Israele e Gaza raggiungono un accordo di cessate il fuoco, nel mezzo di una calma tesa

6 maggio 2019

https://www.aljazeera.com/news/2019/05/palestinians-truce-reached-israel-vowed-massive-strikes-190506022134617.html

I funzionari dicono ad Al Jazeera che un cessate il fuoco è entrato in vigore alle 1:30 GMT dopo tre giorni di raid aerei e attacchi missilistici.

Un uomo tiene la mano di Maria al-Gazali, una bambina palestinese, mentre il suo corpo giace su una barella in un ospedale di Beit Lahia, nella striscia settentrionale di Gaza [Anas Baba / AFP]

I funzionari palestinesi comunicano che è stato raggiunto un accordo di cessate il fuoco con Israele per porre fine a un’ondata di violenza nella Striscia di Gaza e nel sud di Israele che ha portato alla morte di almeno 25 palestinesi e quattro israeliani.

I funzionari di Gaza hanno confermato ad Al Jazeera che è stato raggiunto un accordo all’1: 30 GMT e che non sono stati segnalati raid aerei israeliani sul territorio palestinese da quando l’accordo è entrato in vigore.

I funzionari hanno detto che l’Egitto e il Qatar hanno contribuito a mediare la fine dei giorni di attacchi tra Gaza e Israele.

Non c’è stata conferma da parte israeliana. Tuttavia, l’esercito israeliano ha rimosso, il lunedì mattina presto, tutte le barriere protettive imposte nei pressi dell’area di Gaza durante la crisi acuta del fine settimana.

Il Comando del Fronte Domestico ha incaricato i residenti del sud di tornare alla loro routine.

Il ministero dei trasporti israeliano ha annunciato che tutte le linee di autobus pubblici nel sud sarebbero tornate alla piena e normale operatività. Anche la linea ferroviaria tra le città di Ashkelon e Beersheba riprenderà presto la mattina.

Un funzionario della Jihad islamica, a condizione di mantenere l’anonimato, ha detto che l’accordo di tregua si basa sulla condizione che Israele allevi il blocco della Striscia di Gaza.

Tra le misure, ha detto,  l’allentamento dei limiti della zona di pesca a 12 miglia nautiche al largo della costa di Gaza e il miglioramento della situazione dell’elettricità e del carburante di Gaza.

Un funzionario egiziano ha anche confermato l’accordo, a condizione di mantenere anonimato.

Il primo ministro del governo dell’Autorità palestinese dalla Cisgiordania occupata, Mohammed Shtayyeh, ha detto oggi che il governo ha accolto “ogni sforzo per un cessate il fuoco, specialmente gli sforzi egiziani”.

“Speriamo che questo porterà alla fine della tragedia contro il nostro popolo e preservi le loro vite“, ha detto, parlando a una riunione del governo nella città di Ramallah.

Shtayyeh ha invitato le Nazioni Unite a porre fine all’aggressione israeliana contro la Palestina e a fornire sostegno internazionale alla sua popolazione nella Striscia di Gaza.

La riacutizzazione è stato lo scontro più grave tra le due parti dopo una serie di combattimenti a novembre.

Le sirene dei missili nel sud di Israele, che erano andate avanti di continuo durante il fine settimana, mandando i residenti a correre in cerca di copertura, sono rimaste silenti per alcune ore di fila prima dell’alba di lunedì.

Gli israeliani si riparano quando sentono le sirene che avvertono dei missili in arrivo da Gaza, durante le ostilità transfrontaliere, nella città meridionale di Israele di Ashkelon [Ronen Zvulun / Reuters]

Domenica scorsa, il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu aveva ordinato “scioperi massicci” sulla Striscia di Gaza dopo un’escalation di due giorni in cui aerei da guerra e cannoniere israeliane hanno bersagliato Gaza mentre i combattenti nell’enclave assediata hanno sparato una raffica di missili nel sud di Israele.

Un comandante di Hamas, 34 anni, è stato ucciso domenica in quello che l’esercito israeliano ha descritto come un attacco mirato.

Una dichiarazione dell’esercito ha accusato Hamad al-Khodori di “trasferire ingenti somme di denaro” dall’Iran alle fazioni armate di Gaza.

Altre vittime palestinesi includono due donne in gravidanza e due bambini. A Beit Lahiya, una città nel nord della Striscia di Gaza, un raid aereo israeliano ha colpito un edificio residenziale, uccidendo un bambino di quattro mesi e suo padre.

Anche un ragazzo di 12 anni, Abdelrahman Abu al-Jadyan, è stato ucciso nello stesso attacco. I corpi dei suoi genitori, Talal e Raghda, sono stati recuperati sotto le macerie di lunedì, portando il bilancio delle vittime nella Striscia di Gaza a 25 morti.

Nella città israeliana di Ashkelon, un uomo israeliano di 58 anni è stato ucciso dopo essere stato colpito da schegge da un attacco missilistico. Altri due israeliani, gravemente feriti in un attacco a razzo separato in una fabbrica di domenica pomeriggio, sono morti in seguito.

Circa due milioni di palestinesi vivono a Gaza, la cui economia ha subito anni di blocchi israeliani ed egiziani, nonché recenti tagli e sanzioni da parte dell’Autorità palestinese, il rivale di Hamas in Cisgiordania.

Un giovane palestinese cerca le sue cose sotto le macerie di un edificio distrutto dagli attacchi aerei israeliani a Gaza [Mohammed Salem / Reuters]

Israele ha affermato che il blocco è necessario per fermare le armi che raggiungono Hamas, con cui ha combattuto tre guerre da quando il gruppo ha preso il controllo di Gaza nel 2007, due anni dopo che Israele ha ritirato i coloni e le truppe dalla zona.

This entry was posted in gaza, info and tagged , , , , , . Bookmark the permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *