Domani la mia famiglia e i miei vicini potrebbero essere costretti a lasciare le nostre case ai coloni israeliani

https://www.thenation.com/

Mohammed El-Kurd 20 novembre 2020

I coloni hanno cercato di allontanarci dalla nostra casa di Gerusalemme dal 2009. Ora potrebbero avere successo.

Una donna palestinese piange mentre i coloni israeliani spostano gli effetti personali della sua famiglia da una casa nel quartiere di Sheikh Jarrah a Gerusalemme est, martedì 1 dicembre 2009. (Dan Balilty / AP Photo)

Novembre 2009. Io e il mio amico Ahmad, entrambi di 11 anni, stavamo tornando a casa in bicicletta da scuola quando ho visto mobili sparsi per tutta la nostra strada a Sheikh Jarrah, un quartiere politicamente significativo della Gerusalemme occupata. La strada era piena di soldati. I miei vicini urlavano e protestavano. Mentre mi avvicinavo a casa mia, non riuscivo a capire chi mi stesse spingendo o in quale direzione. Poi ho visto i cavalli della polizia – allo stesso tempo terrificanti e ridicoli – che bloccavano la mia porta. I coloni avevano invaso la nostra casa e ne avevano occupata metà. Hanno reclamato la parte anteriore e ci hanno lasciato il resto.

Ora, più di un decennio dopo, stanno arrivando per finire ciò che hanno iniziato.

Questo sabato, 21 novembre, i coloni israeliani, sostenuti dalla polizia e dall’esercito, probabilmente costringeranno la mia famiglia a lasciare la nostra casa per sempre. Questo destino di espropriazione incombe su gran parte del mio quartiere. Le nostre vite sono consumate dall’ansia di vivere sull’orlo del diventare dei senzatetto. Mentre studio a migliaia di chilometri di distanza a New York City, mi sento le mani legate, il che intrappola la mia rabbia.

Il mese scorso, la magistratura israeliana di Gerusalemme ha stabilito di sfrattare 12 delle 24 famiglie palestinesi a Sheikh Jarrah. Le famiglie Jaouni, Iskafi, al-Qasim e la mia sono previste per lo sfratto sabato; gli altri, entro agosto. La corte ha anche stabilito che ogni famiglia deve pagare 70.000 shekel (oltre $ 20.000) di tasse per coprire le spese legali dei coloni. Non solo si stanno arrogando la nostra proprietà; si aspettano anche che li paghiamo per farlo. Ci sono stati concessi 30 giorni per presentare ricorso.

La probabilità che il nostro appello cambi il risultato è estremamente bassa. Il furto di terra israeliano è stato ricoperto da varie legislazioni, rendendo quasi impossibile contestarlo. Anche così, la battaglia per Sheikh Jarrah non è legale nella sua essenza: è politica. Fa parte del più ampio sforzo sistematico per israelizzare l’intera Gerusalemme.

La mia famiglia e i nostri vicini lo capiscono. Sappiamo per esperienza di prima mano che il sistema giudiziario israeliano è creato da e per coloro che traggono infinito beneficio dal regime coloniale degli israeliano. I tribunali israeliani ci hanno continuamente impedito di presentare documenti che dimostrassero la proprietà delle nostre case e dei nostri terreni, che risalgono agli anni ’50, decenni prima delle affermazioni fatte dalle organizzazioni dei coloni.

La mia comunità, come la maggior parte delle comunità palestinesi, non è estranea all’espropriazione. Mia nonna fu espulsa da Haifa nel 1948 quando centinaia di migliaia di palestinesi furono sfollati nella Nakba, il cataclisma dell’espulsione di massa che accompagnò l’establishment israeliano. Si è trasferita a Gerusalemme nel 1956 dopo che le Nazioni Unite e la Giordania hanno costruito un progetto di alloggi a Sheikh Jarrah, promettendo che le 28 famiglie di rifugiati avrebbero ricevuto il titolo legale sulla proprietà entro tre anni. Passarono quei tre anni, poi molti altri. La guerra del 1967 scoppiò prima che quei titoli si materializzassero.

PROBLEMA ATTUALE

Eppure mia nonna è rimasta. Ha cresciuto e seppellito le sue figlie a Sheikh Jarrah. I miei genitori si sono sposati a casa nostra. Abbiamo piantato melograni, mele, arance, fichi.

Dal 1967, diverse organizzazioni di coloni, alcune delle quali hanno sede negli Stati Uniti, hanno tentato senza sosta di impadronirsi del quartiere. Quel giorno del 2009, coloni armati di fucili, protetti dai soldati, hanno preso il controllo delle case delle famiglie Ghawi e Hannoun, così come metà della casa della mia famiglia. Da allora, tutto ciò che ci ha separati sono stati il ​​muro a secco e le coperte su uno stendibiancheria. Le coperte sono lì per impedire ai coloni di molestarci. Spesso stanno vicino alle finestre esponendosi o sputandoci parolacce arabe pronunciate con durezza. Li ho visti ripetutamente picchiare il loro cane prima di scatenarlo contro di noi.

Una notte, i coloni hanno lanciato un televisore su mia nonna, mandandola in coma. Mentre l’ambulanza si allontanava, hanno acceso un incendio nella culla della mia sorellina. Mia sorella, all’epoca di 2 anni, ha lottato con un disturbo di panico fino al decennio successivo. Ora è una sveglia ragazzina di 13 anni alle prese con una realtà che fa riflettere. Su FaceTime, ha detto “grazie a Dio” era la sua culla, non lei, che ardeva tra le fiamme. Si paragonava all’attacco del 2015 a Duma in cui i coloni hanno dato fuoco a una casa, uccidendo il bambino di diciotto mesi Ali Dawabsheh e i suoi genitori.

Questa distinzione gerarchica tra i livelli di catastrofe è comune tra i palestinesi: se non vieni sfrattato dalla tua casa, viene demolita; se non sei imprigionato, ti sparano per strada; se non ti hanno sparato per strada, c’è un drone nel tuo cielo nella Striscia di Gaza; se non è una bomba, è l’esilio.

Ad un certo punto della vita di ogni palestinese, ci rendiamo conto che la Nakba è tutt’altro che finita. Continua ogni volta che Israele revoca le residenze a Gerusalemme. Suona nei segnali stradali spogliati della lingua araba. Ci colpisce con continue campagne di disumanizzazione. In una recente intervista televisiva, mio ​​padre ha detto: “Non ci stanno sfrattando dalle nostre case; ci stanno sfrattando dalla nostra umanità “. Ciò a cui stiamo assistendo a Sheikh Jarrah è il tentativo di Israele di cancellare in tempo reale la presenza palestinese dalla nostra città natale.

Dalla mia stanza a New York, ho chiamato freneticamente mio padre di 76 anni per aggiornamenti e ho controllato ossessivamente le restrizioni di viaggio per Covid-19 per vedere se posso tornare a casa. Sono angosciato dalla possibilità di arrivare finalmente a Gerusalemme e trovare i miei genitori che cercano di sopravvivere a una crisi sanitaria globale in una tenda improvvisata per strada.

Andavo in bicicletta su quella strada con Ahmad. Ci sedevamo su due grandi rocce e sognavamo il futuro. Oggi, Sheikh Jarrah non riflette nulla di quel futuro. Se le acquisizioni di case possono procedere, perderemo entrambe le nostre case. Ai figli dei miei vicini verrà impedito dai colonizzatori armati di andare in bicicletta per le loro strade. I miei futuri figli possono conoscere la loro casa solo tramite riconoscimenti superficiali della terra, simili a quelli offerti sul territorio dei Lenape (tribù pellerossa della Pennsylvania) da cui scrivo. Non voglio che il mio unico portale per la mia patria sia un ricordo amaro. La mia famiglia, tutto il mio quartiere, è rannicchiata, in attesa che i coloni abbattano le porte.

 

This entry was posted in info and tagged , , , . Bookmark the permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *