Fedeli arrestati e cacciati da Israele alla moschea Al Aqsa

http://qudsnen.co/
 21 maggio 2019
Gerusalemme occupata (QNN) – La polizia israeliana martedì prima della mezzanotte ha espulso migliaia di fedeli musulmani dalla moschea di Al Aqsa e ne ha arrestati due nella zona di Bab Al Amoud.

Fonti locali hanno confermato a QNN che ufficiali israeliani e gruppi di forze speciali israeliane hanno fatto irruzione nella sacra moschea per costringere i fedeli ad andarsene, tuttavia la maggior parte dei fedeli ha rifiutato e ha insistito per rimanere a pregare la notte. Le forze israeliane sono riuscite a sfrattare forzatamente giovani fedeli, mentre gli anziani e le donne continuano a rifiutarsi di lasciare la moschea fino a questo momento.

Nello stesso contesto, la polizia israeliana ha rafforzato le misure e imposto ulteriori restrizioni ai fedeli musulmani. Ai fedeli è stato impedito di usare i loro telefoni e la polizia israeliana ha controllato i documenti d’identità, mentre un passaporto di un fedele svedese è stato forzosamente confiscato.

La polizia israeliana ha arrestato due giovani della famiglia di Abu Rmouz e ha aggredito i locali al cancello di Magharbeh della moschea di Al Aqsa.

Israele cerca di imporre un nuovo fatto compiuto alla moschea di Al Aqsa, in cui impedisce ai musulmani di entrare nella sacra moschea per eseguire preghiere notturne e permette ai coloni israeliani di violarla.

This entry was posted in info and tagged , , . Bookmark the permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *