Soldato israeliano fuori servizio catturato in un video mentre dà fuoco a una fattoria palestinese

20 maggio 2019

https://imemc.org/article/off-duty-israeli-soldier-caught-on-video-torching-palestinian-farms/

Un video pubblicato dal gruppo israeliano per i diritti umani B’Tselem mostra un gruppo di coloni israeliani che attaccano gli abitanti dei villaggi palestinesi e stanno dando fuoco alle loro fattorie il 17 maggio – e oggi il gruppo è riuscito a identificare uno degli incendiari nel video come un soldato israeliano fuori servizio.

Secondo B’Tselem, venerdì 17 maggio 2019, i coloni paramilitari israeliani hanno dato alle fiamme i campi dei contadini palestinesi a Burin e ad Asirah al-Qibliyah. In entrambi i villaggi, i coloni hanno lanciato pietre contro le case dei residenti.

Ad Asirah al-Qibliyah, dove l’area è controllata da torri di guardia militari, un colono ha persino sparato colpi nell’aria. I soldati vicini non hanno arrestato gli aggressori e hanno impedito ai palestinesi di avvicinarsi alla loro terra in fiamme.

L’esercito israeliano ha seguito l’attacco con una dichiarazione pubblica contenente l’affermazione assurda e facilmente confutabile e secondo cui * i palestinesi * avevano dato il via agli incendi – una versione di eventi che è stata ripetutamente riproposta dai media israeliani e statunitensi.

L’attacco è avvenuto a circa un chilometro dal punto di insediamento di Giv’at Ronen, e i coloni paramilitari israeliani coinvolti nell’attentato sembrano provenire dall’insediamento di Yitzhar.

L’incendio del soldato israeliano è particolarmente dannoso dal momento che è avvenuto nel bel mezzo di una stagione estremamente secca in Israele e in Palestina, con incendi che hanno bruciato centinaia di ettari in Israele nelle ultime settimane, ed un divieto di appiccare il fuoco in corso in tutta il paese per cercare di prevenire la diffusione di altri incendi. Appiccare intenzionalmente gli incendi con un’atmosfera del genere potrebbe avere un impatto devastante e comporterebbe normalmente gravi conseguenze.

Dato il record militare israeliano nel non perseguire i soldati israeliani che commettono crimini contro i palestinesi – anche quando questi crimini sono documentati chiaramente in video – i palestinesi colpiti dal crimine del 17 maggio dicono di avere poca fiducia che gli autori di questo caso saranno perseguiti .

Secondo il giornale israeliano Ha’aretz, due distinti servizi di sicurezza israeliani hanno verificato ai loro reporter che l’incendiario era un soldato fuori servizio. Tuttavia, l’esercito israeliano ha affermato che l’incidente sarebbe stato gestito dalla polizia israeliana, e la polizia israeliana ha affermato che sarebbe stata gestita dai militari. Né l’esercito né la polizia hanno arrestato il perpetratore, sebbene fosse chiaramente identificato e entrambe le forze confermassero la sua identità.

 

This entry was posted in info and tagged , , , , , , , . Bookmark the permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *