L’esercito attacca i manifestanti non violenti nei pressi della prigione di Ofar

5 ottobre 2019 

https://imemc.org/article/army-attacks-nonviolent-protesters-near-ofar-prison/

Sabato i soldati israeliani hanno ricorso ad un uso eccessivo della forza contro i manifestanti non violenti che marciavano vicino alla prigione di Ofar, a ovest della città di Ramallah, nella West Bank centrale, per esprimere solidarietà ai detenuti in scioperao della fame.

La processione è iniziata dalla Birzeit University, organizzata da vari blocchi studenteschi, e ha visto la partecipazione di decine di studenti.

I soldati hanno attaccato i manifestanti e sparato contro di loro una raffica di bombe di gas lacrimogeni, causando dozzine di soffocamenti.

Almeno sette detenuti, tra cui una donna, stanno portando avanti uno sciopero della fame in varie prigioni israeliane.

Uno di questi è Samer al-Arbid, che è stato inviato all’ospedale Hadassah di Gerusalemme a causa del grave deterioramento delle sue condizioni di salute mentre veniva interrogato e torturato dall’agenzia di sicurezza israeliana (Shin Bet).

Il detenuto Ahmad Ghannam, 42 anni, della città di Doura, a sud della città di Hebron, nella West Bank meridionale, si trova all’83 ° giorno consecutivo di sciopero della fame e sta affrontando gravi complicazioni per la salute.

Ci sono circa 5700 palestinesi, tra cui 230 bambini e 48 donne, che sono attualmente incarcerati da Israele.

500 dei palestinesi sono detenuti secondo gli ordini arbitrari di detenzione amministrativa senza accuse né processo, e 1800 che si trovano ad affrontare complicazioni di salute, tra cui 700 che hanno bisogno di cure mediche specializzate urgenti ma si vedono negato l’accesso ai servizi di cui hanno disperatamente bisogno.

Inoltre, i soldati hanno rapito tre giovani palestinesi nella città di al-“Isawiya, nella Gerusalemme est occupata, e convocato per un interrogatorio, un palestinese della città di Silwan.

Inoltre, i soldati hanno chiuso la strada d’ingresso principale della città di Beit Ummar, a nord della città di Hebron, nella Cisgiordania meridionale, e hanno rapito un palestinese nella città di Hebron.

This entry was posted in info, prigionieri, Senza categoria, Uncategorized and tagged , , , , , , , , , , . Bookmark the permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *