Un palestinese muore a causa di ferite gravi inflitte una settimana prima a Nablus

27 aprile 2019

https://imemc.org/

Il ministero della Sanità palestinese ha riferito che un giovane palestinese è morto sabato sera per gravi ferite subite una settimana prima, dopo che i soldati israeliani gli avevano sparato a un posto di blocco militare nel nord della West Bank.

Il ministero della Sanità ha detto che il giovane, Omar ‘Awni Abdul-Karim Younis, 20 anni, è morto nel centro medico israeliano di Beilinson.

I soldati, di stanza al posto di blocco militare di Za’tara, a nord di Nablus, hanno sparato al giovane diversi proiettili, che secondo quanto riferito avrebbe tentato di pugnalarli, e impedito ai medici palestinesi di avvicinarsi a lui.

Il palestinese era originario della città di Sanniriya, a sud di Qalqilia, nella parte settentrionale della West Bank occupata. Nessun soldato è rimasto ferito nell’incidente segnalato.

Aggiornato da:
Il palestinese rimane in una condizione seria dopo che i soldati gli hanno sparato vicino a Nablus – 25 aprile 2019 alle 22:32

Un giovane palestinese ferito, identificato come Awni Abdul-Karim Younis di Omar, 20 anni, si trova in gravi condizioni in un ospedale israeliano, dopo che i soldati gli hanno sparato alcuni giorni fa, dopo aver tentato di pugnalarli.

Il comitato dei detenuti palestinesi ha riferito che il tribunale militare israeliano di Salem ha emesso un ordine, rimandandolo per altri sette giorni, in attesa di interrogatori, nonostante il suo grave infortunio.

Ha aggiunto che Younis è stato trasferito al centro medico israeliano di Beilinson, dove rimane in condizioni molto gravi, agganciato a una macchina respiratoria.

Vale la pena ricordare che ad Omar è stato sparato dai soldati alcuni giorni fa vicino al blocco stradale di Za’atra, a nord della città settentrionale di Nablus, in Cisgiordania, dopo che avrebbe tentato di pugnalarli.

I soldati gli hanno sparato con diversi colpi di munizioni vere, provocando ferite mortali e impedito ai medici palestinesi di avvicinarsi a lui.

This entry was posted in info and tagged , , , , . Bookmark the permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *