Paese in fiamme: i coloni israeliani bruciano i campi palestinesi durante le vacanze di Eid

https://www.middleeasteye.net/

12 giugno 2019   Shatha Hammad

Quando i palestinesi nei villaggi intorno a Ramallah avrebbero dovuto celebrare la fine del Ramadan e il raccolto in arrivo,  stavano invece spegnendo fuochi.

Colture bruciate nei campi incendiati dai coloni israeliani (MEE / Shatha Hammad

Mentre le famiglie del villaggio di al-Mughayyir si preparavano a celebrare l’inizio di Eid al-Fitr, i coloni israeliani appiccarono il fuoco ai loro campi, per due volte.

Il primo giorno di Eid, il 5 giugno, le famiglie, che dipendono in gran parte per il loro sostentamento dall’agricoltura e dalla pastorizia, si sono precipitate sul posto solo per trovare le loro terre a nord-est della città occupata di Ramallah, in preda alle fiamme.

Invece di rallegrarsi per le vacanze, i residenti del villaggio hanno passato la mattinata a spegnere l’incendio.

Il giorno dopo, Ayham Abu Naeem ha ricevuto una chiamata sgomenta da un amico del vicino villaggio di Kufr Malek, informandolo che anche i suoi campi erano stati bruciati.

In meno di un’ora, i mesi di duro lavoro di Abu Naeem sono diventati un inutile mucchio di cenere.

In piedi sul suo campo bruciato in difficoltà, Abu Naeem, un uomo sulla sua fine degli anni ’50, ha descritto l’abbondanza che una volta sorgeva intorno a lui: 80 ulivi e 70 dunum (7 ettari) di terra ricca di orzo. Il raccolto era pronto per la mietitura tra pochi giorni.

“I coloni sono cattivi e cercano di farci del male in ogni modo possibile”, ha detto a Middle East Eye.

“Non abbiamo altra scelta che riparare e ripristinare la terra per renderla adatta per l’agricoltura, non abbandoneremo i nostri campi e non andremo via”.

Un contadino palestinese ispeziona il suo raccolto bruciato (MEE / Shatha Hammad)

Abu Naeem coltiva orzo e grano per nutrire le sue pecore, che consumano circa due tonnellate ogni 10 giorni, per un valore di circa 3.000 shekel ($ 840). Il contadino poteva sostenere il suo gregge solo coltivando i suoi raccolti, che coprivano quattro mesi di cibo per il bestiame.

Gli attacchi dei coloni sul villaggio sono notevolmente aumentati dal marzo 2017, quando i residenti di al-Mughayyir hanno iniziato marce pacifiche settimanali contro nuove case  costruite da coloni israeliani sulle loro terre. Le forze israeliane hanno risposto violentemente alle manifestazioni, incluso  munizioni da guerra.

A gennaio un folto gruppo di coloni israeliani armati è sceso sul villaggio e ha aperto il fuoco indiscriminatamente sui residenti palestinesi, uccidendo Hamdi Naasan, un trentasettenne padre di quattro figli, con una pallottola alle spalle. Trenta altri sono stati feriti.

“Non ce ne andiamo, anche se ci uccidono. Rimarremo fermi sulle nostre terre – non c’è alternativa ”
– Adel Ibrahim Abu Alia, contadino
I residenti del villaggio hanno detto che quando i soldati israeliani sono arrivati ​​sul posto, hanno anche iniziato a sparare proiettili letali.

Adel Ibrahim Abu Alia, padre di cinque figli, è uno dei sopravvissuti all’attacco. Ha preso una pallottola al petto, che ha causato una paralisi permanente nel suo braccio destro.

Poco dopo gli attacchi incendiari di Eid, Abu Alia ha raccolto la sua famiglia e si è affrettato a raccogliere il suo grano rimasto, temendo che i loro campi sarebbero stati il ​​prossimo obiettivo.

Nonostante gli effetti negativi della raccolta anticipata, dice che è un prezzo che è disposto a pagare.

“Non ce ne andiamo, anche se ci uccidono. Rimarremo fermi sulle nostre terre – non c’è alternativa “, dice a MEE.

‘Sarei morto’
I fuochi dei coloni si sono diffusi nei campi appartenenti alla famiglia di Kamal Abdullah al-Naasan. L’8 giugno, è andato a raccogliere ciò che restava dei suoi raccolti.

I campi di Nassan, che sono stati ripetutamente incendiati dai coloni israeliani negli ultimi tre anni, si trovano appena fuori della Alon Road, una via che ai palestinesi è vietata, a meno che non ci sia un permesso speciale.

Una volta arrivato nei suoi campi, tuttavia, i coloni israeliani hanno intenzionalmente speronato la loro auto nel 65enne mentre si trovava al bordo della strada, rompendogli un piede.

Kamal Abdullah al-Naasan riposa il suo piede rotto a seguito di un attacco dei coloni (MEE / Shatha Hammad)

Ha detto a MEE che negli ultimi anni ha subito violente aggressioni fisiche da parte dei coloni, che lo avrebbero picchiato fino a svenire.

“Due anni fa, un colono mi ha picchiato sulla testa con un oggetto appuntito e sono caduto a terra. Poi altri coloni si sono uniti all’attacco, prendendomi a calci e picchiandomi “, ha detto.

“Sarei morto se i residenti del villaggio non fossero venuti in mio aiuto”.

“Abbiamo subito grandi perdite e questo continua ad accadere ogni anno. Non c’è nulla che scoraggi i coloni dall’attaccare noi e i nostri campi ”
– Kamal Abdullah al-Naasan, contadino
Un membro del comitato agricolo del villaggio di al-Mughayyir, Kathem al-Hajj Mohammad, ha detto che gli attacchi dei coloni sono chiaramente “mirati a infliggere pesanti perdite ai contadini e costringerli a lasciare le loro terre”.

Ha detto a MEE che i coloni israeliani hanno bruciato circa 1.500 dunum (150 ettari) di grano e campi di orzo, oltre a 150 ulivi, dall’inizio di giugno.

“Abbiamo subito grandi perdite, e questo continua ad accadere ogni anno. Non c’è nulla che scoraggi i coloni dall’attaccare noi e i nostri campi “, ha detto.

L’escalation degli attacchi coincide con la decisione di un tribunale israeliano il 13 maggio di liberare un colono israeliano dalle accuse di omicidio che ha affrontato dopo che lui e altri coloni avrebbero dato fuoco a una casa palestinese nel vicino villaggio di Duma nel 2015.

Un bambino di 18 mesi, Ali Dawabsheh, e i suoi genitori sono stati uccisi nell’attacco. L’unico sopravvissuto era il fratello di Ali, Ahmad, che all’epoca aveva quattro anni. Ha riportato gravi ustioni su oltre il 60 percento del suo corpo.

E a gennaio, un tribunale israeliano ha rilasciato agli arresti domiciliari quattro coloni israeliani sospettati di aver ucciso la madre  palestinese di un bambino sette anni, Aisha al-Rabi. Presumibilmente hanno lanciato una pietra contro la sua auto vicino a Nablus, infliggendole una ferita mortale alla testa.

Abdullah al-Hajj Mohammad, capo del vicino consiglio del villaggio di Jalud, ha detto a MEE che “le decisioni delle corti israeliane hanno dato un incentivo in più per i coloni ad intensificare i loro attacchi contro i palestinesi”.

Jalud è circondato da 10 insediamenti costruiti su gran parte della terra del villaggio. E questo è regolarmente vittima di abusi da parte dei coloni israeliani.

La mattina del 5 maggio, i coloni hanno bruciato circa 300 dunum (30 ettari) di campi che ospitavano circa 900 ulivi e 100 tra fichi e mandorli, ha detto Mohammad. Le telecamere della vicina scuola hanno ripreso l’attacco su nastro, ha aggiunto.

“L’esercito israeliano è venuto e ha raccolto tutte le riprese dell’attacco cdicendo di voler avviare un’indagine”, ha detto Mohammed.

“Ogni volta che questi attacchi accadono, l’esercito afferma che sta ‘aprendo un’inchiesta’ ma non ne è mai uscito nulla, e non ci aspettiamo che succederà qualcosa”.

‘Maneggiamoli’
B’Tselem, un gruppo israeliano per i diritti umani, ha pubblicato un video che mostra i coloni armati che bruciano campi nei villaggi palestinesi di Burin e Asirah al-Qibliyah il 17 maggio. I coloni hanno anche lanciato pietre alle case dei residenti e sparato colpi in aria.

“Migliaia di testimonianze, video e rapporti, così come molti anni di stretto monitoraggio da parte di B’Tselem e altre organizzazioni, rivelano che le forze di sicurezza israeliane non solo consentono ai coloni di danneggiare i palestinesi e le loro proprietà come una cosa ovvia – spesso forniscono ai perpetratori un comodo modo per uscirne. In alcuni casi, anche loro si uniscono all’attacco “, ha detto il gruppo.

Nel 2018, i coloni hanno vandalizzato la proprietà del villaggio di Jalud, verniciando a spruzzo “lasciali maneggiare” su un muro. Durante quell’anno, fu scoperto che gli attacchi dei coloni erano triplicati.

Ghassan Daghlas, un funzionario palestinese che monitora le politiche coloniali israeliane nella West Bank occupata nel nord, ha affermato che la mancanza di responsabilità o un meccanismo di monitoraggio internazionale consente agli attacchi dei coloni di continuare.

“È evidente che l’esercito ha dato ai coloni una luce verde”
– Ghassan Daghlas, funzionario palestinese
Il sostegno a Israele da parte degli Stati Uniti ha solo incoraggiato i coloni a commettere tali crimini, ha aggiunto.

Secondo Daghlas, i coloni hanno distrutto 2.570 ulivi e bruciato centinaia di dunum di terreni agricoli dall’inizio di maggio, oltre ad attaccare fisicamente i palestinesi, lanciando pietre contro di loro e vandalizzando le loro proprietà.

“I video documentano gli assalti dei coloni, ma non servono a niente. Gli attacchi non sono stati indagati “, ha detto.

“È evidente che l’esercito ha dato ai coloni una luce verde”.

 

This entry was posted in info and tagged , , , , , . Bookmark the permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *