I coloni si preparano a controllare la sorgente di Ein al-Hilweh nella Valle del Giordano

https://english.palinfo.com
 4 aprile 2021                                  Valle del Giordano
Abdullah Dhababat sta guardando con il cuore spezzato gruppi di coloni ebrei mentre sono attivamente impegnati nei lavori di restauro della sorgente di Ein al-Hilweh nella valle del Giordano settentrionale. È pienamente consapevole che ciò significa in termini pratici che esiste un piano per requisirla.

Dhababat, così come molti allevatori di bestiame della zona, forniva acqua alla sua mandria di mucche da questa sorgente, ma i coloni, che li molestano costantemente nella Valle del Giordano, ne  impediscono l’uso.

Dice che questo è un segnale pericoloso, aggiungendo “Impedirci di prelevare acqua per il nostro bestiame significa che la sorgente è entrata nella fase di confisca effettiva”.

Aref Daraghmeh, un attivista per i diritti umani nella Valle del Giordano, conferma che ciò che sta accadendo a Ein al-Hilweh è un vero e proprio piano per sequestrarla e come avvocato per i diritti umani, sta monitorando i piani dei coloni. A quanto pare i coloni si stanno imbarcando negli ultimi ritocchi per controllare completamente la sorgente, ha aggiunto.Daraghmeh ha osservato che questi lavori di costruzione possono sembrare il restauro di una vecchia sorgente d’acqua, ma questo è un preludio alla confisca. “Tutte le indicazioni portano a questo, poiché l’occupazione israeliana non lascerà una fonte naturale di acqua senza controllarla completamente”, ha sottolineato.

Il contadino Munther Bisharat dice che i coloni portano le loro famiglie alla sorgente ed cacciano ogni palestinese che si avvicina mentre i soldati delle forze di occupazione israeliane proteggono i coloni.

Mahdi Daraghmeh, capo del Consiglio del villaggio di al-Maleh e beduino Mudarabah, ritiene che il piano per conquistare l’area sia un piano vecchio-nuovo, poiché i coloni hanno recintato dozzine di dunum a est di Ein Al-Hilweh nelle aree di Bayyoud e Umm Kharrouba .

Ein al-Hilweh si trova nella zona di Wadi al-Malih ed è caratterizzata dal suo clima caldo e dall’abbondanza di acqua. Ciò la rese una delle zone agricole e pastorali più ambite per molti agricoltori di Tubas.

Daraghmeh sottolinea che la strategia di controllo delle fonti d’acqua è uno dei principali mezzi di pressione verso i cittadini sfollati. Quando le fonti d’acqua vengono interrotte, le famiglie sono costrette a lasciare l’area e questo è ciò che vuole l’occupazione.

Egli avverte inoltre che l’atto dell’occupazione di prendere di mira le fonti d’acqua e i pascoli nella Valle del Giordano ha notevolmente ridotto il numero del bestiame e la ricchezza di mandrie in Palestina.

Daraghmeh spiega che Wadi Al-Maleh comprende cinque comunità beduine: Khirbet Al-Farisiyah, Ein al-Heilweh, Hammamat Al-Maleh, Khirbet Samra e Khirbet Al-Hama.

Queste comunità sono diventate sempre più minacciate negli ultimi tempi. Il Wadi Al-Maleh è abitato da più di 460 famiglie, circa 3.000 persone, di cui 43 a Ein al-Hilweh, aggiunge Daraghmeh.

This entry was posted in info and tagged , , , . Bookmark the permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *