Chiamata per i volontari: Raccolta olive 2019

https://palsolidarity.org/

25 agosto 2019 | International Solidarity Movement | Palestina occupata

In un momento di regolare violenza da parte dei coloni in Cisgiordania, l’International Solidarity Movement (ISM) sta lanciando un invito urgente affinché i volontari si uniscano a noi per la campagna della raccolta delle olive del 2019 su invito delle comunità palestinesi.
L’olivo è un simbolo nazionale per i palestinesi. Dato che migliaia di ulivi sono stati demoliti, sradicati e bruciati dai coloni e dai militari israeliani – oltre mezzo milione di ulivi e alberi da frutto sono stati distrutti dal settembre 2000 – la raccolta è diventata più che una fonte di sostentamento; è diventata una forma di resistenza.
Nonostante gli sforzi dei coloni e dei soldati israeliani per impedire loro di accedere alla loro terra, le comunità palestinesi sono rimaste ferme nel rifiuto di rinunciare alla raccolta delle olive. Continue reading

Posted in info, training | Tagged , , , | Leave a comment

Le forze israeliane sparano a una donna palestinese al checkpoint

https://www.middleeastmonitor.com/
18 settembre 2019 
Il personale di sicurezza israeliano ha sparato a una donna palestinese ad un posto di blocco nella Cisgiordania occupata mercoledì, ha detto la polizia israeliana, e funzionari palestinesi hanno riferito che è morta in conseguenza, riferisce Reuters.

Le forze israeliane adottano misure di sicurezza bloccando la strada, dopo che una donna palestinese, 50 anni, è stata colpita e martirizzata da loro nel campo profughi di Qalandia, a sud di Ramallah, in Cisgiordania, il 18 settembre 2019 [Issam Rimawi / Anadolu Agency]
I

La Cisgiordania, tra i territori in cui i palestinesi cercano il loro stato, ha visto crescere la violenza di strada da quando i colloqui di pace sponsorizzati dagli USA con Israele si sono interrotti nel 2014. Continue reading

Posted in info | Tagged , , | Leave a comment

Ricordando il massacro di Sabra e Shatilla 35 anni dopo

https://imemc.org/
 17 settembre 2019
di Nabil Mohamad

Il 16 settembre 1982, in seguito all’invasione israeliana del Libano, la milizia di destra di Christian Phalange prese d’assalto i campi profughi di Sabra e Shatilla, a Beirut occidentale, e iniziò un massacro che si concluse con la morte di centinaia, forse migliaia, di palestinesi civili. Avevo 19 anni, al momento. Per caso e per fortuna, sono riuscito a sopravvivere. Mia madre e cinque sorelle e fratelli più giovani; mio zio, sua moglie e otto figli, no.

È tempo di porre fine alla cultura dell’impunità israeliana che ha permesso il massacro di Sabra e Shatilla, 35 anni fa.

L’invasione israeliana iniziò il 6 giugno 1982. Dopo molte distruzioni, la Palestine Liberation Organization (PLO), che aveva difeso i campi sin dal suo inizio, accettò di lasciare il Libano ad agosto. Furono assicurati dagli americani che i civili lasciati indietro sarebbero stati protetti. Il presidente eletto del Libano e il capo della Falange sono stati assassinati il ​​14 settembre. L’esercito israeliano ha continuato a invadere e occupare West Beirut. Continue reading

Posted in opinioni | Tagged | Leave a comment

Nuovo avamposto dei coloni vicino a Gerusalemme

https://imemc.org/
15 settembre 2019

I coloni israeliani, domenica, hanno impiantato un nuovo avamposto sul monte Al-Muntar, a est della città palestinese di Sawahra.

Secondo fonti locali PNN, un numero di coloni ha collocato diverse  “mobile homes” e recipienti d’acqua sulla montagna, oggi alle 4 del mattino.

Testimoni oculari hanno riferito che, due giorni fa, alcuni coloni hanno tentato di installare un container nella città, a sud dell’insediamento di Kedar. Tuttavia, i residenti nell’area glie lo hanno impedito.

Posted in info | Tagged , , , | Leave a comment

Il 74 ° venerdì della Grande Marcia del Ritorno: 75 civili feriti, tra cui 34 bambini, 1 donna e 1 giornalista

https://pchrgaza.org/

13 settembre 2019

Il 74 ° venerdì della Grande Marcia del Ritorno, 75 civili sono rimasti feriti a seguito del continuo uso da parte dell’esercito israeliano di una forza eccessiva contro le proteste pacifiche lungo il confine orientale della Striscia di Gaza; 34 bambini, 1 donna e 1 giornalista, sono stati feriti venerdì 13 settembre 2019.

Le forze israeliane hanno continuato a esercitare una forza eccessiva contro i palestinesi usando munizioni vive e prendendo di mira la parte superiore del corpo dei manifestanti; PCHR ha registrato 35 feriti con proiettili vivi questa settimana, 2 ritenuti estremamente critici. Continue reading

Posted in gaza, info | Tagged , , , | Leave a comment

Apartheid israeliano a Masafer Yatta: incursioni, demolizioni, arresti e pestaggi

https://palsolidarity.org/
14 settembre 2019

Inizia con una notte di violenza: parte dall’irruzione in più villaggi e termina con 7 strutture demolite, 4 famiglie rimaste senza tetto, 2 palestinesi arrestati, 1 picchiato e ricoverato in ospedale, 1 auto confiscata e 1 strada di accesso principale gravemente danneggiata: così le forze di occupazione israeliane continuano il loro assalto in corso a livello locale contro la comunità di Masafer Yatta.

I soldati israeliani hanno fatto irruzione in 8 villaggi da mezzanotte alle prime ore del mattino, risvegliando i residenti e perquisendo le case senza fornire una ragione o un mandato.

Masafer Yatta è una raccolta di oltre 20 villaggi vicino a Hebron, nel profondo sud della Cisgiordania. La maggior parte dei palestinesi che vivono qui allevano bestiame per vivere; alcuni sono beduini, che una volta viaggiavano con i loro cammelli e greggi attraverso le aspre colline, prima che Israele invadesse nel 1967 e occupasse la zona. Nonostante gli scavi archeologici che mostrano che i villaggi sono stati lì fin dai primi tempi dell’era romana e bizantina, l’esercito israeliano dichiarò l’area una zona di esercitazioni negli anni ’70 e annunciò piani per demolire la maggior parte dei villaggi. Mentre ai palestinesi nella Firing Zone 918 è vietato guidare automobili o possedere qualsiasi tipo di materiale da costruzione, i coloni israeliani negli insediamenti di Maon, Avigal e Susya, illegali ai sensi del diritto internazionale, continuano a costruire nuove case e fattorie e sono liberi di viaggiare dentro e fuori dalla zona. Continue reading

Posted in Senza categoria | Leave a comment

120 detenuti pronti a unirsi allo sciopero della fame, mentre la tensione continua a salire

https://imemc.org/
13 settembre 2019
Due giorni dopo che 23 prigionieri politici palestinesi nelle carceri israeliane hanno iniziato uno sciopero della fame, altri 120 stanno pianificando di unirsi allo sciopero, soprattutto se l’autorità israeliana della prigione continua a ignorare le loro richieste, compresa l’attuazione di ciò che ha concordato nell’aprile di quest’anno.

I detenuti hanno affermato che l’autorità carceraria continua non solo a ignorare le loro richieste, ma sta anche rifiutando di attuare quanto concordato lo scorso aprile, dopo aver accettato di installare telefoni pubblici e di rimuovere i dispositivi di inceppamento del segnale telefonico, installato in varie carceri, che ha causato complicazioni alla salute di diversi detenuti. Continue reading

Posted in info, prigionieri | Tagged , , | Leave a comment

I soldati israeliani demoliscono vaste aree di terre palestinesi e distruggono pozzi, vicino a Tubas

12 settembre 2019

https://imemc.org/article/israeli-soldiers-bulldoze-large-areas-of-palestinian-lands-near-tubas/

Dozzine di soldati israeliani, accompagnati da bulldozer, hanno invaso vaste aree di terre agricole palestinesi, giovedì mattina, e hanno iniziato a sradicarle e a distruggere i pozzi d’acqua.

Abdullah Bisharat, capo del Consiglio del villaggio di Atouf, ha affermato che i soldati hanno invaso le terre nell’area di Um Kbeish, nella parte occidentale del villaggio, e hanno iniziato a demolire e sradicare centinaia di dunam di terreni agricoli palestinesi. Continue reading

Posted in info | Tagged , , , , , , | Leave a comment

L’occupazione è buona per i palestinesi, afferma il capo dell’opposizione israeliana

https://electronicintifada.net/

Ali Abunimah 10 settembre 2019

Benny Gantz, capo dell’esercito israeliano durante il massacro di Israele del 2014 a Gaza, sta prendendo in prestito i punti di discussione dell’apartheid in Sudafrica per rafforzare la sua campagna elettorale.

L’ex capo dell’esercito israeliano Benny Gantz pensa che l’occupazione militare israeliana sia una benedizione per i palestinesi. Compete per rovesciare Benjamin Netanyahu alle elezioni israeliane di questo mese. (via Flickr)

Gantz dirige la presunta coalizione di opposizione di centro-sinistra nella speranza di sconfiggere Benjamin Netanyahu alle elezioni israeliane alla fine di questo mese. Continue reading

Posted in info, opinioni | Tagged , , | Leave a comment

Israele: l’Alta Corte dà il via libera all’esercito per il rifiuto di rilasciare i corpi dei palestinesi

10 settembre 2019

https://www.middleeastmonitor.com/20190910-israel-high-court-gives-green-light-for-army-to-block-release-of-palestinian-bodies/

I medici palestinesi portano il cadavere di Ali Sami Aska Al-Ashqar che è stato ucciso dalle forze israeliane durante la Grande Marcia del Ritorno ‘a Gaza il 6 settembre 2019 [Ramez Habboub / Anadolu Agency]

Lunedì l’Alta Corte israeliana ha dato il via libera all’esercito israeliano per quanto riguarda il blocco del rilascio dei corpi dei palestinesi uccisi dalle forze di occupazione, ha rivelato Gerusalemme Legal Aid and Human Rights Center (JLAC). I cadaveri saranno usati come gettoni di scambio in qualsiasi futura trattativa tra israeliani e palestinesi.

Il JLAC ha affermato che un’audizione allargata della Corte Suprema di sette giudici ha decretato da 4 a 3 a favore dell’esercito israeliano che ha il potere di trattenere i corpi dei palestinesi morti per usarli a tali scopi. Continue reading

Posted in info | Tagged , , , , | Leave a comment

Video: andare a scuola sotto l’occupazione israeliana

5 settembre 2019

https://electronicintifada.net/content/video-going-school-under-israeli-occupation/28046

Omar Hajajleh è un autista di scuolabus del villaggio occupato di al-Walaja, in Cisgiordania .

Al-Walaja si trova tra la città di Betlemme e Gerusalemme est occupata.

Il muro di separazione costruito da Israele nel 2015 attraversa i terreni di Hajajleh, tagliando la sua casa di famiglia dal resto del villaggio. Continue reading

Posted in info | Tagged , , , , , , , | Leave a comment