I soldati israeliani provocano scontri a Ni’lin- tornano ad arrestare i giovani

 

Israeli soldiers provoke clashes – return to arrest youths

Ni’lin 15 ottobre

 

 

La sera di martedì 11, alle 8 di sera, quattro jeep militari israeliane hanno invaso il villaggio di Ni’lin, si sono stabilite nel centro del paese, hanno iniziato a offendere le persone di passaggio. Hanno vandalizzato il villaggio sparando granate assordanti nei negozi nel centro del paese.

 

 

copyimage-11166196804151_812_673

Dopo 20 minuti i giovani hanno iniziato mettere su blocchi stradali con pietre, al fine di evitare che i soldati invadessero ulteriormente il paese e gli scontri sono scoppiati. I soldati hanno iniziato a sparare proiettili veri verso i giovani che hanno risposto lanciando pietre. Gli scontri sono durati per un’ora e durante questo tempo i soldati hanno sparato proiettili veri e lacrimogeni alle automobili e contro le case nel centro di Ni’lin.

 

Tre case hanno avuto le finestre rotte e le famiglie all’interno hanno sofferto per aver respirato gas lacrimogeni. Undici macchine hanno avuto anche i finestrini rotte da proiettili durante gli scontri. Tre persone sono rimaste ferite da proiettili ricoperti di gomma e curati dal team di volontari Red Crescent a Ni’lin. Per fortuna nessuno sembra essere stato colpito dal fuoco vivo dei soldati.

Dopo un’ora di scontri i soldati hanno lasciato il paese e bloccato l’entrata del villaggio come punizione collettiva nei confronti del popolo di Ni’lin.

Tuttavia, i soldati tornarono alle 3.30 della notte con dieci jeep militari e quasi un centinaio di soldati a piedi. Hanno fatto irruzione in otto case, rotto le porte, i mobili e violentemente arrestato quattro uomini del villaggio: Hamza Hazim, 18, Mo’taz Salah, 18, Zohdi Ali, 21 e Barakat Nafi, 39.

Dinuovo ieri (Venerdì) alle 03:00, otto jeep militari israeliane hanno invaso il villaggio e hanno arrestato Mohammed wa’ed, 22 e Khalil galena, 21, dalle loro case.

Fino ad ora non si sa dove i sei sono stati portati o dove lo stanno tenendo.

This entry was posted in info and tagged , . Bookmark the permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *