Israele isola le università palestinesi

11 luglio 2019

https://electronicintifada.net/blogs/maureen-clare-murphy/israel-isolates-palestinian-universities

L’Università Birzeit nella West Bank occupata è classificata tra le migliori al mondo. Immagini: APA Issam Rimawi

Israele sta isolando le università palestinesi costringendo gli studiosi internazionali a lasciare le loro posizioni accademiche nella Cisgiordania occupata.

Due gruppi palestinesi per i diritti umani, nonché l’Università Birzeit, chiedono a Israele di eliminare le restrizioni che impediscono agli accademici internazionali di lavorare in Cisgiordania e di pubblicare “una procedura chiara e lecita per il rilascio dei visti di ingresso e dei permessi di lavoro”.

La politica israeliana di negare l’ingresso internazionale in Cisgiordania, oltre a rifiutare e non elaborare le richieste di estensione dei visti in modo tempestivo, ha colpito decine di studiosi che lavorano nelle università palestinesi.

A rischio il prestigio dell’Università 
Le restrizioni israeliane minacciano la classifica di Birzeit tra il primo tre percento che comprende delle università di tutto il mondo, dicono le istituzioni educative e i gruppi per i diritti. La proporzione di docenti e studenti internazionali sono indicatori chiave che determinano il posizionamento di un’università.

“Impedendo a Birzeit di impiegare la facoltà internazionale, Israele sta ostacolando la sua capacità di funzionare come un’università che soddisfa gli standard internazionali”, hanno dichiarato l’università e i gruppi per i diritti Al-Haq e Adalah.

Negli ultimi due anni, quattro membri di facoltà a tempo pieno e tre part-time a Birzeit, la più antica università palestinese operante nella West Bank, sono stati costretti a lasciare il paese e non sono stati in grado di continuare ad insegnare dopo che Israele ha rifiutato di rinnovare i visti.

Quest’anno, a due internazionali con contratti a tempo pieno a Birzeit è stato negato l’ingresso da parte di Israele. Sei membri di facoltà sono attualmente senza visto valido e altri cinque, tra cui un capo dipartimento, “sono all’estero senza una chiara indicazione se saranno in grado di tornare”.

Decine di personale e docenti internazionali sono stati “colpiti negativamente durante i due anni precedenti dal rifiuto israeliano di richieste di nuovi visti o estensioni del visto o dal rifiuto di consentire loro di entrare in Cisgiordania”.

Molti sono i palestinesi titolari di passaporti internazionali e la maggior parte proviene dagli stati membri degli Stati Uniti e dell’Unione europea.

La politica di Israele nei confronti degli accademici internazionali “viola la libertà delle università di espandere le aree di ricerca e studi che offre sia agli studenti palestinesi che a quelli internazionali. In quanto tale, Israele sta impedendo alla popolazione palestinese occupata di determinare da sé che tipo di istruzione vogliono fornire “.

Un regolamento emanato dal COGAT, il braccio burocratico dell’occupazione militare israeliana, consente ai “docenti e consulenti” internazionali di richiedere un visto di durata massima di tre mesi.

Nel frattempo, le università israeliane “sono in grado di assumere accademici stranieri con una procedura separata che consente l’ingresso e l’impiego di stranieri per un periodo massimo di cinque anni”.

Il regime dei permessi
Il regime dei permessi israeliani impedisce ai palestinesi di Gaza di studiare nelle università della West Bank, e viceversa.

Gli studenti di Gaza una volta costituivano circa il 35% delle iscrizioni nelle università della West Bank.

Sotto il blocco israeliano da oltre un decennio, la disoccupazione tra i neolaureati a Gaza si è attestata a circa l’80% l’anno scorso.

Associazioni accademiche internazionali tra cui la Middle West Studies Association, la California Scholars for Academic Freedom e la British Society for Middle East Studies hanno condannato le restrizioni di Israele agli accademici stranieri nelle università palestinesi.

Nel frattempo, accademici e ricercatori europei hanno chiesto la fine dei finanziamenti dell’UE alle istituzioni accademiche israeliane con “stretti legami con l’industria militare israeliana”.

L’Unione europea ha incanalato oltre 800 milioni di dollari ai ricercatori israeliani, in gran parte attraverso il suo programma di finanziamento Horizon 2020.

Dal 2004, i gruppi della società civile palestinese hanno chiesto un boicottaggio delle istituzioni accademiche israeliane.

Tali istituzioni “hanno contribuito direttamente a mantenere, difendere o altrimenti giustificare” l’oppressione dello stato di Israele o sono stati complici attraverso il loro silenzio”, afferma l’appello del boicottaggio.

Un’associazione europea di ricercatori sulla salute mentale ha appena annullato il programma di tenere la sua conferenza del 2021 a Gerusalemme.

ENMESH avrebbe preso la decisione dopo un contraccolpo dei membri del consiglio di amministrazione che non volevano che l’organizzazione passasse i prossimi due anni sotto la pressione dei sostenitori della Palestina per la solidarietà.

Secondo il quotidiano israeliano Haaretz, “Questa è la prima volta che un’organizzazione di questo tipo ha ripreso una decisione già approvata per tenere una conferenza in Israele, indicando che la campagna per il boicottaggio degli accademici israeliani potrebbe prendere piede”.

This entry was posted in info and tagged , , , . Bookmark the permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *