Le forze israeliane uccidono 2 palestinesi e feriscono molti altri nelle proteste al confine di Gaza

https://imemc.org/
6 settembre 2019 
Secondo WAFA, almeno due palestinesi sono stati uccisi e più di altri 37 feriti oggi da proiettili vivi o proiettili rivestiti di gomma. Le forze israeliane hanno attaccato le migliaia di manifestanti che hanno preso parte alla Grande Marcia del Ritorno settimanale al confine tra Gaza e Israele, secondo fonti mediche.

I soldati a guardia della recinzione di separazione hanno sparato proiettili da guerra e pallottole di acciaio rivestite di gomma contro i manifestanti che si sono radunati in molti accampamenti lungo il confine, uccidendo Ali Sami Ashqar, 17 anni, e un altro uomo che non è stato ancora identificato. Almeno 37 manifestanti sono stati feriti da proiettili vivi, tra cui due medici e un fotoreporter.

Alcuni feriti sono stati trasferiti in ospedale e molti altri sono stati curati negli ospedali da campo.

Secondo il Centro palestinese per i diritti umani (PCHR), le forze israeliane hanno ucciso 210 civili palestinesi dallo scoppio della protesta della Grande Marcia del Ritorno il 30 marzo 2018. Inoltre, circa 14.000 palestinesi sono stati feriti, alcuni gravemente, durante l’esercizio del loro diritto di protestare pacificamente contro l’assedio di Gaza
Le proteste settimanali chiedono la revoca del blocco israeliano della Striscia di Gaza e il ritorno dei profughi palestinesi nelle loro case ancestrali nella Palestina pre-1948.

This entry was posted in gaza, info and tagged , , , . Bookmark the permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *