Macellato da un bulldozer

17 marzo 2020

https://electronicintifada.net/content/butchered-bulldozer/29771

di Hamza Abu Eltarabesh

Mervat al-Naem mostra una foto di suo figlio Muhammad. Abed Zagout, The Electronic Intifada

Come molte altre persone a Gaza, Mervat al-Naem ha visto un video orribile il 23 febbraio. Mostrava i soldati israeliani che schiacciavano un uomo che era già stato ferito con un bulldozer, voltandosi poi per confermare che era morto.

Poco dopo aver visto quelle immagini, Mervat venne a sapere che la vittima era il suo figlio più giovane, Muhammad.

“Quando mi hanno detto che era Muhammad, ho guardato di nuovo il video”, ha detto. “Potevo sentire ogni colpo sul suo corpo. Ho ancora un dolore nel cuore.”

Quella mattina presto, Muhammad aveva portato il suo bambino, Hamza, alla porta della camera da letto di Mervat. Muhammad la informò che doveva uscire ma sarebbe tornato presto.

“Salutò, sorrise e poi se ne andò”, ha detto Mervat. E’ stata l’ultima volta che lo vide.

Fu ucciso nell’area di Khan Younis, vicino alla recinzione che separa Gaza e Israele. Israele ha affermato che lui e un altro uomo hanno cercato di piazzare una bomba vicino al recinto.

In risposta all’assassinio, la Jihad islamica ha sparato un certo numero di missili contro Israele. Le autorità israeliane hanno poi bombardato ripetutamente Gaza per due giorni.

Muhammad ha tenuto segreto il suo coinvolgimento nella resistenza armata a sua madre. Ne è venuta a conoscenza solo quando la Jihad islamica ha pubblicato un tributo a lui il giorno in cui è stato ucciso.

Mentre Mervat ha detto di essere sorpresa di apprendere che suo figlio era un combattente della Jihad islamica, ha aggiunto che entrare a far parte di un gruppo di resistenza “è normale in un posto come Gaza”.

Sparare a tutti

La vita di Muhammad era stata modellata dalla brutalità israeliana. Era solo un adolescente quando Israele impose un blocco completo a Gaza nel 2007; da allora era sopravvissuto a tre grandi attacchi israeliani sulla Striscia.

Il video dell’omicidio di Muhammad è stato realizzato da Muthana al-Najjar, giornalista.

Muthana al-Najjar insiste sul fatto che Muhammad e un altro uomo erano a circa 200 metri di distanza dal recinto di confine quando furono feriti dalle truppe israeliane. La sua testimonianza contraddice le accuse di Israele secondo cui gli uomini avevano piazzato un ordigno esplosivo alla recinzione.

“L’autista [del bulldozer] non ha agito in maniera casuale”, ha detto Muthana al-Najjar. “Era un’operazione militare organizzata”

Secondo Muthana al-Najjar, otto soldati israeliani “hanno sparato a tutti coloro che si sono avvicinati ai due uomini”. Un drone volò sopra gli uomini a bassa quota.

Rich Gal, una figura di spicco della Brigata Horev dei militari israeliani, è stato identificato come il comandante sulla scena al momento dell’omicidio.

La testa in frantumi

Muhammad al-Naem era stato colpito e ferito gravemente dai militari israeliani prima di essere investito da un bulldozer.

Un certo numero di palestinesi aveva tentato di salvarlo dopo che era stato inizialmente colpito. I cugini, Muhammad e Ahmad al-Najjar, furono tra quelli che cercarono di aiutare.

Raggiunsero Muhammad al-Naem e lo sollevarono su una barella. I soldati israeliani hanno sparato contro i cugini mentre lo facevano.

Muhammad al-Najjar è stato colpito alle gambe con munizioni vive ed è stato portato in ospedale, dove ha subito un intervento chirurgico.

Ha ricordato che Muhammad al-Naem era stato gravemente ferito dal bombardamento. “Quando abbiamo portato al-Naem [sulla barella], il suo intestino stava fuoriuscendo dal suo corpo”, ha detto Muhammad al-Najjar. “Anche la sua testa era stata frantumata. Non siamo riusciti a portarlo lontano perché il bulldozer stava accelerando verso di noi e i soldati stavano sparando molto.”

Un altro uomo, Muhammad Abu Zur, ha cercato di salvare Muhammad al-Naem afferrandolo per mano mentre il bulldozer si avvicinava.

“Sono stato l’ultima persona a toccare al-Naem”, ha detto Abu Zur. “Quando gli ho afferrato la mano, il bulldozer è andato più veloce e lo ha sollevato”

Un attacco alla dignità umana 

In un’analisi dettagliata, un certo numero di organizzazioni palestinesi per i diritti umani hanno scoperto che il modo in cui Muhammad al-Naem è stato ucciso e il modo in cui il suo corpo è stato abusato equivale a una violazione della dignità umana. Tale violazione è considerata un crimine di guerra ai sensi dello Statuto di Roma della Corte Penale Internazionale.

Muhammad al-Naem aveva un figlio, Hamza (nella foto qui con sua nonna). Abed Zagout, The Electronic Intifada

Sebbene il video dell’omicidio sia stato ampiamente condiviso e offra un forte esempio della crudeltà israeliana, la moglie di Muhammad, Hiba, ha rifiutato di guardarlo.

“La mia famiglia mi ha detto quanto sia stato brutale l’assassinio”, ha detto. “Ma non riesco a vedere mio marito fatto a pezzi. Spero che questo video scompaia.”

Muhammad e Hiba erano sposati da 18 mesi. Il bambino di 10 mesi Hamza era il loro unico figlio.

Naftali Bennett, il ministro della difesa israeliano, ha espresso il suo sostegno all’omicidio di Muhammad e al modo in cui l’esercito israeliano ha trattenuto il suo cadavere.

Il ministero della difesa israeliano ha annunciato l’anno scorso che i militari non avrebbero restituito i corpi ai combattenti palestinesi quando sarebbero stati uccisi. Secondo quanto riferito, Israele ha introdotto questa politica per costringere Hamas a liberare i cadaveri di due soldati israeliani che sono morti mentre attaccavano Gaza.

Il rifiuto di liberare il corpo di Muhammad ha esacerbato la sofferenza della sua famiglia.

“Avrò bisogno di anni prima di poter dimenticare le immagini di mio figlio ucciso”, ha detto sua madre Mervat. “Tutto ciò che desidero per ora è che il suo corpo venga restituito in modo da poterlo seppellire.”

Hamza Abu Eltarabesh è un giornalista di Gaza.

This entry was posted in gaza, info and tagged , , , , , . Bookmark the permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *