Dì a TripAdvisor di ritirarsi dagli insediamenti illegali nei territori palestinesi occupati

03 febbraio 2019

https://www.amnesty.org/en/get-involved/take-action/tripadvisor-occupied-palestine-territories/?fbclid=IwAR0XwMqBduJ3czUIO6PsYbDQrtZCpWKlIU0n3761g5xOF00eUq_b3Gr1qus

Impara a sparare come un soldato, cavalca un cammello o fai un giro dei siti storici – tutto su territori rubati!
Grazie a TripAdvisor, queste sono tutte le attività che puoi fare quando visiti uno dei tanti insediamenti illegali israeliani.

TripAdvisor elenca oltre 70 proprietà, attività e attrazioni diverse negli insediamenti israeliani nei territori palestinesi occupati (OPT). In tal modo, TripAdvisor sta aumentando l’economia degli insediamenti e contribuendo all’espansione delle colonie. La promozione aziendale degli insediamenti come destinazione turistica aiuta a “normalizzarli” e legittimarli al pubblico. Gli insediamenti sono illegali secondo il diritto internazionale – la loro creazione equivale a un crimine di guerra. Gli insediamenti sono su terreni palestinesi rubati. Non dovrebbero essere mete turistiche.

Dal 1967, quando Israele ha invaso e occupato la Cisgiordania, inclusa Gerusalemme Est, il governo israeliano ha promosso la creazione e l’espansione degli insediamenti.

Gli insediamenti hanno un impatto devastante su una vasta gamma di diritti umani del popolo palestinese, compresi i loro diritti a un adeguato tenore di vita, all’abitazione, alla salute, alla libertà di movimento e all’istruzione. L’esistenza degli insediamenti paralizza anche l’economia palestinese. Nell’incoraggiare il turismo verso gli insediamenti, TripAdvisor sta contribuendo alle violazioni dei diritti umani.

Chiedi a Stephen Kaufer, CEO di TripAdvisor Inc. di smetterla di promuovere attività turistiche e incoraggiare soggiorni negli insediamenti e nelle colonie israeliane nei Territori palestinesi occupati.

TripAdvisor è il principale focus di questa campagna a causa della sua importanza nell’ambito del turismo negli insediamenti israeliani.
TripAdvisor è il sito turistico più visitato dai turisti stranieri in visita ad Israele; e promuove molte inserzioni (almeno 70) in più (27 in più) negli insediamenti illegali  rispetto a tutti gli altri siti turistici – con l’eccezione di Airbnb, che si è impegnato a novembre 2018 a rimuovere la maggior parte delle sue inserzioni negli insediamenti illegali.

This entry was posted in info and tagged , , , , , , , . Bookmark the permalink.

3 Responses to Dì a TripAdvisor di ritirarsi dagli insediamenti illegali nei territori palestinesi occupati

  1. giuliana masili says:

    Gli insediamenti hanno un impatto devastante su una vasta gamma di diritti umani del popolo palestinese, compresi i loro diritti a un adeguato tenore di vita, all’abitazione, alla salute, alla libertà di movimento e all’istruzione. L’esistenza degli insediamenti paralizza anche l’economia palestinese. Nell’incoraggiare il turismo verso gli insediamenti, TripAdvisor sta contribuendo alle violazioni dei diritti umani.

  2. Lamberto Luminari says:

    Non rendetevi responsabili di una politica di occupazione che anche molti israeliani e ebrei giudicano predatoria. Non siate complici del governo Netanyahu e dei fanatici religiosi che rubano terra, acqua e speranza a un popolo.

  3. Giacomo Milazzo says:

    Non collaborare con chi non rispetta gli altri esseri umani, Trip Advisor dovrebbe occuparsi solo di felicità e bellezza

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *