I soldati rapiscono un palestinese a Nablus, feriscono molti a Jenin

https://imemc.org/
1 agosto 2020 

I soldati israeliani hanno rapito, sabato all’alba, un palestinese a Nablus e ferito molti altri a Jenin, nella Cisgiordania settentrionale.

Fonti dei media hanno riferito che i soldati hanno invaso la città di Nablus, preso d’assalto e perquisito le case, prima di rapire un palestinese, identificato come Islam al-Qadah.

I soldati hanno anche invaso il villaggio di Zabbouba, a ovest di Jenin, e hanno lanciato bombe a gas e granate a concussione contro i giovani palestinesi che protestavano contro l’invasione e dentro diverse case circostanti.

Fonti mediche hanno riferito che molti palestinesi, tra cui quattro bambini che dormivano nelle loro case, hanno subito gli effetti dell’inalazione di gas lacrimogeni.

I medici hanno fornito le cure necessarie a molti palestinesi feriti e ne hanno trasferiti alcuni in un ospedale per ulteriori cure.

Nelle notizie correlate, i soldati hanno rapito un palestinese dalla Striscia di Gaza, presumibilmente dopo che aveva violato il recinto perimetrale vicino alla colonia illegale di Nahal Oz, cercando di attraversare le barriere, a est della città di Gaza.

In una dichiarazione, l’esercito ha affermato che il palestinese non era armato e che è stato interrogato prima di essere rilasciato e rispedito a Gaza.

This entry was posted in info and tagged , , . Bookmark the permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *