I bambini beduini si uniscono allo sciopero globale del clima nella prima protesta di extinction/rebellion in Palestina

 

https://palsolidarity.org/2019/

19 ottobre | International Solidarity Movement | Umm al-Khair, South Hebron Hill
I bambini beduini in Cisgiordania hanno aderito ieri alle proteste climatiche globali, facendo valere il ruolo dell’occupazione israeliana nell’acuire gli effetti dei cambiamenti climatici sui palestinesi.

I bambini del villaggio di Umm al-Khair chiedono diritti ambientali e palestinesi durante lo sciopero climatico globale

Oltre una dozzina di manifestanti del villaggio beduino di Umm al-Khair, nelle colline a sud di Hebron, sventolavano cartelli con la scritta “vivi con la terra, vivi come i beduini”, nella prima azione di extinction/rebellion in Palestina. Continue reading

Posted in info | Tagged , , | Leave a comment

I sindacati palestinesi sollecitano il sindacato dei dipendenti di AXA a chiedere che AXA si divida dalle società di apartheid israeliane

16 0ttobre 2019

https://bdsmovement.net/news/palestinian-trade-unions-urge-axas-employee-trade-unions-call-axa-divest-companies-arming-and

AXA sta investendo oltre $ 91 milioni nel produttore di armi israeliano Elbit Systems e nelle prime cinque banche israeliane, che finanziano gli insediamenti illegali di Israele.

Noi firmatari dei sindacati palestinesi, lavoriamo per proteggere i diritti dei lavoratori palestinesi e prendiamo parte alla lotta per la libertà, la giustizia e l’uguaglianza per tutti. I sindacati hanno la responsabilità e il dovere di proteggere i diritti dei lavoratori nei loro Paesi, ma anche di proteggere gli altri lavoratori in tutto il mondo.

A noi palestinesi non è stato permesso di tornare nelle nostre case negli ultimi 70 anni. Viviamo sotto una brutale occupazione militare in Cisgiordania, sotto il blocco di Gaza e come cittadini di seconda classe in Israele – sopportiamo le politiche discriminatorie e razziste di Israele ogni singolo giorno della nostra vita. Continue reading

Posted in Senza categoria | Tagged , , | Commenti disabilitati su I sindacati palestinesi sollecitano il sindacato dei dipendenti di AXA a chiedere che AXA si divida dalle società di apartheid israeliane

Che Guevara a Gaza: la Palestina diventa una causa globale

https://www.middleeastmonitor.com/

Dr Salman Abu Sitta.       20 luglio 2015

Che visitò Gaza il 18 giugno 1959. Mentre si recava ai campi profughi palestinesi, i rifugiati lo salutarono con canzoni a sostegno della rivoluzione cubana.

La visita di Che Guevara a Gaza nel 1959 fu il primo segno di trasformare la colonizzazione sionista in Palestina da un conflitto regionale in una lotta globale contro il colonialismo. Il grilletto fu la Conferenza di Bandung nel 1955 e il risultante Movimento dei Paesi non allineati, i cui membri avevano appena scosso il giogo del dominio straniero. Il prestigio di Nasser, quale leader mondiale nella lotta contro l’imperialismo e il colonialismo, ha portato i leader mondiali a prendere coscienza dei risultati devastanti della pulizia etnica della Palestina, chiaramente dimostrata dai campi profughi di Gaza. Continue reading

Posted in info, opinioni | Tagged , , | Leave a comment

Gerusalemme riapre le sorgenti naturali, ma non ai palestinesi

15 ottobre 2019

https://www.haaretz.com/israel-news/.premium-jerusalem-opens-natural-spring-to-visitors-unless-they-re-palestinian-1.7991344?fbclid=IwAR3jNlOnhx6HxC1ldGDRhbNfYTOX107TweCn3AG60DB-jJ5AIOCHtMXua28

La sorgente di Ein Hanya, situata all’interno dei confini di Gerusalemme e vicino al villaggio di Al-Walaja in Cisgiordania, è stata chiusa ai palestinesi e pattugliata dalla polizia per tre giorni durante le festività ebraiche del Sukkot.

La sorgente naturale di Ein Hanya durante la festa ebraica di Sukkot, 15 ottobre 2019. Emil Salman

 

Martedì la polizia ha aperto  ai visitatori una sorgente naturale nella parte meridionale di Gerusalemme,, ma a condizione esplicita che i palestinesi non possano accedere al sito.
Di conseguenza, la sorgente di Ein Hanya è stata tenuta sotto forte controllo dalla polizia e dalla polizia di frontiera, che ha persino chiuso la strada che porta alle città palestinesi. Centinaia di israeliani hanno visitato il sito. Continue reading

Posted in Senza categoria | Leave a comment

Israele rapisce il governatore di Gerusalemme e il segretario di Fatah a Gerusalemme

https://www.middleeastmonitor.com/
15 ottobre 2019 
Le forze israeliane arrestano il governatore di Gerusalemme, Adnan Ghaith nella sua casa il 15 ottobre 2019 [Twitter] 

Ieri, in un raid all’alba, i soldati israeliani hanno rapito dalle loro case il governatore di Gerusalemme, Adnan Ghaith e il segretario generale di Fatah per la città, Shadi Mutwar.

“Il governatore è stato arrestato in un raid nella sua casa nel quartiere di Silwan, a Gerusalemme”, ha dichiarato la Palestinian Prisoners Society. Continue reading

Posted in info | Tagged , , | Leave a comment

La Giordania richiede ad Israele il rilascio di due dei suoi cittadini

14 ottobre 2019

https://imemc.org/article/jordan-demands-israel-to-release-two-of-its-citizens/

l governo giordano ha chiesto ufficialmente a Israele di rilasciare due dei suoi cittadini, che sono imprigionati da Tel Aviv, tra cui la giovane donna, in sciopero della fame.

Il ministero degli affari esteri giordano ha riferito che il suo ambasciatore a Tel Aviv ha chiesto ufficialmente alla parte israeliana di rilasciare immediatamente Hiba al-Lubbadi e Abdul-Rahman Mer’ey.

Ha inoltre chiesto a Israele di facilitare il loro trasferimento immediato in Giordania e ha aggiunto che ha incaricato la sua ambasciata a Tel Aviv di visitare regolarmente i due detenuti fino a quando la loro libertà non sarà garantita. Continue reading

Posted in info, prigionieri | Leave a comment

Lo stato israeliano considera ufficialmente di dare agli ebrei il permesso di pregare ad Al-Aqsa

https://imemc.org/
 13 ottobre 2019
Il ministro israeliano della pubblica sicurezza Gilad Erdan ha dichiarato, venerdì, che lo stato di Israele sta valutando la possibilità di consentire agli ebrei di pregare all’interno della moschea di Al-Aqsa.In una dichiarazione ufficiale, Erdan ha dichiarato: “Sono sicuro che ciò accadrà presto, a Dio piacendo”. Ha sottolineato che “la situazione a Gerusalemme si sta dirigendo verso il recupero della sovranità e il controllo del luogo. Raggiungeremo il nostro obiettivo quando più ebrei esprimeranno il loro desiderio di visitare il Monte del Tempio (Al-Aqsa, ndr). Quindi ci sarà una pressione crescente a seguito di una domanda crescente. Spero che questo accada presto. Quando arriveremo a questo stadio, lavoreremo e spingeremo per cambiare lo status quo storico a Gerusalemme alla luce del rispetto degli interessi internazionali per Israele “. Continue reading

Posted in info | Tagged , , | Leave a comment

I coloni israeliani illegali attaccano i palestinesi durante la raccolta delle olive a Burin

12 ottobre 2019 

https://imemc.org/article/illegal-israeli-colonists-attack-palestinians-picking-their-olive-trees-in-burin/

Un gruppo di fanatici coloni israeliani illegali ha attaccato, sabato, gli agricoltori palestinesi mentre raccoglievano le olive nei loro frutteti nel villaggio di Burin, a sud della città di Nablus, nella Cisgiordania settentrionale.

Ghassan Daghlas, un ufficiale dell’Autorità Palestinese che controlla le attività illegali dei coloni israeliani nella Cisgiordania del nord, ha affermato che gli aggressori provenivano dalla colonia di Yitzhar, costruita sulle terre palestinesi, a sud di Nablus. Continue reading

Posted in info | Tagged , , , , , | Leave a comment

L’esercito rapisce uno studente, ferisce diversi giovani, a Ramallah

https://imemc.org/
 11 ottobre 2019
I soldati israeliani hanno invaso, venerdì all’alba, il quartiere al-“Irsal nella città di Ramallah, nella Cisgiordania centrale, e hanno rapito uno studente della Birzeit University, da casa sua, dopo averlo aggredito ripetutamente.

I soldati hanno invaso la casa della famiglia di Fadi a-Tarsha, e lo hanno ripetutamente assalito mentre perquisivano e saccheggiavano violentemente la proprietà, hanno riferito fonti dei media.

Le fonti hanno aggiunto che i soldati hanno ammanettato e bendato il giovane e lo hanno portato a una destinazione sconosciuta. Continue reading

Posted in info | Tagged , , | Leave a comment

I costruttori delle mura israeliane dell’apartheid traggono benefici dalla militarizzazione dei confini statunitensi

8 ottobre 2019

https://electronicintifada.net/blogs/nora-barrows-friedman/builders-israels-apartheid-walls-profit-us-border-militarization

La militarizzazione del confinedegli Stati Uniti con il Messico utilizza una tecnologia testata sui territori palestinesi. [Art Foxall UPI]

Una grande azienda israeliana di armi è stata nominata come uno dei maggiori beneficiari della militarizzazione dei confini statunitensi.

Secondo la ricerca del giornalista Todd Miller, Elbit Systems ha ottenuto contratti per un valore di $ 187 milioni dal governo degli Stati Uniti.

Il più grande, assegnato durante l’amministrazione Obama, è quello per la costruzione di più di 50 torri di sorveglianza vicino al confine tra Stati Uniti e Messico per l’agenzia del governo degli Stati Uniti. Continue reading

Posted in info | Tagged , , , , , | Leave a comment