Le forze di occupazione invadono il centro di Al-Khalil / Hebron arrestando due adolescenti da un negozio

3 marzo 2018 | International Solidarity Movement, al Khalil team | Palestina occupata
I soldati israeliani hanno invaso Bab-al-Zawiye oggi mentre i giovani protestavano contro l’occupazione illegale della Palestina. I soldati hanno usato fotocamere con teleobiettivi  per fotografare i manifestanti per oltre un’ora. Israele controlla il registro della popolazione di tutti i palestinesi con un sistema di ID restrittivi. I manifestanti identificati possono essere arrestati dalle loro case in qualsiasi momento.

Successivamente i soldati hanno inseguito i giovani attraverso gli stretti vicoli e le strade del quartiere del centro, esplodendo granate stordenti e sparando gas lacrimogeni. Famiglie con bambini piccoli vivono in appartamenti nel quartiere dove nuvole di lacrimogeni riempiono spesso le strade. Una grande quantità di gas lacrimogeni è stata sparata proprio fuori da un negozio di verdure all’aperto, influenzando la loro attività e causando danni ai negozianti.

Due giovani che lavoravano in un negozio sono stati catturati casualmente dai soldati quando non avevano preso nessuno dei giovani che protestavano. Hassan abu Gezele, 16 anni, e Baja abu Haluwe, 15 anni, sono stati costretti a salire su una jeep dell’esercito con eccessiva forza e portati via.


Gli arresti di questi due ragazzi esprimono pienamente la spregiudicata criminalizzazione della gioventù nella Palestina occupata da parte delle forze israeliane. Sfortunatamente, i loro casi non sono rari e gli adolescenti sono abituati a questo trattamento criminale per le strade di al Khalil / Hebron.

This entry was posted in info and tagged , , , . Bookmark the permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *