13,1 milioni di palestinesi in tutto il mondo dalla Nakba  del 1948 

https://www.maannews.com/
13 maggio 2019 
BETLEMME (Ma’an) – Nonostante lo spostamento di oltre 800.000 palestinesi dopo la Nakba del 1948 o “catastrofe” e lo spostamento di oltre 200.000 palestinesi dopo la guerra del 1967, la popolazione mondiale palestinese ammontava a 13,1 milioni alla fine del 2018, il che significa che il numero di palestinesi nel mondo è raddoppiato più di nove volte dagli avvenimenti della Nakba del 1948, riferisce l’Ufficio centrale di statistiche palestinese (PCBS).


Marcando il 71 ° anniversario Nakba, che coincide con il 15 maggio, PCBS ha detto che più della metà della popolazione palestinese viveva nella Palestina storica alla fine del 2018, dove il loro numero ha raggiunto i 6,48 milioni, 1,57 milioni vivono nei territori occupati nel 1948 attualmente chiamati Israele, 2,95 milioni nella West Bank occupata e Gerusalemme Est e circa 1,96 milioni nella Striscia di Gaza.
I dati hanno mostrato che il 49% della popolazione palestinese vive nella Palestina storica dove gli ebrei costituiscono il 51% alla fine del 2018.
Il 15 maggio, la Nakba del 1948 o “catastrofe” sarà commemorata per il 71 ° anno, ri-focalizzando l’attenzione del mondo sui 750.000 palestinesi sfollati durante e dopo l’istituzione dello stato di Israele, e gli oltre cinque milioni di palestinesi che rimangono rifugiati mentre aspettano di tornare nelle loro terre in Israele.
I documenti dell’agenzia delle Nazioni Unite per il soccorso e il lavoro nel Vicino Oriente (UNRWA) hanno riferito il 1 ° gennaio 2018 che il numero totale di rifugiati palestinesi era di 6,02 milioni, il 28,4% dei quali vive in 58 campi (10 in Giordania, 9 in Siria, 12 in Libano, 19 in Cisgiordania e otto a Gaza).

This entry was posted in info and tagged , . Bookmark the permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *