Resistenza ai tempi dell’annessione e del Covid-19 – un webinar di ISM

25 giugno 2020

https://palsolidarity.org/

Resistenza ai tempi dev’annessione e del Covid-19 – un webinar di ISM

30 giugno, 19.00 ora italiana (CEST), 20:00 a Ramallah (EEST)

Mentre il mondo si ribella alla pandemia globale COVID-19 e si diffonde la lotta globale per l’uguaglianza razziale e la giustizia, la Palestina si ritrova nuovamente in un momento cruciale della storia della sua lotta per la libertà e i diritti umani.Il Covid-19 ha causato gravi disordini in tutto il mondo e i suoi effetti sono stati estremi nella Cisgiordania occupata e nella Striscia di Gaza assediata. L’occupazione israeliana ha esacerbato e approfittato della crisi sanitaria globale. In Cisgiordania, episodi disumani ai checkpoint, in cui i palestinesi vengono privati dei diritti umani di base, sono stati testimoni di importanti zone di trasmissione del virus, mentre i coloni illegali hanno aumentato gli attacchi violenti ai palestinesi durante il blocco.

A Gaza, un decennio di assedio ha deprivato la striscia di forniture mediche, bombardato ospedali e interrotto la corrente quotidianamente, e questi sono solo alcuni dei molti problemi. Tutto ciò ha reso praticamente impossibile la preparazione alla pandemia. Inoltre, le questioni di lungo termine del sovraffollamento nei campi profughi, della carenza di acqua e cibo e dei divieti israeliani sull’importazione di forniture mediche esacerbano le sfide del distanziamento sociale e del contenimento delle malattie. Ciò ha portato a una situazione in rapido deterioramento, definita “A Nightmare Within a Nightmare” da esperti sanitari internazionali.

Durante l’attuale pandemia, il governo israeliano si sta muovendo per emanare il disegno di legge sull’annessione – estendere il controllo israeliano attraverso la valle del Giordano e gran parte dell’area circostante gli insediamenti illegali, legalizzando i propri crimini con leggi auto-create. Prevista per il 1 ° luglio, l’annessione della Cisgiordania aumenterà le violazioni dei pochi diritti rimanenti dei palestinesi e creerà nuove forme di discriminazione e di apartheid.

Alla vigilia dell’annessione, l’Iinternational Solidarity Movement ospiterà un webinar e una sessione di domande e risposte, fornendo una panoramica completa dell’attuale oppressione dei palestinesi e della resistenza nonviolenta all’occupazione. I nostri ospiti esploreranno questi temi da una prospettiva legale, giornalistica e politica, insieme ad attivisti sul campo che si uniranno a noi in diretta da Tulkarem, Nabi Saleh e Gaza.

Il webinar sarà moderato da Huwaida Arraf, una palestinese-americana che si unisce a noi da New York. Avvocato praticante, Huwaida ha condotto ricerche per il gruppo di diritto e politica internazionale pubblico ed è presidente del consiglio di amministrazione del movimento Free Gaza, parte di una lunga carriera come specialista in diritti umani e diritto internazionale. È anche una dei membri fondatori dell’International Solidarity Movement (ISM).

Bassem Tamimi

Si unisce a noi dal villaggio di Nabi Saleh in Cisgiordania, Bassem Tamimi. Nato dieci settimane prima dell’occupazione in Palestina del 1967 da parte delle forze di occupazione israeliane, Bassem Tamimi ha trascorso tutta la sua vita come attivista. Il suo impegno per la resistenza non violenta è stato riconosciuto dall’Unione Europea e da Amnesty International. Sua figlia, Ahed Tamimi, è stata imprigionata per 8 mesi da bambina per aver schiaffeggiato un soldato israeliano dopo che suo cugino è stato colpito alla testa. Lavora principalmente a Nabi Saleh, un villaggio che è stato circondato da infrastrutture militari israeliane e insediamenti illegali.

Wafa Aludani

Wafa Aludaini, giornalista e coordinatrice della Foreign Media Unit di Al-Thorayya, si unirà a noi da Gaza, dove i suoi genitori fuggirono durante la Nakba. Come giornalista ha coperto l’assedio israeliano di Gaza per oltre un decennio, così come le invasioni israeliane nel 2008 e 2015. Più recentemente, ha riferito sulla Grande Marcia del Ritorno a cui ha partecipato anche quando le Nazioni Unite hanno scoperto che i cecchini israeliani avevano intenzionalmente preso di mira e ucciso i giornalisti durante le proteste.

Abdel-Karim Dalbah

Giornalista palestinese, ricercatore sul campo e difensore dei diritti umani. Coordinatore dell’ISM da quasi due decenni ed educatore alla resistenza non violenta, Abdel Kareem (Abed) ha fatto campagna per i diritti umani e l’emancipazione palestinese dagli anni ’70. Abed parlerà dell’imminente annessione e delle strategie per la solidarietà internazionale con la Palestina, sulla base della sua decennale esperienza, prospettiva storica e attuale attivismo

Ahmed Abu Artema

Si unisce da Gaza è un fondatore della Grande Marcia del Ritorno, Ahmed Abu Artema. Migliaia di palestinesi hanno accolto la sua chiamata su Facebook nel 2018 per prendere parte a una massiccia protesta pacifica contro la barriera che li circonda, per chiedere la libertà e il diritto al ritorno. Ahmed è nato a Rafah ed è un rifugiato del villaggio di Al Ramla. Lavora come giornalista e autore indipendente.

International Solidarity Movement (ISM)

Il webinar è ospitato da ISM. L’International Solidarity Movement (ISM) è un movimento guidato dai palestinesi impegnato a resistere all’oppressione e alla spoliazione sistematica e radicata della popolazione palestinese, utilizzando metodi e principi non violenti ad azione diretta. Fondata nell’agosto 2001, l’ISM mira a sostenere e rafforzare la resistenza popolare palestinese con i nostri attivisti che lavorano a fianco dei palestinesi all’interno della Cisgiordania e di Gaza.

Il webinar si svolgerà alle 20:00 ora di Ramallah, EEST (17:00 GMT). Consisterà in aggiornamenti, notizie ed esempi di come gli internazionali possano supportare i palestinesi in questi tempi. Conterrà anche una sessione di domande e risposte; se hai una domanda, per un attivista in particolare o una domanda generale, puoi inviarla a ismtraining@riseup.net. L’intero webinar verrà trasmesso in streaming live su Facebook, Instagram e Youtube.

This entry was posted in info and tagged , , , , , , . Bookmark the permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *