Coloni israeliani distruggono 1000 alberelli in un villaggio della West Bank

13 gennaio 2019

http://www.maannews.com/Content.aspx?id=782251&fbclid=IwAR043rEp9_ZWFrDvHP8oubcCkilDjjwZgQAvOwXHljR8TUT5N5sIeZMubvE

NABLUS (Ma’an) – Un gruppo di coloni israeliani ha distrutto circa 1.000 piantine di alberi, domenica pomeriggio, nel villaggio di Burqa, a ovest del distretto di Nablus, nel nord della West Bank.

Ghassan Daghlas, un funzionario che controlla l’attività di insediamento nel nord della Cisgiordania, ha detto a Ma’an che i coloni israeliani dall’insediamento illegale israeliano di Homish hanno preso d’assalto un’area ad est del villaggio di Burqa ed hanno distrutto centinaia di alberelli.


Daghlas ha menzionato che il ministero dell’Agricoltura palestinese e il consiglio locale di Burqa hanno cooperato per coltivare i 1000 alberelli nel villaggio, al fine di trasformare la terra in una riserva naturale.

Secondo un rapporto della ONG israeliana B’Tselem, il vandalismo dei coloni israeliani nella Cisgiordania occupata è una routine quotidiana ed è pienamente sostenuto dalle autorità israeliane.

B’Tselem ha riferito che “In poco più di due mesi, dall’inizio di maggio al 7 luglio 2018, B’Tselem ha documentato 10 casi in cui i coloni hanno distrutto un totale di oltre 2.000 alberi e viti e bruciato un campo di orzo e balle di fieno.”

B’Tselem ha anche sostenuto che sotto le sembianze di una “occupazione militare temporanea”, Israele ha “usato la terra come propria: rubato terreni, sfruttato le risorse naturali della zona a proprio vantaggio e stabilito insediamenti permanenti”, stimando che Israele ha espropriato i palestinesi di circa 200.000 ettari (494.211 acri) di terre nel territorio palestinese occupato nel corso degli anni.

Tra 500.000 e 600.000 israeliani vivono in insediamenti di soli ebrei in tutta Gerusalemme Est occupata e in Cisgiordania in violazione del diritto internazionale, con annunci recenti di espansione degli insediamenti che provocano la condanna da parte della comunità internazionale.

This entry was posted in info and tagged , , , , , , . Bookmark the permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *