Le forze israeliane attaccanno la dimostrazione pacifica a Betlemme [VIDEO]

23 luglio 2017 |International Solidarity Movement, al-Khalil team | Betlemme, Palestina occupata

Le forze israeliane hanno attaccato una dimostrazione pacifica a Betlemme, mercoledì, usando gas lacrimogeni e pallottole in acciaio rivestito di gomma su una folla di circa 200 palestinesi. I manifestanti stavano protestando contro le nuove restrizioni di accesso introdotte da Israele alla moschea di Al-Aqsa di Gerusalemme. I leader palestinesi hanno chiesto un ‘giorno di rabbia’ in risposta ai cambiamenti.

I dimostranti hanno marciato giù per Hebron Road verso la Tomba di Rachel, cantando e portando cartelli. Quando il gruppo ha raggiunto i cancelli del checkpoint, sono stati immediatamente attaccati con gas lacrimogeni e bombe sonore. Mentre la maggior parte dei manifestanti si sono ritirati, i giovani palestinesi hanno risposto lanciando pietre ai soldati e alla polizia israeliani, che a sua volta ha risposto con proiettili in acciaio rivestiti di gomma e gas lacrimogeni in quantità.

Ci sono stati diversi arresti in quanto le forze israeliane hanno molestato attivisti e giornalisti palestinesi nei pressi del checkpoint. Un bus carico di turisti è arrivato in un hotel vicino durante lo scontro e sono stati colpiti da gas lacrimogeni. Le forze israeliane hanno usato due volte un lanciatore Venom attaccato sopra un veicolo corazzato per sparare gas lacrimogeno alla folla.

Un gruppo di manifestanti ha tenuto due preghiere in mezzo alla strada, vicino al punto di controllo, nonostante la polizia israeliana abbia lanciato gas lacrimogeni ad altri manifestanti. Queste preghiere sono state eseguite come atto di solidarietà con i fedeli a Gerusalemme, che non possono pregare nella moschea di Al-Aqsa a causa delle nuove restrizioni introdotte da Israele questa settimana.

Oltre a molestare giornalisti e attivisti, le forze di occupazione israeliane hanno controllato gli ID di dimostranti a caso e hanno chiesto illegalmente di fotografare i passaporti dei giornalisti.

This entry was posted in info and tagged , , . Bookmark the permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *