Attivista palestinese arrestato per via di una corsa in bicicletta nel suo villaggio

14 novembre 2018

https://972mag.com/israeli-military-court-sentences-palestinian-activist-four-months-prison/138665/?fbclid=IwAR2xRGl-kpqxzoHfYhh1J2roljqoPUnPBCsPt7iZ3UgWhLsNxqPE6hb-78E

Un tribunale militare israeliano ha condannato a 110 giorni di prigione Abdullah Abu Rahma, noto difensore dei diritti umani,  per aver guidato una bicicletta durante una protesta contro l’occupazione, due anni fa.

Abdullah Abu Rahma viene arrestato dalla polizia di frontiera a Bil’in, il 13 maggio 2016

Un tribunale militare israeliano ha condannato il rinomato attivista palestinese Abdullah Abu Rahma a quattro mesi di prigione mercoledì, per due accuse derivanti da una corsa in bicicletta in memoria del giorno della Nakba, nel 2016.

Abu Rahma, uno dei leader più noti della lotta popolare contro il muro di separazione, è stato condannato alcune settimane fa per aver violato un ordine di zona militare chiusa e aver ostacolato un soldato,  durante una corsa in bicicletta nel maggio 2016 a Bil’in, villaggio di cui è originario. Centinaia di ciclisti palestinesi e internazionali hanno partecipato alla cosiddetta “corsa del ritorno”, che ha preso il via a Ramallah e si è conclusa nel villaggio della West Bank.

Le forze di sicurezza israeliane hanno fatto irruzione nel villaggio prima ancora che iniziasse la gara. Abu Rahma è stato arrestato mentre cercava di spiegare ai soldati che erano sulla sua terra. È stato gettato a terra, arrestato e tenuto in detenzione per 11 giorni.

Quasi tutte le forme di protesta sono illegali per i palestinesi che vivono sotto il dominio militare israeliano in Cisgiordania.

Mercoledì, il magistrato militare israeliano Maj Haim Baliti ha accettato di lasciare che Abu Rahma inizi a scontare la pena a metà dicembre, in modo da concedere alla difesa il tempo di appellare sia la sentenza che la condanna.

Baliti ha anche applicato parte di una sentenza sospesa da un’altra, precedente condanna per aver partecipato a un’altra protesta un anno prima. La sentenza sospesa è stata innescata dall’attuale condanna. Abu Rahma servirà un totale di 110 giorni in una prigione militare israeliana.

“Abdullah è un difensore dei diritti umani”, ha detto Gaby Lasky, il suo avvocato, dopo la condanna. “Si oppone in maniera non violenta all’occupazione – questo è ciò che lo rende un bersaglio così importante. Finché è in prigione, non può essere fuori in campo. ”

“Queste pene per la resistenza non violenta in corso indicano che il tribunale militare non è un tribunale; il suo unico scopo è quello di mantenere l’occupazione e prevenire qualsiasi resistenza ad esso “, ha aggiunto Lasky.

Abdullah Abu Rahma e il suo avvocato Gaby Lasky nel tribunale militare di Ofer per l’udienza di condanna, il 14 novembre 2018. (Oren Ziv / Activestills.org)

Abu Rahma, che nel 2010 è stato riconosciuto come “difensore dei diritti umani” dedicato alla non violenza, è uno dei leader più importanti nella lotta contro il muro di separazione e ha contribuito a guidare le proteste popolari a Bil’in a partire dal 2005.

Ha trascorso più di un anno in prigione per il suo ruolo nelle proteste di Bil’in, e attualmente sta affrontando un’altra serie di accuse per aver presumibilmente danneggiato il cancello della barriera di separazione nel suo villaggio natale.

Nel 2010, il +972 Magazine ha nominato Abu Rahma “personaggio dell’anno” per il suo ruolo nel “movimento di opposizione di base ben organizzato e non violento di Bil’in, che riunisce palestinesi, israeliani e sostenitori internazionali in una lotta comune. ”

“Mi sento arrabbiato e triste per questa decisione”, ha detto Abu Rahma alla fine dell’udienza. “Questo non è un vero tribunale: è un tribunale politico. Pagherò il prezzo, ma questa punizione mi incoraggerà a continuare a sostenere le persone ovunque esse siano – questo è il mio dovere come palestinese, fino a quando l’occupazione non sarà finita e otterremo l’indipendenza “.

 

This entry was posted in info, prigionieri and tagged , , , , , . Bookmark the permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *