Sulla legittimazione dell’oppressione palestinese ad Al Khalil (Hebron)

https://palsolidarity.org/

1 dicembre 2019 | International Solidarity Movement | Al Khalil, Palestina occupata
Sabato scorso, 23 novembre, è stata la “giornata di Sarah”, una festa per la comunità ebraica che riunisce coloni israeliani da tutti i territori palestinesi occupati ed ebrei che viaggiano dall’estero, nella città palestinese di Al Khalil (noto anche come Hebron). Quest’anno, in particolare, c’è stato uno sforzo speciale da parte del Fondo Hebron per portare il maggior numero possibile di devoti, che convergevano nella zona “H2” di Al Khalil, compresa l’area della città vecchia e tutti gli insediamenti israeliani illegali circostanti.

Un cartello su Shuhada Street, Hebron,

Nella loro vita quotidiana, il diritto di movimento dei palestinesi in questa zona è severamente limitato e talvolta proibito. Le celebrazioni in arrivo hanno aggravato, se possibile, la situazione. In risposta all’enorme afflusso di coloni e persone provenienti dall’estero, il coinvolgimento militare è stato notevolmente aumentato. Continue reading

Posted in info, opinioni | Tagged , , , , | Leave a comment

“Non siamo nulla” senza l’aiuto dell’agenzia delle Nazioni Unite, afferma un rifugiato palestinese

https://www.middleeastmonitor.com/
13 dicembre 2019
La famiglia di George Salameh ha vissuto nella città palestinese di Betlemme per 70 anni. Tuttavia, preferisce che la sua famiglia sia chiamata “al-Yafawi”, che significa “di Jaffa”, un  riconoscimento alla città costiera mediterranea che la sua famiglia ha lasciato nel 1948 e che considera ancora casa, riferisce Reuters.

I palestinesi, le cui case sono state danneggiate a causa di attacchi israeliani nel 2014, organizzano una protesta con sit-in chiedendo il pagamento dell’indennità nell’edificio dell’UNRWA a Gaza City, Gaza il 9 dicembre 2019 [Ashraf Amra / Anadolu Agency]

Salameh, come molti palestinesi le cui famiglie sono diventate rifugiate dopo la guerra della metà del 20 ° secolo che ha accompagnato la creazione di Israele, considera temporanea la sua presenza nella città della Cisgiordania occupata da Israele. Continue reading

Posted in info | Tagged , , | Leave a comment

La ditta basca deve abbandonare il progetto della ferrovia in Israele – regime di apartheid

12 dicembre 2019

di Alys Samson Estapé

https://electronicintifada.net/content/basque-firm-must-quit-israels-apartheid-railway/29126

Il progetto della linea ferroviaria di Gerusalemme è progettato per consolidare l’occupazione militare israeliana di Gerusalemme est. [Debbie Hill UPI]

Lavoratori, sindaci e gruppi della società civile si stanno unendo nei Paesi Baschi per opporsi alla partecipazione della società locale CAF in un progetto di espansione della ferrovia nell’insediamento israeliano nella Gerusalemme est occupata.

Il progetto contravviene al diritto internazionale poiché consolida la presa di Israele sui territori palestinesi occupati. Partecipando al progetto, CAF sta contribuendo a gravi violazioni dei diritti umani palestinesi.

Ad agosto, un consorzio di CAF e la società di infrastrutture israeliana Saphir è stato scelto dal ministero delle finanze israeliano per espandere il progetto di insediamento ferroviario, noto come Jerusalem Light Rail (JLR). Continue reading

Posted in info | Tagged , , | Leave a comment

La marina israeliana attacca i pescatori di Gaza

https://www.middleeastmonitor.com/
11 dicembre 2019
La marina israeliana ha aperto il fuoco sulle barche dei pescatori palestinesi a Khan Yunis nella parte meridionale della Striscia di Gaza oggi nelle prime ore di questa mattina.

Pescatori palestinesi a Gaza City, Gaza [Ali Jadallah / Anadolu Agency]

I pescatori sono stati presi di mira nell’area in cui erano autorizzati a pescare. Non sono stati segnalati infortuni.

La marina israeliana effettua regolari attacchi ai pescatori durante il loro lavoro nel mare di Gaza. Un recente rapporto sui diritti umani ha confermato che l’85% dei pescatori nella Striscia di Gaza era esposto a tali violazioni. Continue reading

Posted in gaza, info | Tagged , , , | Leave a comment

I soldati israeliani sparano ai palestinesi mentre vanno a lavoro

10 dicembre 2019

https://www.middleeastmonitor.com/20191210-israel-soldiers-shoot-palestinians-on-the-way-to-work/

Le forze israeliane sparano gas lacrimogeni contro i palestinesi in Cisgiordania il 1 ° febbraio 2019 [Issam Rimawi / Anadolu Agency]

Cinque lavoratori palestinesi sono stati feriti dopo che i soldati israeliani hanno aperto il fuoco su di loro nelle prime ore di questa mattina vicino al muro di separazione nella città occupata di Tulkarem, nella Cisgiordania settentrionale.

I soldati israeliani al checkpoint hanno sparato gas lacrimogeni contro la folla che cercava di andare a lavoro, provocando il soffocamento di dozzine di persone per via dell’eccessiva inalazione di gas lacrimogeni. Continue reading

Posted in info | Tagged , , , , , , , | Leave a comment

ONG per i diritti umani: i bambini Palestinesi vengono picchiati e derubati nelle prigioni israeliane

http://qudsnen.co/
9 dicembre 2019
Palestina occupata (QNN) – Lunedì il Comitato dei prigionieri e degli ex prigionieri ha dichiarato che i minori palestinesi nella prigione di Damon sono detenuti in pessime condizioni e sottoposti a numerosi abusi.

Dopo una visita alla prigione israeliana, un avvocato del comitato ha affermato che il rappresentante dei minori palestinesi nelle carceri israeliane, Muhammad Joulani, oltre ad altri bambini detenuti, sono stati sottoposti a numerosi abusi durante l’arresto e l’interrogatorio e anche durante il trasferimento in tribunale. Continue reading

Posted in info, prigionieri | Tagged , , , | Leave a comment

WhatsApp blocca centinaia di account di giornalisti palestinesi

16 novembre 2019

https://www.middleeastmonitor.com/20191116-whatsapp-blocks-hundreds-of-palestinian-journalists-accounts/

WhatsApp ieri ha bloccato l’accesso a centinaia di giornalisti e attivisti palestinesi che hanno fornito aggiornamenti in tempo reale durante l’offensiva israeliana a Gaza, secondo quanto riportato dall’agenzia di stampa Safa.

Questo è avvenuto meno di 24 ore dopo la fine dell’offensiva israeliana di due giorni che ha provocato la morte di 34 palestinesi e il ferimento di altri 111. Continue reading

Posted in gaza, info | Tagged , , , , , , , | Leave a comment

Le forze israeliane arrestano una squadra televisiva Palestinese a Gerusalemme

http://www.palestinechronicle.com/
6 dicembre 2019 

I soldati israeliani hanno arrestato una troupe televisiva palestinese a Gerusalemme questa mattina dopo aver confiscato le loro telecamere e le apparecchiature di trasmissione.

Le forze israeliane arrestano le troupe televisive palestinesi a Gerusalemme. (Foto: tramite social media)

Un produttore con Nader Bibars della Palestina TV ha riferito che ufficiali dell’intelligence israeliana sono entrati nel set cinematografico durante la trasmissione di “Good Morning Jerusalem” sul Monte degli Ulivi nella Gerusalemme est occupata. Continue reading

Posted in info | Tagged , , | Leave a comment

I soldati israeliani feriscono 37 palestinesi a Gaza

6 dicembre 2019

https://imemc.org/article/israeli-soldiers-injure-37-palestinians-in-gaza/

Il ministero della Sanità palestinese ha riferito che soldati israeliani, venerdì, hanno ferito 37 palestinesi, tra cui 10 bambini, durante le processioni della Grande Marcia di ritorno lungo le parti orientali della Striscia di Gaza sotto assedio.

Il ministero della Sanità ha affermato che i quattro palestinesi feriti sono stati colpiti con proiettili vivi e dieci con proiettili d’acciaio rivestiti di gomma, mentre gli altri hanno subito tagli e contusioni oltre ai gravi effetti dell’inalazione di gas lacrimogeni. Continue reading

Posted in gaza, info | Tagged , , , , , | Leave a comment

La maggior parte dei legislatori francesi salta il voto che infama l’attivismo palestinese

https://electronicintifada.net/

Ali Abunimah  4 dicembre 2019

Gli attivisti non si sono scoraggiati per gli sforzi fatti in Europa per confondere il loro sostegno all’uguaglianza palestinese e ai diritti umani con l’antisemitismo. (via Facebook)

Martedì l’Assemblea nazionale francese ha approvato una risoluzione che fonde il sostegno all’uguaglianza palestinese con l’odio per gli ebrei, un’iniziativa sostenuta dalla lobby israeliana del paese.

Ma la maggior parte dei legislatori non ha preso parte al voto.

Nel frattempo, la Vallonia, una delle tre regioni federali del Belgio, ha confermato che sta ritirando la cooperazione ufficiale con Israele, citando le violazioni israeliane del diritto internazionale. Continue reading

Posted in info | Tagged , , | Leave a comment

È tempo di utilizzare l’eredità di Cuba, Venezuela e Bolivia per sostenere i palestinesi

3 dicembre 2019

https://www.middleeastmonitor.com/20191203-it-is-time-to-use-the-legacy-of-cuba-venezuela-and-bolivia-to-support-the-palestinians/

La violenza di stato contro le popolazioni indigene è senza dubbio la più visibile delle violazioni dei diritti umani e, nonostante tutto, nient’altro che una minima preoccupazione per la comunità internazionale. Dopo il colpo di stato militare in Bolivia che ha deposto il presidente indigeno Evo Morales, Israele si è assicurato un altro alleato in America Latina, il presidente ad interim di destra Jeanine Añez che ha annunciato il ripristino dei legami diplomatici con lo stato coloniale. Continue reading

Posted in info | Tagged , , | Leave a comment