Al-Kadoorie: la sola università con un campo militare illegale all’interno del suo campus

18 Novembre 2015 | International Solidarity Movement, Huwara Team | Tulkarm, Palestina occupata
Il 17 novembre, in un incontro all’università al-Kadoorie, nella città di Tulkarem, il direttore per i rapporti esterni dell’istituzione, sig.Azmi Saleh, e un gruppo di studenti, hanno descritto le recenti violazioni dei diritti umani portate avanti dall’esercito israeliano nei confrontindegli studenti dell’Università.

image

Mr. Azmi Saleh, Director of Public Relations, University of Al Kadoorie.

Dall’inizio di ottobre, l’esesrcito israeliano ha compiuto i suoi raid nell’università mentre gli studenti erano occupati con lezioni ed esami. Mohammed, uno degli studenti presenti,  ha spiegato: 

“Ogni giorno entrano nel campus spatando in aria con i loro fucili o la ciando candelotti lacrimogeni. Appena usciamoma vedere cosa succede, cominciamo a spararci. Non ne possiamo più di vedere i nostri amici e compagni di studi colpiti da proiettili o imprigionati”.

Circa 350 studenti sononstati feriti dall’inizio di ottobre, il che vuol dire che quotidianamente ci sono studenti feriti mandati all’ospedale. Così,  dodici studenti sono stati in prigione per sei mesi. Non si sa niente su quando verranno scarcerati.

 

image

Su questo banco, macchie di sangue di uno studente ferito, che ha avuto bisogno di cure immediate sul posto, in un momento in cui l'ospedale era troppo pieno per ricavere altri studenti feriti.

 In oltre, l’esercito israeliano non ha dato spiegazioni ufficiali sul perché vengano commessi questi crimini. Il personale aministrativo ha cercato di comunicare con le autorità dell’esercito per sapere perché succede questo e per persuaderlia smettere, ma l’esercito israeliano non ha risposto ai reclami.

Gli studenti dell’Università al kadoorie esprimono i loro timori e le lore sofferenze, chiedendo alla comunità internazionale di muoversi contro queste violazioni dei diritti umani.
Gli studenti hanno paura di recarsi all’università, è chiaro che queste azioni impediscono loro di continuare gli studi.
Negki ultimi decenni,  le forze israeliane di occupazione hanno rubato oltre 200 dunum di terreno dell’università Al Kadoorie. In un’area dove funzionavano le serre appartenenti al centro di ricerca della Facoltà di agricoltura, l’esercito israeliano ha installato un campo di esercitazioni, mantenedolo per 21 anni. Il mjro dell’apartheid, giusto alle spalle del campo di esercitazione, funziona da confine tra la West Bank e lo stato di Israele, lascaindi l’università come vera estremità della West Bank.

image

Una delle 4 serre che funzionavano nel centro di ricerca della Facoltà di Agricoltura, oggi giace vuoto all'interno del campo di addestramento

 

image

Dietro il campo di addestramento trovi il muro dell'apartheid, con una torretta militare che segnala il confine tra la West Bank, le pertinenze dell'Università e lo Stato di Israele.

 Due giorni fa, dopo settimane di sopportare questi raid, l’Università ha deciso di portare una ruspa, per buttare giù le strutture del campo di addestramento, da dove partono le operazioni dei soldati. Le forze israeliane hanno confiscato la ruspa e trattenuto il vice presidente per oltre mezz’ora, con la minaccia di procedere ad un arresto.
È importante notare che fli studenti di Al Kadoorie partecipano regolarmente alle mankfestazioni pacifiche contro il mjro dell’apartheid che si trova così vicino al  loro campus e contro la zona industriale le cui fabbriche inquinanti sono sospettate di emissioni di pericolosi residui chimici. Gli studenti lamentano frequenti problemi cutanei. Anche se le proteste degli studenti hanno ragioni legittime, i raid militari degli Israeliani chiedono la fine delle manifestazioni.

 

image

L'università Al Kadoorie è frequentata da circa 7.000 studenti all'anno, provenienti da tutti i distretti della Wrst Bank, compreso qualche studente da Gaza.

 

This entry was posted in info and tagged , . Bookmark the permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *