Israele è uno stato di apartheid, quindi gli Stati Uniti dovrebbero interrompere gli aiuti, affermano americani in un sondaggio

1 aprile 2021

https://www.middleeastmonitor.com/20210401-israel-is-an-apartheid-state-so-us-should-stop-aid-say-americans-in-poll/

Uomo sventola bandiera palestinese su un veicolo durante una protesta, organizzata per celebrare il 70° anniversario della Nakba, noto anche come Giorno della Catastrofe nel 1948, e contro la violenza israeliana a Gaza il 18 maggio 2018, Times Square, New York , USA. [Atılgan Özdil – Agenzia Anadolu]

Un nuovo sondaggio ha trovato ulteriori prove del calo del sostegno a Israele all’interno degli Stati Uniti, con più americani che affermano di non volere che lo stato sionista sia uno dei principali destinatari degli aiuti statunitensi.

Il sondaggio è stato condotto in seguito alla pubblicazione di un rapporto del gruppo israeliano per i diritti umani B’Tselem intitolato “Un regime di supremazia ebraica dal fiume Giordano al Mar Mediterraneo: questo è l’apartheid”.

Nella conclusione, B’Tselem ha affermato che la soglia per definire Israele un regime di apartheid è stata raggiunta e che tale determinazione è stata raggiunta in considerazione dell’accumulo di politiche e leggi che sono state escogitate per rafforzare il suo controllo sui palestinesi. Ha citato la legge sullo stato della nazione ebraica del 2018 che, i critici insistono, ha formalizzato l’apartheid nel paese.

Condotto da IRmep all’inizio di marzo, il sondaggio chiedeva se, alla luce del rapporto B’Tselem, Israele dovesse essere uno dei principali destinatari degli aiuti statunitensi. Di coloro che hanno risposto, il 38,1% ha affermato che Israele non dovrebbe essere uno dei principali destinatari degli aiuti. Solo il 33% ha affermato che dovrebbe continuare a ricevere 3,8 miliardi di dollari all’anno da Washington.

Le differenze sono più marcate se esaminate su base regionale: il 43,4% degli intervistati dal nord-est degli Stati Uniti, il 39,1% dal centro-ovest e il 36,2% dall’ovest ha affermato che un tale livello di aiuti statunitensi dovrebbe fermarsi. Con il 36,1 per cento, nel sud degli Stati Uniti sono i più propensi a desiderare che gli aiuti a Israele continuino.

Il sondaggio è stato condotto prima della conferenza annuale IsraelLobbyCon del 17 e 24 aprile, che quest’anno ha come tema “Fine del sostegno degli Stati Uniti all’apartheid israeliano?” IRmep e il Washington Report on Middle East Affairs stanno organizzando l’evento per “esplorare le ultime ricerche, innovazioni e tattiche per contrastare le politiche dannose della lobby israeliana negli Stati Uniti e in tutto il mondo”.

Il sondaggio di IRmep è l’ultima indicazione che, sempre di più, i cittadini americani sembrano credere che la discriminazione sistemica e l’apartheid da parte dello stato coloniale dovrebbero avere conseguenze.

I successivi governi degli Stati Uniti, tuttavia, continuano a pensare diversamente.

This entry was posted in info and tagged , , . Bookmark the permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *