I coloni israeliani assaltano un villaggio della West Bank, picchiano i residenti con bastoni e oggetti appuntiti

https://www.middleeasteye.net/

24 marzo 2020

Shatha Hammad  Ramallah, Cisgiordania occupata

L’esercito israeliano è accusato di consentire l’attacco dei coloni che ha provocato la frattura del cranio di un uomo di 49 anni e diverse altre ferite

I residenti hanno detto di aver chiesto all’esercito israeliano di intervenire, ma questi hanno rifiutato (per gentile concessione della famiglia di Naji Tanatra)

I coloni israeliani hanno fatto irruzione in un villaggio palestinese nella Cisgiordania occupata martedì e hanno ferito diversi residenti, provocando la frattura del cranio di un uomo di mezza età, hanno riferito i residenti a Middle East Eye.

Anche Naji Tanatra, padre di un bambino di sei anni, ha subito sanguinamenti interni dopo che i coloni israeliani avevano attaccato lui e altri residenti nel villaggio di Umm al-Safa con strumenti affilati e bastoni di legno.

I residenti hanno detto che l’attacco è sorto dopo che un gruppo di coloni è sceso nelle terre della fattoria del villaggio e ha cercato di provocare un alterco con i palestinesi. Poco dopo sono arrivati altri coloni che hanno effettuato gli attacchi.

I coloni hanno anche scatenato le proprie mucche nell’area e hanno permesso loro di causare danni ai raccolti del villaggio.

I residenti hanno riferito che Tanatra, 49 anni, è stato portato in ospedale e avrebbe dovuto sottoporsi a un intervento chirurgico martedì.

L’esercito israeliano ha rifiutato di intervenire
Poco dopo l’attacco, l’esercito israeliano ha chiuso tutti gli ingressi al villaggio, arrivando così a scontri con i giovani palestinesi locali.

Durante gli scontri, che si sono svolti tra le 12:00 e le 17:00, l’esercito israeliano ha sparato lacrimogeni e proiettili d’acciaio rivestiti di gomma, causando dozzine di casi di soffocamento e danni a numerose case.

Mustafa Tanatra, un attivista locale, ha detto a MEE che i coloni attaccano costantemente Umm al-Safa, ma questa è stata la prima volta che hanno attaccato gli stessi residenti.

Ha spiegato che i residenti hanno chiesto all’esercito israeliano di intervenire per fermare l’assalto, ma invece l’esercito ha incolpato i residenti e si è rifiutato di intervenire.

Umm al-Safa ha una popolazione di circa 750 abitanti. È circondato su tutti i lati da tre insediamenti israeliani per soli ebrei, vale a dire: Ateret, Halamish e l’avamposto di Neve Tzuf. Inoltre, è stata costruita una strada adiacente al villaggio per collegare gli insediamenti tra loro e servire i coloni.

La vicinanza degli insediamenti israeliani rende l’area un punto critico per gli scontri tra i residenti da una parte e i coloni e l’esercito israeliano dall’altra.

Molestie quotidiane
Il capo del consiglio locale di Umm al-Safa, Marwan Sabbah, ha detto a MEE che le autorità israeliane hanno sequestrato circa 1.000 dunum di terra a una certa distanza dal villaggio per costruire gli insediamenti esistenti.

Sabbah ha anche sottolineato che circa un anno e mezzo fa un colono ha costruito una grande fattoria di mucche sulle colline di un vicino villaggio palestinese, Jibiya, e ha iniziato a mandare le sue mucche nella zona, fino a Umm al-Safa.

“I coloni creano attrito con i residenti del villaggio su una base quotidiana; insultano i residenti, li molestano e minacciano di portare l’esercito israeliano anche se i coloni sono quelli che eseguono questi assalti”, Sabbah ha detto a MEE.

La violenza dei coloni israeliani è aumentata negli ultimi anni contro i palestinesi nella Cisgiordania occupata. L’anno scorso Human Rights Watch ha riferito che almeno 61 palestinesi sono rimasti feriti in 147 episodi di violenza da parte dei coloni sul territorio.

This entry was posted in info and tagged , , . Bookmark the permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *