Diario di un arresto, pensieri e sogni, veri o presunti

Ramallah – Palestina Occupata -ore 1.34 del 09/02/2019

Bambini che vanno a scuola. 

Bambini che giocano a pallone.

Bambini a cui i soldati chiedono di aprire gli zaini.

Occhi dei bambini.

Pensieri sulla pedagogia dell’occupazione.

I miei compagni che mi abbracciano quando il mio arresto finisce.

Gli occhi del mio traduttore che mi prega di dare il mio dna.

Bambino di 12 anni ucciso oggi a Gaza.

Bambino di 18 anni ucciso oggi a Gaza.

Bambino di 4 anni e 8 mesi ucciso a Gaza al mio arrivo. Continue reading

Posted in info, opinioni | Tagged , , , | Leave a comment

Scrittrice israeliana: Gaza è un campo di concentramento

https://www.middleeastmonitor.com/20190208-israel-writer-gaza-is-a-concentration-camp/
8 febbraio 2019
I bambini di Gaza si ricoprono di abiti caldi  durante i mesi invernali a Gaza il 21 gennaio 2018 [Mohammed Asad / Middle East Monitor]
Israele ha un piano per isolare la Striscia di Gaza e privarla delle sue radici, è stata trasformata in un campo di concentramento e questo non ha niente a che fare con Hamas, ha scritto oggi la giornalista israeliana Amira Hass ad Haaretz.

Bambini a Gaza si coprono a strati in un inverno freddo

Hass ha detto che le autorità israeliane stringono la presa sulla Striscia di Gaza e poi esprimono le loro preoccupazioni al riguardo.

“La Striscia di Gaza oggi è un campo di concentramento”, ha scritto. Continue reading

Posted in gaza, opinioni | Tagged , | Leave a comment

Il ragazzino e l’assedio avevano la stessa età

https://assawra.blogspot.com/2019/02/lenfant-et-le-blocus-avaient-le-meme-age.html

Hmzat Achtioui (17 anni) e Hassan Iyad Chalbi (14 anni) sono caduti in occasione della 45° “marcia per il ritorno”, che ha avuto luogo oggi venerdì 8 febbraio 2019, lungo la barriera detta di “sicurezza” sul limite con lo stato sionista, barriera in corso di costruzione nella Palestina occupata. Hassan è stato colpito in pieno petto, a Est di Khan Younis.

venerdì prossimo altri ragazzini marceranno sulle orme dei loro amici

Il suo crimine, voler protestare contro un blocco che dura da più di 12 anni….

Il ragazzino e il blocco avevano la stessa età.

Il ragazzino ne è morto, il blocco invece continua.

Venerdì 15 febbraio altri ragazzini marceranno sulle orme del loro amico caduto.

E’ un popolo in piedi che avanza di fronte alla repressione sanguinosa di un occupante impunito, ma verrà un giorno in cui la giustizia vincerà come un uccellino sul ramo più alto! 

Posted in gaza | Tagged , , | Leave a comment

Israele ordina la demolizione di cinque edifici a Issawiya

6 febbraio 2019

http://it.maannews.com/Content.aspx?fbclid=IwAR1leHieHhsnGtfbT1bEB4_y0DXF2jOfAyuko5GlC3G-JxlJNkZMlhgRx9M&id=782464

GERUSALEMME (Ma’an) – Mercoledì il personale della municipalità israeliana di Gerusalemme ha consegnato avvisi di demolizione agli edifici di proprietà palestinese nel quartiere di Issawiya, nella zona occupata di Gerusalemme Est.

Muhammad Abu al-Hummus, membro di un comitato di controllo locale, ha detto a Ma’an che lo staff della municipalità israeliana di Gerusalemme, scortato dalle forze israeliane, ha preso d’assalto Issawiya e consegnato avvisi di demolizione a diversi edifici di proprietà palestinese, con il pretesto di essere stato costruito senza un permesso. Continue reading

Posted in info | Tagged , , , , , , , | Leave a comment

Ero un colono. So come i coloni diventano assassini

https://www.haaretz.com/israel-news/.premium-i-was-a-settler-i-know-how-settlers-became-killers-
Ho aiutato a stabilire l’avamposto illegale della Cisgiordania, dove studiavano i sospetti nell’omicidio di una donna palestinese, Aisha Rabi. Ho visto la destra israeliana radicalizzare al punto di svalutare la vita umana – per chiunque non sia ebreo

Un colono ebreo reagisce dopo essere stato arrestato dai poliziotti di confine israeliani ai margini della città di Ramallah, in Cisgiordania. 16 aprile 2006REUTERS

Ho lasciato l’insediamento di Rehelim in Cisgiordania circa nove anni fa. Da allora, ho attraversato un profondo processo di cambiamento per quanto riguarda la mia ideologia e fede, e oggi sono un critico radicale del progetto di insediamento. Continue reading

Posted in info, opinioni | Tagged , | Leave a comment

Le forze israeliane detengono uno studente palestinese e 5 insegnanti nella città di Hebron

5 febbraio 2019

https://www.maannews.com/Content.aspx?id=782454

HEBRON (Ma’an) – Le forze israeliane hanno rilasciato cinque insegnanti palestinesi e uno studente, martedì, dopo averli trattenuti per diverse ore mentre erano diretti alla scuola Hajariyah nella città di Hebron, nella parte meridionale della West Bank occupata. Continue reading

Posted in info, prigionieri, Senza categoria, Uncategorized | Tagged , , , , , | Leave a comment

Il proprietario del negozio “Casa da 100 milioni di dollari” punito per la resistenza all’occupazione

4 febbraio 2019 | International Solidarity Movement, Al-Khalil team | Hebron, Palestina occupata

Oggi, il nostro buon amico Abdulraouf Al-Mohtaseb, il famoso proprietario della casa da 100 milioni di dollari, ha trovato il suo negozio circondato da barricate d’acciaio.

Condanniamo questo flagrante atto di aggressione da parte dell’IDF contro i proprietari di negozi nella città vecchia di Al-Khalil. Questa è una risposta diretta contro l’atto di resistenza resiliente di Abdulraouf con il suo rifiuto di conformarsi all’occupazione.
Siamo con Abdulraouf e con i proprietari di negozi di Al-Khalil.

Posted in info | Tagged , , | Leave a comment

Dì a TripAdvisor di ritirarsi dagli insediamenti illegali nei territori palestinesi occupati

03 febbraio 2019

https://www.amnesty.org/en/get-involved/take-action/tripadvisor-occupied-palestine-territories/?fbclid=IwAR0XwMqBduJ3czUIO6PsYbDQrtZCpWKlIU0n3761g5xOF00eUq_b3Gr1qus

Impara a sparare come un soldato, cavalca un cammello o fai un giro dei siti storici – tutto su territori rubati!
Grazie a TripAdvisor, queste sono tutte le attività che puoi fare quando visiti uno dei tanti insediamenti illegali israeliani.

Continue reading

Posted in info | Tagged , , , , , , , | 3 Comments

Le forze israeliane effettuano perquisizioni e incursioni per arresti in tutta la West Bank

https://www.maannews.com/Content.aspx?id=782426
2 Febbraio 2019
BETHLEHEM (Ma’an) – Le forze israeliane hanno arrestato almeno quattro palestinesi, sabato prima dell’alba, da diverse aree della Cisgiordania occupata.


Nel distretto sud-occidentale di Hebron, i locali hanno riferito che le forze israeliane hanno arrestato un palestinese, identificato come Muhammad Khader al-Umour, dal villaggio di at-Twani vicino a Yatta.
Un altro palestinese, identificato come Ahmad Mazen Harb, è stato detenuto dalle forze israeliane mentre si trovava in un posto di blocco vicino all’insediamento illegale israeliano di Haggai a sud di Hebron. Continue reading

Posted in info | Tagged , , , , | Leave a comment

Il WCC ritira gli accompagnatori da Hebron a causa di problemi di sicurezza

29 gennaio 2019

https://www.oikoumene.org/en/press-centre/news/wcc-pulls-accompaniers-from-hebron-due-to-security-concerns?fbclid=IwAR2H3cMESb_zNj7-NnwpafuTCJAgxjYgLeaNhMKWqZwk2GVa_afc39SsgNk

Il World Council of Churches, in Palestina ed Israele, ha preso la decisione di rimuovere gli Accompagnatori Ecumenici dalla zona di Hebron, a causa di problemi di sicurezza.

Il programma di accompagnamento del WCC è tra le varie organizzazioni non governative e di pacificazione che hanno raggiunto un punto critico questa settimana a causa delle presunte molestie da parte dei coloni e dei soldati israeliani.

Tra i gruppi che escono dall’area di Hebron c’è anche il Temporary International Presence a Hebron (TIPH), in questo caso a seguito di una decisione del governo israeliano di non rinnovare il mandato del TIPH. Il TIPH è stato istituito più di 20 anni fa per aiutare a proteggere i palestinesi nell’area di Hebron. Il mancato rinnovo di questo mandato e l’intensificazione delle vessazioni del programma del WCC e di altre presenze delle ONG minaccia di eliminare qualsiasi controllo internazionale e presenza protettiva da una delle situazioni più instabili nei territori palestinesi occupati, in un momento in cui la visione di un la pace sostenibile nella regione sembra più remota che mai. Continue reading

Posted in info | Tagged , , , , , , , | Leave a comment