Scelta importante: i sindacati britannici si impegnano a sfidare l’ “apartheid” israeliano

https://mondoweiss.net/2020

7 OTTOBRE 2020      Bernard Regan

Una mozione del Congresso sindacale britannico che esorta i membri a “unirsi alla campagna internazionale per fermare l’annessione e porre fine all’apartheid” potrebbe incoraggiare i sindacati di tutto il mondo a svolgere un ruolo importante nel movimento di solidarietà internazionale alla Palestina come hanno fatto contro l’apartheid in Sud Africa.

I delegati al Congresso TUC 2018 mostrano il loro sostegno a una mozione che condanna l’approvazione da parte di Israele della legge sullo stato nazionale.

Il 15 settembre, il Congresso annuale del Trade Union Congres (TUC) che rappresenta quasi 6 milioni di membri nel Regno Unito ha adottato una mozione che ha riaffermato la sua solidarietà con la lotta del popolo palestinese per il diritto all’autodeterminazione, condannando l’occupazione e le politiche espansioniste del governo israeliano.

La risoluzione esprimeva una netta opposizione alle ambizioni annessioniste del governo Netanyahu, sostenuta dall’amministrazione degli Stati Uniti e chiedeva la fine della complicità del governo britannico. Chiedendo la cessazione del blocco di Gaza e il sostegno per “il diritto dei profughi palestinesi al ritorno”, ha impegnato il TUC a “comunicare la sua posizione a tutti gli altri centri sindacali nazionali nelle Confederazioni sindacali internazionali ed europee e esortarli ad aderire alla campagna internazionale per fermare l’annessione e porre fine all’apartheid ”.

Ciò che è distinto nella risoluzione è che, chiedendo la fine dell’ “apartheid”, identifica le pratiche dello Stato israeliano nei confronti del popolo palestinese come istituzionalmente discriminatorie, sfidando così la normalizzazione delle relazioni attualmente adottata ad esempio dagli Emirati Arabi Uniti e dal Bahrein. e promosso dalla Casa Bianca.

L’internazionalismo ha una lunga tradizione nel movimento sindacale britannico. Negli anni ’60 dell’Ottocento, i lavoratori delle cartiere nell’area di Manchester si rifiutavano di lavorare con il cotone prodotto dal lavoro degli schiavi e importato dagli stati meridionali degli Stati Uniti, nonostante le difficoltà subite per questo dalle loro famiglie. Volontari, molti del movimento sindacale, hanno combattuto nella guerra civile spagnola contro i fascisti. Negli anni ’60, i sindacalisti furono tra i primi a rispondere all’appello dell’African National Congress per il boicottaggio del Sud Africa. È questa tradizione che trova eco nella solidarietà espressa per il popolo palestinese.

Se attuata, la decisione del TUC potrebbe dare un contributo significativo alla costruzione del movimento di solidarietà internazionale e incoraggiare i sindacati di tutto il mondo a svolgere un ruolo importante nella campagna come hanno fatto nella campagna contro l’apartheid in Sud Africa.

L’impegno del TUC è stato il prodotto del lavoro dei sostenitori della Palestine Solidarity Campaign e dei sindacalisti nel corso di molti decenni. I sindacati sono stati riconosciuti come importanti a causa del loro potenziale per convincere milioni di persone alla campagna per la giustizia per i palestinesi. Inoltre, i sindacati sono significativi perché alcuni sono affiliati al Partito Laburista e possono quindi dare un contributo vitale per garantire che la voce dei palestinesi e dei loro sostenitori non venga messa a tacere dagli apologeti pro-Netanyahu all’interno del Partito stesso.

Per più di tre decenni, questo lavoro ha portato a un cambiamento sulla Palestina, che da preoccupazione di una piccola minoranza, è arrivato a una causa con un sostegno schiacciante nei sindacati. Mentre all’inizio degli anni ’90 si sono verificati progressi in un piccolo numero di sindacati, il sostegno della maggior parte dei sindacati è stato rafforzato dall’adozione di una mozione nel 2006 che ha fissato l’agenda politica per gli anni successivi.

La mozione, promossa dal Sindacato dei Vigili del Fuoco, ha espresso sostegno a:

il diritto del popolo palestinese all’autodeterminazione;
il diritto dei profughi palestinesi a tornare in patria;
il ritiro delle truppe israeliane da tutti i territori occupati; e
la rimozione del “muro dell’apartheid” costruito illegalmente.

Fin dall’inizio il TUC ha incoraggiato tutti i suoi sindacati ad affiliarsi alla Palestine Solidarity Campaign (PSC), e da quella data ci sono stati innumerevoli incontri di rami sindacali che hanno ascoltato oratori palestinesi e delegazioni britanniche di ritorno che discutevano della situazione del popolo palestinese. Centinaia, se non migliaia, di sindacalisti hanno visitato la Palestina storica, incontrando lavoratori, comunità e attivisti per informarsi meglio sulle questioni derivanti dalle azioni brutali dello Stato israeliano e dei suoi militari. Questi viaggi hanno incluso l’incontro con una vasta gamma di attivisti palestinesi e la visita a molti campi profughi, centri culturali, scuole, università, persone che devono affrontare demolizioni di case, bambini prigionieri, membri di comunità beduine e attivisti palestinesi all’interno di Israele

Questa ponderosa coorte che porta la propria conoscenza diretta della situazione è diventata sostenitori efficaci della causa palestinese e mobilitatori per le azioni avviate dal PSC. Ove possibile, hanno cercato di sviluppare questa solidarietà politica in azioni pratiche di sostegno umano.

I sindacati sono stati coinvolti a livello centrale nella campagna contro tutte le forme di razzismo, inclusa l’islamofobia e nel sostegno alle mobilitazioni attorno a Black Lives Matter. Allo stesso tempo, coloro che sostengono i palestinesi capiscono che non c’è contraddizione tra l’opposizione militante all’antisemitismo pur mantenendo una posizione di sostegno intransigente per i diritti dei palestinesi oppressi.

La sfida ora è continuare a sviluppare questo lavoro, invitare il Partito laburista ad appoggiare questa campagna e chiedere ai governi britannici di porre fine alla loro complicità con l’oppressione del popolo palestinese da parte del governo israeliano e rifiutare l’intervento del presidente Trump o di qualsiasi futura amministrazione degli Stati Uniti per contrastare il diritto del popolo palestinese all’autodeterminazione.

This entry was posted in info and tagged , , . Bookmark the permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *