Le IOF lanciano 10 missili nella terra agricola di Gaza

http://english.pnn.ps/2018/02/19/iof-fire-10-missiles-into-gaza-agricultural-land/

PNN / Gaza /

L’aviazione  dell’occupazione israeliana, lunedì ha sparato 10 missili su un terreno agricolo ad est di Rafah, nella striscia meridionale di Gaza, in risposta a un precedente presunto attacco.

 Dieci bombe sono scoppiate nei campi, sventrando la terra e seminando una morte durevole nel profondo delle sue budella. (Photo correspondant Assawra)

L’attacco ha causato gravi danni nell’area, mentre Israele ha affermato che si trattava di “tunnel” gestiti dalla resistenza di Gaza.

https://assawra.blogspot.it/2018/02/terre-eventree.html

“Nella varietà degli atti criminali commessi dall’occupante contro la Palestina e illuso popolo, questo è uno dei più odiosi. Non una goccia di sangue, non un morto.

Solo bombe sganciate su un terreno agricolo. La terra è scossa in profondità e resa sterile con prodotti chimici altamente nocivi.
Non crescerà più niente….
Era il compito assegnato all’alba di questo 19 febbraio 2018 a dei piloti dell’aviazione israeliana sopra la periferia est della città di Rafah, nel sud di Gaza.
Missione compiuta con successo.
Dieci bombe sono scoppiate in pieno campo, sventrando la terra e seminando una morte durevole fino al profondo delle sue interiora.
Come per rendere la vita impossibile… quella che resiste al blocco.”

Fonti israeliane hanno detto che un proiettile, che è stato sparato dalla regione costiera di Gaza, si è schiantato nel Consiglio regionale di Sha’ar HaNegev e ha affermato che un razzo ha colpito una casa nella zona senza causare danni o vittime.

Sempre domenica, due palestinesi, identificati come Salem Mohammed Soliman Sabbah, 17 anni, e ‘Abdullah Ayman Salim Irmeilat, 15 anni, sono stati uccisi dai raid aerei israeliani su Rafah, dopo che quattro soldati sono rimasti feriti quando un ordigno è esploso vicino al loro veicolo vicino al confine nel sud di Gaza.

This entry was posted in gaza, info and tagged , , . Bookmark the permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *