La corte suprema dà il via definitivo alla demolizione del villaggio beduino di Khan al Ahmar

DI TOVAH LAZAROFF, 5 settembre 2018

https://www.jpost.com/Arab-Israeli-Conflict/High-Court-gives-final-okay-to-demolish-long-disputed-Bedouin-village-566531

La sentenza arriva all’indomani di una serie di petizioni dell’ultimo minuto che gli abitanti del villaggio hanno compilato in tribunale.

La corte suprema di giustizia ha dichiarato mercoledì che il villaggio di pastori beduini della West Bank, Khan al-Ahmar, potrà essere demolito dopo una settimana.

La sentenza giunge all’indomani di una serie di petizioni dell’ultimo minuto che gli abitanti del villaggio hanno mandato alla corte, nel tentativo di evitare la distruzione del villaggio, che sarebbe stato costruito illegalmente.

Situato proprio al di fuori della Route 1, sotto l’insediamento di Kfar Adumim, l’accampamento di baracche e tende ospita circa 180 beduini, trasferiti nella zona dal Negav nei primi anni ’50.

 

La comunità internazionale, inclusa l’Unione Europea e i paesi europei, ha pesantemente fatto pressioni sul governo israeliano per impedire la demolizione della comunità.

La comunità prevede di rispondere solo nel pomeriggio.

I politici israeliani di destra hanno immediatamente emesso un messaggio di congratulazioni alla corte, organo che hanno spesso accusato di sostenere i diritti della terra palestinese a favore di quelli dei coloni e dello Stato.

Il ministro della Difesa Avigdor Liberman (Yisrael Beytenu) ha dichiarato: “Mi congratulo con i giudici dell Corte Suprema di giustizia per una decisione coraggiosa e ovvia – di fronte ad un attacco ipocrita concertato da parte del [presidente della Palestinian Authority Mahmoud Abbas] Abu Mazen, la sinistra e i paesi europei.”

La sentenza dimostra che “Nessuno è al di sopra della legge. Nessuno ci impedirà di esercitare la nostra sovranità e la nostra responsabilità come Stato “.

Il portavoce della Knesset, Yuli Edelstein (Likud) ha anche affermato che la sentenza ha mostrato la mancanza di influenza dell’UE sulla legge israeliana.

“Lo stato di Israele ha una legge e tutti sono uguali di fronte ad essa”, ha detto Edelstein.

MK Motti Yogev (Bayit Yehudi) ha chiesto all’IDF (forze di difesa israeliane) di evacuare il Khan al-Ahmar il prima possibile.

Ha accusato quell’ufficio del Coordinatore delle attività governative nei Territori e dell’Amministrazione Civile in Giudea e Samaria di non aver fatto fatto abbastanza per impedire ai palestinesi e ai beduini di cercare di impadronirsi del territorio dell’Area C della Cisgiordania.

Ha invitato l’IDF per prevenire ulteriori costruzioni illegali.

Il capo del partito della lista congiunta MK Aymen Odeh ha dichiarato: “Le famiglie Khan Al-Ahmar sono cadute vittima delle contingenze distruttive del governo israeliano di destra, che sta espandendo i blocchi di insediamenti a spese dei residenti arabi”.

“Queste non sono solo le famiglie che lo stato evacuerà per la terza volta, ma parte di una mossa globale che impedirà qualsiasi possibilità di stabilire uno stato palestinese”, ha detto Odeh.

La sentenza è arrivata quando lui e altri membri del suo partito a Bruxelles hanno tenuto riunioni ad alto livello con funzionari dell’UE per sensibilizzare l’opinione pubblica europea sulle azioni israeliane contro arabi israeliani, beduini e palestinesi.

Khan al-Ahmar è costruito su un territorio palestinese privato che è stato sequestrato dallo stato di Israele, ma la cui registrazione in quanto tale non è mai stata completata.

È stato costruito in un’area della West Bank che è designata territorio desertico. Attraverso la lunga storia legale di Khan al-Ahmar, la terra è stata trattata come se fosse stata dichiarata terra dello stato e le decisioni sono state fatte di conseguenza.

Da allora il villaggio ha sostenuto che la terra rimane proprietà privata palestinese e che i proprietari hanno dato il loro consenso per la loro presenza sulla proprietà. Hanno sostenuto che l’IDF non ha il diritto di evacuare i palestinesi dalla proprietà privata palestinese.

Tra queste lamentele e la comunità internazionale vi è il basso livello di permessi di costruzione concessi a palestinesi e beduini nell’Area C della Cisgiordania.

B’Tselm ha detto in risposta alla sentenza. “I palestinesi non possono costruire legalmente e sono esclusi dai meccanismi decisionali che determinano come saranno le loro vite. I sistemi di pianificazione sono destinati esclusivamente a beneficio dei coloni.

“Questa sentenza dimostra ancora una volta che coloro che sono sotto occupazione non possono cercare giustizia nei tribunali degli occupanti: se la demolizione della comunità di Khan al-Ahmar andrà avanti, i giudici della Corte Suprema saranno tra coloro che assumeranno la responsabilità di questo crimine di guerra”.

 

This entry was posted in info and tagged , , . Bookmark the permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *