Israele vieta ai palestinesi di pescare al largo della costa di Gaza

https://www.middleeastmonitor.com/

13 giugno 2019

Il blocco imposto a Gaza priva i due milioni di  palestinesi dei beni di prima necessità come acqua, elettricità e il diritto alla libertà di circolazione
 

Israele vieta ai palestinesi di pescare al largo della costa di Gaza, il 12 giugno 2019 [Mohammed Asad – Middle East Monitor]


L’esercito israeliano ieri ha imposto un assedio navale sulla Striscia di Gaza che durerà “fino a nuovo avviso”, secondo una dichiarazione dell’esercito.

Questa mossa arriva dopo che le autorità di occupazione israeliane hanno ulteriormente limitato la zona di pesca di Gaza a sei miglia nautiche martedì. Le autorità israeliane hanno ridotto la zona di pesca da 15 a 10 miglia nautiche la scorsa settimana.

L’esercito ha citato i palloni incendiari come motivo per l’assedio. Secondo l’agenzia di stampa israeliana Haaretz, i palloni di elio che trasportano materiali infiammabili da Gaza hanno causato a otto incendi nel sud di Israele ieri.

I palestinesi hanno preso parte alle proteste della Grande Marcia del Ritorno dal 30 marzo 2018 vicino alla recinzione Israele-Gaza, chiedendo la fine dell’assedio di 12 anni e il loro diritto a tornare alle case che le loro famiglie sono state costrette a lasciare  nel 1948 per fare strada per la creazione dello stato di Israele.

Il blocco imposto a Gaza priva i due milioni di palestinesi di beni di prima necessità come l’acqua, l’elettricità e il diritto alla libertà di movimento.

Secondo un rapporto dell’OLP, 27 palestinesi sono stati uccisi negli attacchi israeliani a Gaza nel solo mese di maggio, tra cui un paramedico, quattro donne e quattro bambini.

This entry was posted in gaza, info and tagged , , . Bookmark the permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *