Donne palestinesi: una storia non raccontata di leadership e resistenza

https://www.aljazeera.com/indepth/opinion/palestinian-women-untold-history-leadership-resistance-181025114751545.html?fbclid=IwAR2B8DBj7w2732e0Dvu3H9Fj7cS9gMrv9B8G2Bnc9VoY33c_8dkE6OLHaYc

“Indubbiamente, l’occupazione israeliana e il razzismo occidentale giocano un ruolo enorme nella nostra sordità collettiva ai racconti e alle storie di quelle donne palestinesi non solo coinvolte nella lotta per la libertà ma anche al comando, tuttavia è estremamente importante notare che il patriarcato e la misoginia influenzano drasticamente e negativamente le nostre strutture per la resistenza e l’organizzazione di base, in particolare per quanto riguarda il linguaggio e la retorica, perché l’eroismo – in generale e nel contesto palestinese – è considerato un concetto maschile?

Perché gli eroi di cui già a 10 anni ho letto nelle poesie palestinesi non riflettono mai gli eroi che ho conosciuto e visto nella vita reale?
… Le donne palestinesi, scritte o non scritte, hanno sempre ricamato e continuano a ricamare il progetto per la nostra liberazione e sovranità, per la resistenza e per rimediare alle conseguenze dell’oppressione. Se storie come quella di mia nonna non sono adeguatamente rappresentate e riconosciute, intere generazioni di bambini potrebbero diventare analfabeti davanti al loro libero arbitrio e al loro potenziale “.

(L’articolo intero è di Mohamed Al Kurd, ragazzo di Sheik Jarrah, quartiere di Gerusalemme Est, amico di tutti gli ISMers. Aveva 17 anni quando passavamo le serate a chiacchierare, nel 2011, ora studia negli USA)

This entry was posted in opinioni and tagged , , . Bookmark the permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *