Israele ha arrestato 800 palestinesi durante il periodo della campagna elettorale

10 aprile 2019

http://qudsnen.co/

Ramallah (QNN) – Il comitato per gli affari dei detenuti e ex detenuti palestinesi ha pubblicato mercoledì un rapporto che documenta 800 arresti tra palestinesi durante il periodo di campagna israeliano del 2019, iniziato il 22 febbraio e terminato il 9 aprile.

Il rapporto afferma che un numero così grande di arresti tra i palestinesi è considerato una seria escalation israeliana nel contesto dei partiti israeliani e delle campagne dei leader estremisti, che hanno attratto gli elettori israeliani usando discorsi di odio e vendetta contro i palestinesi oltre alle pratiche quotidiane che miravano a soffocare la voce dei palestinesi.

“Il periodo della campagna elettorale è stato caratterizzato da continue incursioni contro le cellule palestinesi e da un soffocamento senza precedenti di prigionieri palestinesi, che ha creato condizioni che potrebbero essere descritte come le peggiori nelle carceri israeliane. Le prigioni israeliane di Negev, Rimon, Nafha, Eshel e Jalbu sono state attaccate e le unità di repressione hanno usato una forza eccessiva contro i prigionieri. Percosse con manganelli, scosse elettriche, gas lacrimogeni, granate stordenti, pallottole rivestite di gomma, proiettili veri e propri, vandalismo, isolamento e visite vietate sono tutti modi, che gli israeliani hanno usato contro i prigionieri palestinesi per attirare gli elettori israeliani “, secondo il rapporto .

This entry was posted in info and tagged , , , . Bookmark the permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *