Il lento genocidio dei palestinesi continua ad Asira Al Qibliya

https://palsolidarity.org/2018/12/the-slow-genocide-of-palestinians-continues-in-asira-al-qibliya/
12 dicembre 2018

“Questa è la linea”, illustra Oussam Khalifa Ahmad mentre ci porta in un tour della sua terra minacciata. “Ora stiamo passando in (Area) C.” A seconda di dove si guarda, alcuni dei terreni sono già stati rubati. Possiamo osservare solo per un periodo di tempo limitato. Se restiamo troppo a lungo, ci viene detto che saremo attaccati dai coloni, i cui alloggi si possono vedere non molto sopra di noi.

Insediamenti che si affacciano su Asira Al Qibliya

Per i proprietari di terra palestinesi come Oussam, gli accordi di Oslo che hanno solidificato la cantonizzazione della Cisgiordania, sono stati un disastro. Il sostegno tacito o l’ambivalenza per il processo di pace di Oslo si può trovare nelle regioni urbane, ma oggi non un abitante del villaggio guarda gentilmente il cosiddetto accordo. Non c’è nulla di sorprendente in questa circostanza. La sua terra è minacciata dai tribunali israeliani, nonostante abbia i documenti appropriati. Inoltre, subisce frequenti abusi da parte di coloni vicini che agiscono impunemente. Oussam indica i suoi ulivi, bruciati dalla scorsa estate, per chiarire esattamente cosa ciò significhi.

Un olivo bruciato sulla terra di Oussam

I documenti di Oussam provano la proprietà della terra

Questa storia reale è solo una su migliaia in Cisgiordania. Potremmo parlare della strada che gli abitanti del villaggio hanno tentato di aprire verso l’autostrada principale, costruzione ormai bloccata dal governo israeliano.

La costruzione è stata bloccata dal governo israeliano per la strada palestinese

Potremmo illustrare gli insediamenti intimidatori che si affacciano sull’intero villaggio, a solo mezzo chilometro dalla collina. Oppure, gli attacchi mensili da parte di coloni armati, i graffiti odiosi, la distruzione di proprietà, lesioni fisiche agli abitanti del villaggio; Soldati israeliani che aiutano a fare tutto questo, sparando su coloro che osano provare a proteggere i propri vicini dal pericolo, o le loro proprietà da danni.

Graffiti in ebraico su un muro in Asira Al Qibliya

Potremmo parlare del furto diretto dell’acqua di questo villaggio, un tema comune attraverso la West Bank. Lo spettacolo del controllo di Israele sull’acqua della Cisgiordania è esibito da serbatoi idrici, che si trovano a monte di ogni famiglia palestinese, o attività commerciali, in tutta la terra occupata. Parliamo della fonte d’acqua che è stata presa nell’ultimo assalto di terra, candidamente aiutata dal governo degli Stati Uniti. Siamo stati portati a un serbatoio d’acqua da Hakima, un’altra abitante del villaggio e proprietaria di terra locale. Il serbatoio dell’acqua è protetto da recinzioni in metallo e pietra, con una torre di osservazione con equipaggio a pochi metri di distanza.

All’interno si può vedere il cartello “USAID”. “Questo progetto è un dono del popolo americano al popolo palestinese …”

L’anno scorso il governo degli Stati Uniti ha lanciato un “progetto da $ 10 milioni di dollari” per “migliorare l’accesso” all’acqua per i palestinesi. Tuttavia, Hakima ci dice che i progetti di USAID come questo hanno un effetto piuttosto diverso quando si tratta di “migliorare l’accesso” all’acqua. Ad esempio, Asira Al Qibliya ha ricevuto il suo “regalo” USAID quattro anni fa. “Non c’era (serbatoio dell’acqua) qui quattro anni fa”, dice, “quindi l’USAID ha portato qui il progetto idrico per noi e ha costruito tutto questo. Ora gli israeliani dicono che hanno bisogno di “un’area di sicurezza” per l’insediamento. “Dice che oltre al fatto che gli Stati Uniti hanno preso molti altri dunhams di terra – molti dei quali erano suoi – per costruire questo serbatoio, ha così permesso agli insediamenti di espandersi anche di più. Hakima ricorda che stavano molto meglio quando usavano la loro sorgente naturale, che portava acqua fino al villaggio. Ora, a causa del riorientamento della sorgente dell’acqua per l’uso dei coloni, il pozzo è rimasto asciutto per cinque anni, il che non ha dato loro altra scelta che affidarsi alla torre dell’acqua USAID.

Il pozzo del villaggio ora è asciutto

I palestinesi possono sentire questa domanda da molti giornalisti e attivisti internazionali dall’esterno: “che motivo hanno dato per aver preso la vostra terra? Perché i coloni hanno attaccato? È stato in risposta a ..? C’è qualche ragione legale per cui …? “I governi coloniali tendono ad avere pretesti per rubare terra, o uccidere popolazioni native, così il” perché “si trasforma in una banalità per impostazione predefinita.
Il nome di questo villaggio è Asira Al Qibliya. Il villaggio è sede di attacchi di coloni internazionalmente infami. I nomi dei villaggi circostanti sono Burin, Madama, Urif, Ana Bus e Uara. Hanno tutti storie simili, e così si comporta ciascuno dei 30.000 residenti che comprendono quei villaggi.
Questa situazione non è una novità, tuttavia ci si potrebbe chiedere quanti altri dunhams Israele possa prendere prima che non rimanga niente. Oppure, considerando le ben documentate pratiche discriminatorie di utilizzo dell’acqua tra palestinesi e coloni, quanto tempo ancora prima che la siccità spazzi via i nativi palestinesi? Quante altre case possono essere distrutte fino a quando la maggior parte della popolazione non diventa senzatetto? Se è difficile immaginare un punto di svolta per la Cisgiordania, basta guardare a Gaza, che le Nazioni Unite e le ONG dicono che sarà invivibile tra circa un anno. Non si dovrebbe fare alcun errore, l’occupazione dei territori palestinesi è un genocidio.

Fuori da Asira Al Qibliya

This entry was posted in info, opinioni and tagged , , . Bookmark the permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *