Israele arresta un uomo palestinese il giorno del suo rilascio dopo una condanna a 18 anni

https://www.middleeastmonitor.com/
5 marzo 2020

Le autorità israeliane hanno arrestato oggi un palestinese il giorno del suo rilascio dalla prigione, secondo un rapporto dell’agenzia di stampa WAFA.

Randy Odeh, 39 anni, dal campo profughi di Shuafat nella Gerusalemme est occupata [shehabnews]

Randy Odeh, 39 anni, del campo profughi di Shuafat nella Gerusalemme est occupata, stava lasciando la prigione dopo aver completato una pena di 18 anni.

Odeh è stato arrestato nel marzo 2002 e condannato a 18 anni “per aver resistito all’occupazione israeliana”.

Secondo l’agenzia di stampa, citando fonti locali, Odeh “avrebbe dovuto essere rilasciato oggi, ma mentre si preparava a lasciare la prigione del Naqab nel sud di Israele, è stato arrestato nuovamente”.

WAFA ha aggiunto che Odeh avrebbe dovuto sposarsi immediatamente dopo il suo rilascio dalla prigione, “ma sembra che le autorità israeliane volessero sabotare il suo matrimonio e la celebrazione della sua famiglia tenendolo in carcere il giorno del suo matrimonio”.

In un successivo aggiornamento, WAFA ha aggiunto che le autorità israeliane hanno rilasciato Odeh “a condizione che non entri a Gerusalemme fino alla fine di questo mese e che non prenda parte ad alcuna attività o manifestazione”.

È prassi comune per le autorità di occupazione israeliane arrestare i prigionieri il giorno della loro liberazione, nonostante il fatto che non vi sia un vero motivo investigativo, al fine di infliggere un’ulteriore umiliazione al prigioniero e ai suoi cari.

This entry was posted in info, prigionieri and tagged , , , . Bookmark the permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *