I residenti di Farasin sfidano le minacce di demolizione israeliane

https://english.palinfo.com/
28 agosto 2020      JENIN (PIC) 
Ahmad Amarneh e la sua famiglia sono tra i 200 palestinesi che vivono nel villaggio di Farasin a Jenin e che hanno deciso di combattere con tutti i mezzi per rimanere nel loro villaggio e sfidare lo sfratto israeliano e le minacce di demolizione.In considerazione delle politiche israeliane che vietano la costruzione palestinese nell’Area C, Amarneh e la sua famiglia hanno costruito la loro casa in una grotta ai piedi della collina che domina Farasin  e si sono rifiutati di andarsene a vivere in uno dei villaggi vicini dove di solito è consentita la nuova costruzione.

Non ce ne andremo mai
Farasin è stata fondata centinaia di anni fa. In passato, era una linea commerciale che attraversava diverse città e villaggi e portava all’area meridionale della Palestina e poi all’Egitto.

Amarneh, in un’intervista al Palestinian Information Center, ha detto: “Non ce ne andremo mai. Questi insediamenti costruiti sulle nostre terre devono essere smantellati. Il nostro pozzo d’acqua ha 200 anni, mentre il più antico insediamento [israeliano] qui ha appena 50 anni “.

Nelle ultime settimane, Amarneh e altri residenti di Farasin hanno ricevuto l’ordine israeliano di demolire 36 strutture, compreso un serbatoio dell’acqua.

Nonostante la ripetuta demolizione delle case palestinesi a Farasin, Amarneh ha affermato che i coloni israeliani non realizzeranno mai il loro sogno di cancellare il villaggio dalla mappa ed espellere i suoi residenti in altre aree.

Mahmoud Amarneh, il capo del consiglio del villaggio di Farasin, ha detto che tutte le case palestinesi a Farasin sono costruite con fogli di lamiera perché Israele impedisce nuove costruzioni.

Ha detto che queste semplici case giocano un ruolo significativo nella sfida all’espansione dell’attività di insediamento di Israele a Farasin. Ecco perché vengono ripetutamente demolite o minacciate di demolizione dalle autorità israeliane.

Qualche mese fa, il Consiglio dei ministri di Ramallah ha approvato un consiglio di villaggio a Farasin come parte di un piano per formare consigli di villaggio per le aree non riconosciute dell’Area C, amministrata esclusivamente da Israele, e concedere loro lo status di villaggio.

Questo passo, sebbene tardivo, è enorme, ma deve essere costruito per sviluppare una strategia più globale per rafforzare la fermezza dei palestinesi in queste aree.

Ya’coub Obeid, residente a Farasin, ha detto al giornalista del Palestinian Information Center che gli ordini di sfratto israeliani che ricevono sono illegali, aggiungendo che hanno documenti ufficiali che dimostrano che sono i proprietari della terra.

Obeid ha detto che preferisce vivere in una casa di lamiera dove i bisogni primari sono a malapena soddisfatti piuttosto che lasciare la zona. “Israele semplicemente non vuole vedere nessuno di noi qui, ma non ce ne andremo mai”, ha aggiunto.

This entry was posted in info and tagged , , , . Bookmark the permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *