Il Senato irlandese approva il boicottaggio dei beni prodotti nelle colonie

http://imemc.org/article/irish-senate-approves-boycott-of-goods-made-in-settlements/
7 dicembre 2018 
Il senato irlandese ha votato mercoledì per approvare un progetto di boicottaggio del commercio e importazione di beni provenienti da insediamenti israeliani illegali nei territori palestinesi occupati.

Il disegno di legge è stato presentato al Senato dal senatore indipendente Francis Black che spera che, con il sostegno, la legge proposta diventerà effettivamente legge. L’ambasciatore palestinese Ahmed Abdelrazek, insieme agli avvocati che hanno lavorato alla stesura del disegno di legge e alle organizzazioni di sponsorizzazione della legislazione, Trócaire, Christian Aid e Ictu (Congresso dei sindacati irlandesi), hanno tutti applaudito il decreto.

Il CEO del Trocaire, Caoimhe de Barra, ha dichiarato: “Questa legislazione è un voto per i diritti umani e la pace, questo è un momento critico per il mondo in cui è importante prendere posizione contro l’occupazione illegale”.

Il disegno di legge richiede ora l’approvazione della camera bassa del parlamento, nota come Dáil Éireann, prima che il presidente irlandese firmi e diventi legge.

Il progetto di legge è stato accolto da severe critiche da parte del portavoce del ministro degli Esteri israeliano, Emmanuel Nashon, il quale afferma che l’Irlanda ha scelto di sostenere la “legislazione  più estrema contro Israele in Europa”. Sostiene che il disegno di legge è “odioso” e che non aiuterà i palestinesi.

Questa mossa storica potrebbe vedere l’Irlanda come il primo paese dell’UE a porre fine al commercio con gli insediamenti israeliani in Palestina. Il disegno di legge sul controllo dell’attività economica (Territori occupati) dichiara un reato “per una persona importare o tentare di importare beni degli insediamenti”. Dichiara inoltre che coloro che “assistono un’altra persona a importare o tentare di importare beni degli insediamenti” si impegnerebbero in un crimine punibile fino a cinque anni di carcere o una multa di € 250.000.

Il disegno di legge fa parte di un più ampio movimento internazionale noto come movimento di Boicottaggio, disinvestimento e sanzioni (BDS), una campagna internazionale a guida palestinese fondata nel 2005 con l’obiettivo di porre fine all’occupazione in Palestina.

Circa 600.000 israeliani vivono in oltre 230 insediamenti costruiti illegalmente in base al diritto internazionale dall’occupazione delle terre palestinesi del 1967.

This entry was posted in info and tagged , . Bookmark the permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *