i soldati israeliani uccidono un palestinese vicino a Ramallah

http://imemc.org
6 giugno 201 ore 14.30
I soldati israeliani hanno ucciso, mercoledì mattina, un giovane palestinese, dopo aver sparato  tre colpi letali da una distanza molto ravvicinata e impedito ai medici palestinesi di avvicinarsi a lui.

Il palestinese, identificato come Ezzeddin Abdul-Hafith Tamimi, 21 anni, è stato colpito dai soldati, che erano a meno di due metri da lui, e ha ricevuto tre colpi  nel collo.

Molti palestinesi hanno cercato di fornire aiuti all’uomo gravemente ferito, ma i soldati li hanno aggrediti e minacciato di sparargli.

I medici palestinesi sono stati chiamati sulla scena, ma i soldati li hanno attaccati e impedito loro di avvicinarsi al giovane gravemente ferito, che è morto per le sue ferite.

Testimoni oculari hanno detto che i soldati hanno assassinato il palestinese, sparando direttamente e ripetutamente contro di lui, oltre ad attaccare dozzine di palestinesi.

I soldati hanno anche sparato a un altro palestinese con un colpo e fatto subire gli effetti dell’inalazione del gas lacrimogeno a molti altri, durante le proteste che hanno avuto luogo dopo che i soldati hanno ucciso Tamimi.

Il palestinese lavorava come meccanico automobilistico, e è stato inseguito e ricercato dall’esercito per 18 mesi, durante i quali è riuscito a sfuggire a numerosi tentativi di arrestarlo.

 

Fu anche colpito e ferito dal fuoco dell’esercito israeliano più volte quando i soldati stavano cercando di rapirlo, e l’esercito rapì il fratello per costringerlo a consegnarsi all’esercito.

Poche settimane fa, l’esercito ha chiamato uno dei suoi fratelli e gli ha detto che “Ezzeddin affronterà lo stesso destino di Ahmad Nasr Jarrar, che è stato ucciso dai soldati il ​​6 febbraio 2018, se non si arrende.

Dopo che i soldati hanno ucciso Ezzeddin, hanno invaso molte case, compresa la sua casa, e hanno occupato i loro tetti.

Quando la madre di Ezzeddin fu informata che era stato ucciso, si è precipitata a vederlo, ma i soldati le hanno spruzzato il viso con spray al peperoncino e la hanno costretta ad allontanarsi.

Inoltre, i soldati hanno invaso la città di Beit Rima, a nord-ovest di Ramallah, hanno sparato a un giovane con una pallottola di acciaio rivestita di gomma nella gamba e hanno rapito Adli Farah Rimawi, da casa sua.

I soldati hanno perquisito e saccheggiato molte case della città, causando danni eccessivi e hanno chiuso molte strade nei suoi quartieri, oltre a sigillare le strade che conducevano ai villaggi e alle città circostanti.

Mercoledì scorso, i soldati hanno rapito almeno dodici palestinesi, tra cui Adli a Beit Rima, e ferito molti altri durante le massicce invasioni contro case e comunità, in diverse parti della West Bank occupata, inclusa Gerusalemme.

This entry was posted in info and tagged , . Bookmark the permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *