I coloni  turisti hanno ricevuto una scorta armata settimanale per le strade di Al Khalil

https://palsolidarity.org/2018/05/settler-tourists-given-weekly-armed-escort-through-the-streets-of-al-khalil/

19 maggio 2018

Sabato 19 maggio, oltre venti soldati hanno scortato i coloni armati attraverso il souq.

Ogni sabato, i tour dei coloni sionisti si svolgono negli stretti vicoli del suq di Al Khalil (Hebron). Queste visite guidate di solito durano circa un’ora e i coloni sono sempre accompagnati da forze armate israeliane, intimidendo i palestinesi locali che cercano di guadagnarsi da vivere vendendo i loro beni nel mercato. I tour sono iniziati nel 2008. Al momento sono in genere composti da 50 o più coloni, accompagnati da circa 30 soldati armati e polizia di frontiera. I palestinesi spesso devono fermarsi e aspettare mentre il tour si fa strada tra le stradine del souq. Se per caso gli è concesso di passare, i pedoni sono costretti a camminare attraverso una folla di coloni, soldati e polizia di frontiera. Le attività nel souq sono influenzate dal fatto che le strade dello shopping sono bloccate. Nei sabati recenti, i volontari dell’ISM hanno visto piccoli bambini che cercavano di superare il tour, ma ripetutamente gli hanno detto di aspettare dopo la scorta dell’esercito.

Ogni settimana volontari internazionali dell’ISM, il Programma di accompagnamento ecumenico per la Palestina e Israele (EAPPI) e Christian Peacemaker Teams (CPT) precedono e seguono il tour, nel tentativo di monitorare e osservare la situazione. Questi osservatori spesso subiscono vessazioni da parte delle forze israeliane. Ad esempio, sabato 5 maggio, dopo la fine del tour, sei volontari internazionali sono stati circondati e detenuti da 13 paracadutisti. Il comandante del gruppo ha richiesto documenti di identità internazionali e ha minacciato che se “avessero fatto problemi”, sarebbero stati imprigionati per un mese, esclusi da Al-Khalil, o dall’entrare in Israele in futuro. Questo è un piccolo esempio di come l’esercito israeliano lavori per impedire qualsiasi controllo della sua occupazione illegale. Un negoziante del souq ha detto all’ISM: “Non conosciamo le reali intenzioni dei coloni nell’entrare nelle nostre strade, perché devono venire qui? Forse vogliono conquistare quest’area “. Un altro negoziante ci ha detto: “Mi sento davvero angosciato e insicuro durante i tour. Anche se hanno unità dell’esercito con loro, alcuni dei coloni portano fucili da caccia. Penso che vengano qui [durante i tour] perché pensano che questa sia la loro città. Mette molta pressione su noi palestinesi. Ho persino visto le persone nei tour sputare sui volontari internazionali. Non sappiamo mai quando arriveranno, a volte arrivano nel tardo pomeriggio. A volte, quando ci sono momenti difficili qui, arrivano perfino di notte.

I coloni spesso portano armi

This entry was posted in info and tagged , , , . Bookmark the permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *