Quello c’è da sapere sull’inchiesta della CPI sui crimini di guerra nei territori palestinesi occupati

10 maggio 2020

https://www.middleeastmonitor.com

di Romana Rubeo e Ramzy Baroud

Il ministro degli Esteri dell’Autorità palestinese, Riyad al-Maliki, lascia il Tribunale penale internazionale (ICC) a L’Aia, il 25 giugno 2015 [ROBIN VAN LONKHUIJSEN / AFP / Getty Images]

Fatou Bensouda, procuratore capo della Corte Penale Internazionale (CPI), ha risolto una volta per tutte i dubbi sulla giurisdizione della Corte per indagare sui crimini di guerra commessi nella Palestina occupata.

Il 30 aprile, Bensouda ha pubblicato un documento di 60 pagine che stabilisce diligentemente le basi giuridiche per tale decisione, concludendo che “l’accusa ha attentamente considerato le osservazioni dei partecipanti e rimane dell’opinione che la Corte sia competente per i territori palestinesi occupati“.

La spiegazione legale di Bensouda era di per sé una decisione preventiva, risalente a dicembre 2019, poiché il procuratore della CPI deve aver anticipato un respingimento orchestrato da Israele contro le indagini sui crimini di guerra commessi nei territori occupati. Continue reading

Posted in info | Tagged , , , , , | Leave a comment

Cosa significa Nakba nel 2020? Tre giovani donne palestinesi rispondono

https://english.alresalah.ps/
17/05/2020

“Immagino sempre il giorno in cui i campi diventeranno vuoti. Mi chiedo, mentre torniamo, ci sentiremo tristi per i campi? “

Qassam Muaddi
“Persone di tutte le età, intere famiglie con i loro bambini si stavano radunando sull’autobus. È stata un’idea completamente nuova e non sapevamo come sarebbe andata a finire ”. Huda Amer, 27 anni della città di Gaza, ricorda vividamente quella mattina del 2018, come se fosse appena successo. “Gli autobus provenivano da tutta la Striscia di Gaza e andavano verso la recinzione orientale. Le persone sull’autobus erano eccitate. Alcuni, i più innocenti, si chiedevano l’un l’altro se sarebbero davvero tornati quel giorno ”.
Ogni anno in questa data, i palestinesi come Huda in tutto il mondo ripetono una sola parola più di ogni altra: Nakba. Arabo per “Catastrofe”. Si riferisce all’espulsione di massa dei palestinesi dalle loro città natali nel 1948. E ogni volta che viene menzionata la Nakba, al contrario, viene menzionato anche il “ritorno”. Continue reading

Posted in opinioni | Tagged , , , | Leave a comment

Video: Ricordando la Nakba, 72 anni dopo

https://electronicintifada.net/

14 maggio 2020

Sono passati 72 anni dalla Nakba, o catastrofe, quando 800.000 palestinesi furono espulsi dalle milizie sioniste o fuggirono dalle loro città e villaggi, in una massiccia campagna di pulizia etnica per far posto a Israele.

Harba Abu Zakri è una sopravvissuta.

La donna di 105 anni afferma di essere nata durante l’epidemia di locuste del 1915. Ricorda vividamente come le forze paramilitari sioniste abbiano ucciso suo padre, suo fratello, sua sorella e suo nipote. Continue reading

Posted in info | Tagged , | Leave a comment

“Israele” spiana 15 dunum di terra in Cisgiordania

https://qudsnen.co/

18 maggio 2020

Tulkarm (QNN) – I bulldozer israeliani lunedì hanno livellato 15 dunum di terreni agricoli palestinesi tra i villaggi di Kafa e Shoufa nella città di Tulkarm in Cisgiordania.

Citando l’attivista Tahseen Hamid, WAFA ha riferito che oltre dieci bulldozer israeliani accompagnati da soldati e coloni israeliani hanno fatto irruzione in terre di proprietà di cittadini palestinesi.

Ha aggiunto che i bulldozer hanno iniziato a livellare la terra, danneggiando e rompendo ulivi e raccolti fruttuosi. Continue reading

Posted in info | Tagged , , , | Leave a comment

Le forze israeliane arrestano 2 palestinesi in un raid in Cisgiordania

Le forze israeliane fanno irruzione nel villaggio di Yabed e arrestano un palestinese nel villaggio di Jenin, nel nord della Cisgiordania, il 12 maggio 2020. [Nedal Eshtayah – Anadolu Agency]

L’agenzia Anadolu riferisce che le forze israeliane hanno rapito due palestinesi in un raid nella Cisgiordania occupata nella giornata di domenica, così hanno riportato i residenti del  luogo.

I soldati israeliani hanno fatto irruzione nella città di Yabad, vicino a Jenin, nella Cisgiordania settentrionale e hanno perquisito diverse case prima di arrestare due giovani, hanno riferito i residenti.

Non è stato fornito alcun motivo per l’arresto. Continue reading

Posted in info | Tagged , , , | Leave a comment

Il piano di annessione di Israele è la rivisitazione della Nakba

https://www.middleeasteye.net/

15 maggio 2020

Nella sua attuale formulazione, Israele conosce solo una direzione: approfondire il suo dominio su un popolo a cui ha rubato, e continua a rubare, la terra.

Soldati israeliani in movimento mentre I Palestinesi manifestano sulla cima di una collina il 2 marzo (Reuters)

Gli anniversari commemorano eventi passati. E potresti essere perdonato per pensare che un evento accaduto 72 anni fa sia davvero nel passato.

Questo è vero per la maggior parte degli anniversari, tranne quando si tratta della Nakba, il “disastro, catastrofe o cataclisma” che segna la divisione della Palestina storica nel 1948 e la creazione di Israele.

La Nakba non è un evento passato. Da allora, l’usurpazione di terre, case e la creazione di rifugiati è proseguita quasi senza sosta. Non è qualcosa che è successo ai tuoi bisnonni. Continue reading

Posted in info, opinioni | Tagged , , | Leave a comment

Solidarietà significa insistere sul diritto al ritorno dei palestinesi

https://electronicintifada.net/

14 maggio 2020

Kristian Davis Bailey

L’attivismo di solidarietà in Palestina ha fatto notevoli progressi negli Stati Uniti nell’ultimo decennio.

I murales dipinti da rifugiati palestinesi in Libano sottolineano il loro diritto di tornare a casa. (Neri per la Palestina)

È stato creato un movimento studentesco nazionale, la solidarietà tra i movimenti è stata rinvigorita e una serie di vittorie è stata raggiunta nella spinta al boicottaggio, alla disinvestimento e alle sanzioni. Queste vittorie hanno spaziato da chiese e università a sostegno delle misure BDS al blocco delle navi da carico israeliane.

Per un momento sembrò che il movimento di solidarietà in Palestina fosse sull’offensiva. Continue reading

Posted in info, opinioni | Tagged , , | Leave a comment

Palestinesi uccisi in Cisgiordania e a Tel Aviv

https://electronicintifada.net/

14 maggio 2020

Maureen Clare Murphy

I soldati israeliani hanno sparato e ucciso un palestinese vicino all’ingresso della città di Beit Awwa, nella zona di Hebron, nella Cisgiordania meridionale.

Questa settimana i soldati israeliani hanno ucciso due palestinesi in Cisgiordania. Immagini APA di Oday Daibes

L’esercito israeliano ha affermato che il palestinese aveva attaccato i soldati con la sua auto prima che gli sparassero.

Secondo quanto riferito, un soldato era in “condizioni da moderate a gravi dopo essere stato colpito”, hanno riferito i media israeliani.

Il palestinese ucciso è stato identificato come Baha al-Awawda. Continue reading

Posted in info | Tagged , , | Leave a comment

Terra perduta: i sopravvissuti della Nakba ricordano la lotta rurale della Palestina nell’era del Mandato

https://www.middleeasteye.net/

13 maggio 2020

L’agricoltura era al centro della società palestinese prima della creazione dello stato di Israele – e le potenze coloniali britanniche lo sapevano

Di Fareed Taamallah nel campo profughi di al-Amaari

Donne palestinesi raccolgono cotone nel villaggio di Kafr Saba nel 1937 (Memoria agricola della Palestina)

Per Khadija al-Azza, il suo villaggio natale di Tell al-Safi era un paradiso.

“Abbiamo vissuto il meglio della vita”, ha detto la donna palestinese di 88 anni a Middle East Eye, ricordando la piccola comunità rurale della sua infanzia, prima che la sua popolazione fosse espulsa con la forza dalle milizie sioniste nel 1948 durante la Nakba – Arabo per “catastrofe ”. Continue reading

Posted in info, opinioni | Tagged , | Leave a comment

In Israele, le città palestinesi vengono schiacciate mentre le città ebraiche crescono: Human Rights Watch

12 maggio 2020

Palestinesi di nazionalità israeliana sventolano bandiere palestinesi mentre prendono parte all’annuale “Marcia del ritorno” tenutasi il giorno della Nakba (catastrofe), vicino alla città di Umm al-Fahm, il 9 maggio 2019. (Ahmad Gharabli / AFP)

Gerusalemme – La politica del governo israeliano di schiacciare le comunità palestinesi si estende oltre la Cisgiordania e Gaza fino alle città e ai villaggi palestinesi all’interno di Israele, ha affermato oggi Human Rights Watch (HRW). La politica discrimina i cittadini palestinesi di Israele e a favore dei cittadini ebrei, limitando drasticamente l’accesso dei palestinesi alla terra per l’edilizia abitativa per favorire la crescita naturale della popolazione. Continue reading

Posted in info | Tagged , , , , | Leave a comment