4 soldati dell’occupazione israeliana entrano nel quartiere palestinese di Salaymeh attraverso il Checkpoint 160: video

Report ISM 16 December, 2018, 1:00 pm Al Khalil team | Palestina occupata

Ci sono 3 scuole in questa strada e altre nelle vicinanze.
Molte famiglie con bambini vivono nelle case di questo quartiere.

In totale sono stati lanciati 21 lacrimogeni in circa 5 minuti.

Almeno due nel cortile di due scuole diverse e 3 bombe stordenti
sono state gettate alla cieca oltre il muro di una scuola.

Nella sola Hebron School, 30 ragazzi e 5 insegnanti
sono stati intossicati dall’inalazione del gas lacrimogeno.

 Gli attivisti internazionali erano presenti dalle 12:30 circa.

In quella mezz’ora non si è visto alcun lancio di pietra o altra provocazione

 Il cancello giallo davanti ai soldati è l’ingresso principale della Hebron School.

Ora sono sul vialetto della Kalijah School che è dietro la Hebron School.

 Mentre i soldati iniziano a sparare lacrimogeni, il soldato all’estrema destra lancia una bomba stordente nel cortile della scuola. I ragazzi più grandi sono ancora nelle classi.

 I clic ripetuti sono il suono degli spari dei gas lacrimogeni. Dietro gli alberi

(dove il gas riempirà presto la strada) vi è la Ebron Basic Boys School dell’UNRWA.

Ora i gas lacrimogeni riempiono la strada fuori dalla Ebron Basic Boys School dell’UNRWA. Ma i soldati continuano a sparare altri gas lacrimogeni.

 Una seconda bomba stordente viene lanciata nella Hebron School.

 Una terza bomba stordente viene lanciata nella scuola.

I gas lacrimogeni iniziano ora a riempire la strada all’esterno della Hebron School.

I ragazzi più grandi sono ancora dentro.

 Almeno un candelotto lacrimogeno viene sparato dentro la scuola.

Si può vedere il gas alzarsi da dietro la recinzione.

 In meno di 5 minuti sono stati sparati 21 gas lacrimogeni.

Il gas tossico è ora invisibile nell’aria, ma si sentono tossire sia i soldati
sia gli attivisti per i suoi effetti.

 Il gas riempie ancora le strade intorno alle scuole e agli edifici residenziali

dove vivono le famiglie.

Qual è stata la logica?
Una punizione collettiva? Terrorizzare una popolazione civile?
Non c’era alcun pericolo imminente quando i soldati hanno usato i lacrimogeni …

This entry was posted in info and tagged , , . Bookmark the permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *