Obiettore di coscienza israeliano rilasciato dopo 82 giorni in isolamento

22 agosto 2019

https://www.middleeastmonitor.com/

Un obiettore di coscienza israeliano è stato rilasciato dai militari dopo aver trascorso 82 giorni in isolamento, secondo +972 Magazine.

Roman Levin è stato liberato dall’esercito israeliano la scorsa settimana, dopo essere stato incarcerato per la prima volta a febbraio,  “quando ha dichiarato il suo rifiuto di continuare il suo servizio dopo aver lavorato un anno e mezzo come pilota nell’esercito”.

Secondo la rivista +972, Levin è stato condannato quattro volte consecutive durante il suo periodo nell’esercito, “ed ha trascorso la maggior parte del suo tempo dietro le sbarre in isolamento per il suo rifiuto di indossare l’uniforme della prigione”.

Il rifiuto di Levin di continuare il servizio era dovuto alla sua opposizione alle politiche di occupazione militare nei confronti dei palestinesi. La coscrizione militare è obbligatoria per la maggior parte degli ebrei israeliani.

Levin, che viene da Bat Yam, a sud di Tel Aviv, “è immigrato in Israele con diversi membri della sua famiglia dall’Ucraina quando aveva tre anni”, ha detto il rapporto, e “inizialmente credeva che il suo servizio avrebbe contribuito alla società e lo avrebbe aiutato a realizzare i suoi doveri di cittadino ”.

Prima di essere incarcerato, Levin ha pubblicato una dichiarazione in cui spiegava la sua decisione.

“Quando sono stato reclutato, pensavo che l’esercito servisse gli interessi dei cittadini israeliani, ma dopo aver prestato servizio nei territori ho capito che le azioni dell’esercito non servono i miei interessi o gli interessi dei lavoratori in Israele, specialmente dopo il continuo omicidio di manifestanti al confine con Gaza.”

“La legge ebraica sullo stato-nazione ha rafforzato in me questa consapevolezza. Sono giunto alla conclusione che non si possono tirare entrambe le estremità della corda –  resistere all’occupazione, al razzismo e all’ordine capitalista, mentre si presta servizio in un esercito che preserva queste situazioni”, ha aggiunto.

This entry was posted in info and tagged , , , , , . Bookmark the permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *