Vedova, 63 anni, vive in una casa isolata di fronte a un posto di blocco

4 gennaio 2015 | International Solidarity Movement,Tulkarem team | Jubara, Palestina occupata

Alla periferia del villaggio di Jubara, al confine con il checkpoint Jubara, si trova la casa di Shawqiye Hamaide, Umm Yousef, di 63 anni.  Madre di due figlie e nonna di 6 bambini, Umm Youssef è originaria del villaggio di Beit Lid, ma si è trasferita in questa casa 35 anni fa, quando ha sposato il marito, che qui nacque. Oggi, dopo che il marito è morto molti anni fa e le sue figlie si sono sposate e hanno lasciato la casa, vive qui da sola in questa zona molto isolata.

image

Umm Youssef nel suo cortile. Potete vedere il posto di blocco proprio dietro di lei.

image

Come indicato nel cerchio arancione, la casa (triangolo nero) di Umm Youssef si trova ai margini della strada 557, di fronte al punto di arresto (X), un tumulo di terra (punto nero) e accanto al Muro dell'Apartheid (linea rossa).

La sua casa è molto vecchia e povero; ci sono diverse crepe nel tetto e nelle pareti, dove ci sono perdite d’acqua in inverno. Le finestre non hanno pannelli di vetro, ma solo le persiane, il che rende molto freddo in inverno. A volte, in estate, i serpenti entrano in casa attraverso le persiane.

image

Macchie di vernice si staccano dal soffitto e dalle pareti, con perdite di acqua nell'impianto durante i mesi invernali.

image

Perdite d'acqua in molte parti della sua casa, ma lei non ha i mezzi finanziari per ripararlo.

Nel 2000, quando l’esercito israeliano ha iniziato a costruire il Muro dell’Apartheid davanti alla sua casa, i soldati l’hanno minacciato di andarsene dicendo che  con il movimento delle ruspe “della terra potrebbe farla cadere casa, dal momento che si tratta di una costruzione molto antica. Ma nonostante questa minaccia, ha rifiutato di andarsene. Vuole vivere qui per il resto della sua vita e morire in questa casa.

image

Queste crepe sono apparse quando l'esercito israeliano ha spianato con i bulldozer il terreno adiacente per costruire il Muro dell'Apartheid.

Dice anche che è molto comune  che si verifichi scontri tra i giovani del  Campo profughi di Tulkarem , che gettano le pietre dalla collina di fronte alla sua casa verso il posto di blocco militare, e ai soldati israeliani, che rispondono con il fuoco di munizioni vere, e altri tipi di armi. Ci sono momenti, così, quando i soldati del posto di blocco praticano il tiro verso la sua casa. Ha anche 7 alberi di ulivo nel suo giardino, e durante la stagione del raccolto, quando lei prende le olive da lei stessa, i soldati sparano nella sua direzione.

image

Spesso, i militari israeliani fanno addestramento con tiri verso la sua casa, la creazione di questo buco nel muro è conseguente.

La vita in questa zona vulnerabile ed emarginata è diventata più stressante solo dopo la visita di un uomo, che sosteneva di essere un palestinese dalla città di Nazaret che bussò alla sua porta circa un anno fa. Dicendo che voleva sposare una donna dalla Cisgiordania, ha prima offerto a Umm Youssef di acquistare la sua casa per 1 milione di shekel. L’uomo è venuto alla sua porta 7 volte quest’anno già, infine raddoppiando l’offerta a 2 milioni di shekel. Ma non solo lei non è interessata a vendere la sua casa, è anche altamente improbabile che qualcuno vorrebbe pagare un prezzo così alto e iniziare una vita di sposi in una casa in tali condizioni precarie.

Infine, i suoi sospetti che quest’uomo sia un israeliano e cerca di continuare a colonizzare terreni, sono stati confermati quando lo vide un giorno indossare la divisa militare nel checkpoint. Lei dice che lui e un altro uomo hanno cambiato i loro vestiti per abiti civili, e hanno guidato una macchina in direzione di Tulkarem. Sospetta che queste persone potrebbero essere parte del Shabak o Mossad.

image

La torre sorveglianza militare come si è visto attraverso il suo giardino. La sua proprietà confina con il checkpoint.

image

Un'altra sezione del checkpoint come si vede dal suo balcone.

Si tratta di una tattica comune del progetto sionista di mettere intermediari di terze parti per acquistare la terra palestinese e poi vendere ai cittadini israeliani, ai coloni o alle autorità, nel tentativo di continuare a colonizzare e fare pulizia della popolazione nativa. In molti casi, i palestinesi che vendono la loro terra in questo modo non sanno le intenzioni che stanno dietro questi acquisti. Pertanto, la decisione di Umm Youssef di non vendere la sua casa è fondamentale per prevenire l’ulteriore colonizzazione della terra palestinese.

image


Le finestre della sua casa hanno solo persiane, e senza pannelli di vetro, il che rende molto freddo in inverno.

image


Come evidenziato dal cerchio rosso, la casa di Umm Youssef siede da solo accanto alla collina, si affaccia direttamente sul posto di blocco.

This entry was posted in info and tagged , , . Bookmark the permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *