Soldati israeliani sequestrano 20 palestinesi e ne feriscono molti altri, in Cisgiordania

21 gennaio 2019

http://imemc.org/article/israeli-soldiers-abduct-20-palestinians-injure-many-others-in-west-bank/

Lunedì all’alba i soldati israeliani hanno invaso diverse aree palestinesi nella West Bank occupata, hanno perquisito case, e hanno rapito una ventina di palestinesi, tra cui un avvocato e la moglie di un prigioniero politico.

Fonti della stampa a Nablus, nel nord della Cisgiordania, riferiscono che i soldati hanno invaso e saccheggiato la casa di un prigioniero politico, identificato come Amir Eshteyya, e hanno rapito la moglie, l’avvocato Aman Mansour e confiscato la loro auto.

L’invasione nella proprietà è cominciata quando dozzine di soldati e centinaia di coloni illegali hanno fatto irruzione nella zona orientale della città di Nablus, specialmente la zona della Tomba di Giuseppe, prima che l’esercito sparasse molti proiettili, pallottole di acciaio rivestite di gomma e bombe di gas lacrimogeni a dozzine di manifestanti palestinesi.

Fonti mediche hanno detto che i soldati hanno sparato a due giovani con proiettili veri e hanno causato rischi di soffocamento da gas lacrimogeno a dozzine di palestinesi, molti nelle loro stesse case.

I soldati hanno anche detenuto giornalisti palestinesi e impedito loro di documentare l’invasione.

Inoltre, i soldati hanno invaso il villaggio di Qarawat Bani Hassan, nel governatorato di Salfit nella West Bank centrale, hanno perquisito le case e rapito Laith Abdullah Mer’ey.

I soldati hanno anche invaso e perquisito case nella città di Kufur Qaddoum, a est della città settentrionale di Qalqilia, in Cisgiordania, e hanno rapito Mohammad Sameeh Eshteiwi.

Inoltre, diverse jeep dell’esercito hanno invaso la città di Beit Fajjar, a sud di Betlemme, hanno perquisito molte case e rapito un ex prigioniero politico, identificato come Shaher Issa Taqatqa, oltre ad Ahmad Khaled Taqatqa e Eyad Hamad.

I soldati hanno anche invaso il villaggio di Teqoua, a est di Betlemme, e hanno guidato nelle sue strade e nei quartieri.

Nel governatorato di Ramallah, nella Cisgiordania centrale, i soldati hanno cercato case nel villaggio di Abu Shkheidim, a nord della città di Ramallah, e rapito Mohammad Odah Ladadwa, oltre a Ibrahim Ayyoub Ma’rouf, che è stato fatto prigioniero dalla sua casa nella città di Deir Abu Mashal , ad ovest di Ramallah.

Anche a Ramallah dozzine di soldati hanno invaso il villaggio di al-Mughayyir, a est della città, hanno perquisito con violenza diverse case e rapito Mo’tasem Abu Alia, Hamdi Na’san, Jom’a Raqqad Abu Alia, Assem Abu Alia, Mahmoud Abdullah al -Haj, oltre a Mohammad e Ahmad Abu Alia. Un’invasione simile ha colpito il villaggio di Kufur Ni’ma, a ovest di Ramallah,

A Hebron, nel sud della West Bank, i soldati hanno invaso il campo profughi di al-‘Arroub, a nord della città, hanno perquisito diverse case e rapito Mohammad Jawabra e Shawqi Khatib, oltre a Mohammad Jawad al-Wawi, che è stato fatto prigioniero dalla sua casa nella città di Halhoul, anche a nord di Hebron.

A Gerico, i soldati hanno perquisito le case e rapito Haitham Kamal Shalalfa e Mohammad Kamel Shalalfa, del villaggio palestinese di Fasayel.

Ricordiamo anche che decine di soldati hanno invaso la città di Jayyous, a est della città di Qalqilia, nel nord della West Bank, e distribuito volantini che avvertono i residenti di ulteriori severe misure se non smetteranno di protestare contro le continue violenze e occupazione israeliane.

Domenica sera, i soldati hanno rapito quattro giovani palestinesi nella città di Silwan, a sud della moschea di Al-Aqsa nella Gerusalemme occupata, dopo averli aggrediti e feriti.

 

This entry was posted in info and tagged , , , , , . Bookmark the permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *