7 palestinesi detenuti, 8 ricoverati in violenti scontri causati da militari israeliani

https://www.maannews.com/Content.aspx?id=777816
27 giugno 2017

BETHLEHEM (Ma’an) – Le forze israeliane hanno arrestato almeno sette palestinesi nelle incursioni prima dell’alba in West bank occupata martedì, con tre incursioni aggressive che scatenano scontri, quando le forze israeliane hanno preso di mira giovani locali con armi da guerra e hanno lanciato  gas lacrimogeno nelle case.

Durante un violento raid nel campo profughi al-Duheisha nel distretto di Betlemme della West Bank occupata, almeno otto palestinesi sono stati feriti, tra cui sei colpiti da proiettili nelle gambe – uno dei quali era un paramedico in servizio il cui ratello è stato arrestato, e un giovane che è stato investito da un veicolo militare israeliano.

I locali hanno affermato che diversi veicoli militari israeliani hanno fatto irruzione nel campo profughi attorno all’alba, circondandolo da più aree, con cecchini schierati sui tetti delle case.

Gli scontri sono scoppiati tra i soldati israeliani e la gioventù locale agli ingressi del campo, con le forze israeliane che sparano pallottole in acciaio rivestite di gomma, pallottole da guerra e lacrimogeni.

Alaa al-Balaawi, paramedico per la Società di Soccorso Medico Palestinese, era in uniforme, mentre curava i residenti che soffrivano per inalazione di gas lacrimogeni, quando è stato colpito a una gamba.

Le forze israeliane poi hanno fatto irruzione nella casa di Al-Balaawi, hanno perquisito, hanno aggredito il padre e hanno arrestato suo fratello Shahrayar, a quanto è stato detto a Ma’an dalla gente del posto.

Cinque altri palestinesi sono stati colpiti nelle gambe con fuoco letale e un altro è stato ferito con un proiettile d’acciaio rivestito di gomma alla testa.

Un residente, che è stato descritto dai locali come un “giovane” non identificato ulteriormente, è stato ferito dopo che era stato ivestito da un veicolo militare israeliano.

Gli otto feriti sono stati tutti portati agli ospedali locali per le cure.

In risposta a una richiesta di commento, un portavoce dell’esercito israeliano ha dichiarato a Ma’an che “oltre 20 palestinesi hanno lanciato bombe Molotov e sassi alle forze israeliane  a Al-Duheisha. Le forze hanno risposto con mezzi di controllo della folla per disperdere la rivolta e un istigatore è stato arrestato.

Quando gli viene chiesto quale sia stato lo scopo del raid in primo luogo, il portavoce ha detto che le forze stavano conducendo un’attività operativa e non fornivano ulteriori dettagli.

I gruppi per i diritti umani hanno precedentemente documentato l’obiettivo dell’esercito israeliano in un attacco a giovani palestinesi in Al-Duheisha con un fuoco letale nelle ginocchia e nelle gambe in un presunto tentativo di paralizzarli per la vita.

Nel frattempo, le forze israeliane hanno fatto scorrere la città di Beit Ummar nel distretto di Hebron, per arrestare tre giovani palestinesi, tra cui un minore, causando scontri che hanno lasciato diverse persone sofferenti per inalazione di gas lacrimogeni e la finestra di una casa spaccata da un lacrimogeno.

L’attivista locale Muhammad Ayyad Awad ha identificato i detenuti come il 21enne Muhye Falah Hamdi Abu Maria, il 18enne Wajih Fathi Younis Sabarneh e il 17 anni, Rashed Bashar Issa Zaaqiq, arrestati dopo che le forze israeliane pewrquisivano le loro case.

Mentre le forze israeliane si sono ritirate dalla città, i soldati aprivano il fuoco letale e sparavano le gas lacrimogeni  ai giovani che tiravano sassi e Molotov ai soldati.

Molti giovani e residenti hanno sofferto oer inalazione di gas lacrimogeno. Un lacrimogeno sparato in una casa appartenente a Shihdeh Sabarneh ha rotto una finestra, costringendo i residenti a fuggire dalla casa.

Un portavoce dell’esercito israeliano ha confermato le tre detenzioni a Beit Ummar e in risposta a una richiesta di commento sugli scontri ha dichiarato che “durante un’attività operativa, decine di palestinesi hanno lanciato cocktail Molotov alle forze che hanno utilizzato metodi di controllo della folla per disperdere e controllare la sommossa.”


This entry was posted in info and tagged , , . Bookmark the permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *