Poliziotto israeliano accusato di aver rotto la gamba di attivista palestinese

https://www.middleeastmonitor.com/
3 giugno 2019

Un agente di polizia israeliano è stato accusato ieri di avere fratturato la gamba del noto attivista palestinese Jafar Farah durante una manifestazione ad Haifa nel maggio 2018, ha riferito Haaretz.

Jafar Farah, direttore di Mossawa (diritti umani) e cittadino Palestinese di Israele

Secondo il giornale, oltre a essere accusato di “aver causato gravi danni fisici” nella rottura della gamba di Farah, l’ufficiale di polizia Lior Hatam, “è accusato di aver aggredito altri sette uomini che erano stati portati alla stazione di polizia di Haifa quel giorno”.

Hatam ha negato le accuse, ha detto una dichiarazione fornita dai suoi avvocati.

Farah, che è il direttore del Centro di advocacy di Mossawa per i cittadini arabi in Israele, è stato arrestato al termine di una protesta contro i crimini israeliani nella Striscia di Gaza occupata.

Secondo l’accusa, “Hatam ha preso a calci Farah con forza nella gamba sinistra e poi lo ha sollevato, ammanettato e fatto cadere a terra, fratturandogli una gamba”.

L’accusa afferma che “Farah ha ricevuto solo cure mediche il giorno seguente, nonostante le ripetute richieste di assistenza medica” e “è stato indirizzato per cure mediche solo quando è stato chiaro che non poteva camminare e aveva bisogno di due poliziotti per sostenerlo”.

Hatam avrebbe anche minacciato i detenuti, dicendo loro: “Oggi ve la faremo pagare. Vi fotteremo. ”

Rispondendo all’accusa, Farah ha dichiarato: “La cultura della menzogna e della violenza tra la polizia è stata messa a nudo oggi con i dettagli presentati nell’atto di accusa”.

“Purtroppo ci è voluto un anno per decidere di emettere l’accusa. Questo è un poliziotto le cui trasgressioni sono state commesse sotto gli auspici dei suoi comandanti “.

Farah ha aggiunto: “Il comandante della stazione di Haifa [polizia], Amir Goldstein, personalmente, e i funzionari sotto di lui, hanno ingannato il commissario di polizia e hanno messo in dubbio il mio conto mentre stavo soffrendo di un ginocchio fratturato”.

Haaretz ha osservato che “il commissario di polizia all’epoca, Roni Alsheich, aveva suggerito che Farah poteva essere stato ferito durante la manifestazione e non nella detenzione della polizia”.

L’attivista veterano ha anche affermato che Goldstein “gli ha ordinato di trasferirsi da un ospedale alla struttura di detenzione di Kishon per nascondere il fatto che la sua gamba era stata rotta, e ha anche chiesto che il suo tempo di custodia fosse prolungato di cinque giorni”.

La polizia israeliana ha detto ieri che sta ancora valutando se interrompere o meno il servizio di Hatam.

This entry was posted in info and tagged , , . Bookmark the permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *