescente nella Città Vecchia di Gerusalemme Est occupata domenica sera dopo che lei ha tentato di effettuare un attacco con coltello, ha detto la polizia israeliana.

La portavoce della polizia israeliana Luba al-Samri ha affermato che l’adolescente è stata uccisa dopo che si è avvicinata ai poliziotti israeliani che si trovano alla porta di Damasco nella Città Vecchia tenendo un coltello.
Continue reading

Posted in info | Tagged , , | 2 Comments

Due giorni di scontri in al-Khalil a causa dello sciopero della fame dei prigionieri

30 aprile 2017 | International Solidarity Movement, Khalil Team | Al-Khalil (Hebron),  Palestina occupata

Scontri pesanti sono avvenuti  durante due giorni consecutivi mentre le forze israeliane hanno attaccato il quartiere di Bab Al-Zawiah in al-Khalil, attaccando i giovani palestinesi che protestavano in solidarietà con lo sciopero della fame dei prigionieri che è in corso. Ha provocato ferite a più persone, causate da munizioni letali e da lacrimogeni, con almeno un manifestante detenuto.

Giovedì

Gli scontri sono scoppiati giovedì nella zona di Bab al-Zawiyah di Hebron tra i giovani palestinesi e le forze dell’esercito israeliano e della polizia di frontiera. Minori scontri si erano già verificati nel souq la mattina prima che la situazione peggiorasse a mezzogiorno quando diversi plotoni di soldati israeliani, accompagnati dalla polizia di frontiera, entrarono a Bab al-Zawiah nella zona H1 controllata dai Palestinesi, provocando rabbia nel centinaio di giovani palestinesi che si sono riuniti lì.

manifestanti palestinesi, Bab al-Zawiyah

Continue reading

Posted in info | Tagged , | Leave a comment

Coloni israeliani aprono il fuoco su manifestanti palestinesi a al-Bireh

http://www.maannews.com/Content.aspx?id=776711 
27 aprile 2017
RAMALLAH (Ma’an) – Coloni israeliani hanno aperto il fuoco sui palestinesi che partecipavano a una marcia di solidarietà popolare nella città centrale di Al-Bireh occupata, secondo i locali.

Decine di palestinesi hanno marciato per le strade di al-Bireh a sostegno dei circa 1.500 prigionieri palestinesi in sciopero  della fame che sono entrati nel loro undicesimo giorno di sciopero giovedì, quando dei coloni israeliani del vicino insediamento illegale di Pesagot – costruito sulle terre di Al-Bireh – hanno aperto il fuoco sui manifestanti. Continue reading

Posted in info | Tagged , , , | Leave a comment