Il livello di povertà di Gaza raggiunge l’80%, afferma PGFTU

https://www.palestinechronicle.com/
1 maggio 2019 

In occasione della Giornata internazionale del lavoro, la Striscia di Gaza assediata ha visto il suo tasso di disoccupazione salire al 54% con livelli di povertà che salgono all’80%, secondo la Federazione dei sindacati palestinesi (PGFTU).

L’aumento della disoccupazione e della povertà a Gaza sono il risultato dell’assedio israeliano di 12 anni. (Foto: ActiveStills.org)

Il capo della Federazione dei sindacati palestinesi, Sami al-Amassi, ha dichiarato in una dichiarazione che la situazione a Gaza ha raggiunto un livello catastrofico, osservando che i numeri sono “scioccanti”.

L’aumento della disoccupazione e della povertà sono il risultato dell’assedio israeliano di 12 anni, che ha limitato l’importazione e l’esportazione di beni di prima necessità, ha paralizzato l’economia, ostacolato i trasferimenti di fondi e lasciato due milioni di palestinesi a vivere nella più grande prigione a cielo aperto del mondo.In Gaza:

~95% dell’acqua è on potabile

~39% vivono in povertà

~58% dei giovani sono disoccupati

~80% dipendono dall’aiuto internazionale

~70% sono rifugiati

E 100% sono intrappolati nell’assedio Israeliano e soggetti ai conti bombardamenti

Al-Amassi ha detto che, sebbene il governo palestinese abbia fissato il salario minimo a 1.450 shekel (404 dollari), un lavoratore governativo che si occupa di servizi di pulizia guadagna solo 730 shekel ($ 209) al mese.

Tuttavia, al-Amassi ha sottolineato che i lavoratori palestinesi non sono in grado di lamentarsi dei salari bassi a causa della mancanza di forme alternative di occupazione.

Ha chiesto l’avvio di progetti di sviluppo e zone industriali a Gaza, al fine di promuovere l’economia palestinese con protezione internazionale dall’occupazione israeliana.

This entry was posted in gaza, info and tagged , , . Bookmark the permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *