Israele demolisce alcune parti del cimitero palestinese a Gerusalemme

https://www.middleeastmonitor.com/20170911
11 settembre 2017
Le forze israeliane, questa mattina, hanno demolito alcune parti della parete esterna di un cimitero palestinese nella Gerusalemme Est occupata, secondo fonti locali.

I bulldozers scortati da ufficiali dell’Istituto israeliano Nature And Parks (INPA) hanno demolito la sezione occidentale del cimitero di Al-Shuhada, che è un’estensione del cimitero di Al-Yusifiya situato all’entrata della Porta dei Leoni della Città Vecchia, Mustafa Abu Zahra, capo del comitato per la conservazione dei cimiteri islamici di Gerusalemme, ha detto a Ma’an. Continue reading

Posted in info | Tagged , , | Leave a comment

Le forze israeliane hanno invaso un centro commerciale di Hebron venerdì scorso

10 settembre 2017 | International Solidarity Movement, al-Khalil team | Hebron, Palestina occupata
Venerdì 8 settembre, un gran numero di soldati israeliani sono entrati nella zona H1 di Hebron occupata, ufficialmente sotto il pieno controllo palestinese. L’esercito ha usato lacrimogeni e bombe stordenti in una delle principali piazze del centro di Hebron, che ha reso impossibile l’accesso dell’area Manara square per i cittadini palestinesi.

Soldati nella piazza al-Manara di Hebron

Dopo la preghiera del mezzogiorno del venerdì, le normali proteste su piccola scala si sono svolte con giovani palestinesi all’opera, mentre dieci soldati sono usciti dall’area H2 a controllare i manifestanti in strada. Dopo di ciò, i manifestanti si sono ritirati e hanno interrotto la loro protesta. Continue reading

Posted in info | Tagged , , | Leave a comment

I militari israeliani hanno sparato a un 20enne nel petto con proiettile d’acciaio rivestito di gomma

8 settembre 2017 |International Solidarity Movement, Huwwara-team Kafr Qaddum, Palestina occupata

Durante la manifestazione a Kafr Qaddum di venerdì 8 settembre, un manifestante palestinese di 20 anni è stato colpito con un proiettile in acciaio rivestito di gomma al petto e curato sul posto, mentre i droni con telecamera  ronzavano sopra le teste dei partecipanti. Gli ISM presenti hanno anche notato come le forze militari israeliane stavano fotografando e filmando i manifestanti. Questo materiale è di solito utilizzato per arrestare i partecipanti, spesso minorenni e negare l’accesso agli avvocati.

Le forze militari israeliane prendono foto e sparano ai manifestanti.

L’esercito israeliano blocca la strada che conduce dal villaggio di Kafr Qaddum alla città di Nablus dal 2003. La chiusura della strada ha raddoppiato il viaggio a Nablus per gli abitanti del villaggio, aumentando sia il tempo di viaggio che il costo. Dal 2011 gli abitanti del villaggio hanno protestato settimanalmente contro questa chiusura stradale. Continue reading

Posted in info | Tagged , | Leave a comment

Due notti a Umm al-Kheir: un diario

5 settembre 2017 |International Solidarity Movement, al-Khalil team | Umm al-Kheir, sud di Hebron, Palestina occupata
Ho trascorso gli ultimi due giorni a Umm Al Khair, un villaggio beduino nelle South Hebron Hills, godendo della meravigliosa ospitalità, generosità e benevolenza della gente. Questo non era il mio primo viaggio lì. E, quanto mi dispiace dirlo, come per la maggior parte delle cose in Palestina, le cose sono molto peggiorate dalla mia ultima visita. L’insediamento coloniale illegale di Karmel appartenente all’entità chiamata israele circonda il villaggio su quasi ogni lato. Alcune delle tende e delle unità abitative sono a meno di 20 metri dalla recinzione di “sicurezza”. Le unità abitative nell’insediamento illegale sono aumentate e altre sono state costruite con il progetto di prendere altra terra di proprietà del villaggio per continuare l’espansione.

Alcune delle più recenti case coloniche di Karmel

Continue reading

Posted in info | Tagged , , | Leave a comment

Il diritto all’istruzione  gravemente ostacolato per gli studenti della scuola Qurtuba

29 agosto 2017 |International Solidarity Movement, al-Khalil team | Hebron, Palestina occupata
Le forze israeliane nella occupata al-Khalil (Hebron) stanno gravemente limitando, per il secondo giorno di fila, la libertà di movimento degli studenti palestinesi e degli insegnanti della scuola Qurtuba. Mentre lunedì gli studenti e gli insegnanti sono stati arrestati dalle forze israeliane per quasi mezz’ora prima di poter continuare a tornare a casa dopo la giornata scolastica, il giorno dopo le forze israeliane hanno impedito agli studenti di portare materiali scolastici essenziali e gli hanno nuovamente  negato di passare il checkpoint.

Studenti palestinesi fermati alla scala che conduce a Shuhada Street, lasciando la scuola Qurtuba il lunedì

La scuola Qurtuba si trova nella zona H2 dell’occupata al-Khalil, sotto il pieno controllo militare israeliano. Continue reading

Posted in info | Tagged , , , | Leave a comment

Le forze israeliane arrestano 3 bambini e ossessionano i palestinesi nella occupata Hebron per il secondo giorno di fila

24 agosto 2017 | International Solidarity Movement, al-Khalil team | Hebron, Palestina occupata
I soldati israeliani, per il secondo giorno di fila, hanno invaso il centro storico di Hebron (al-Khalil), arrestando quattro persone. Le forze di occupazione hanno bloccato la strada principale per 4 ore limitando il movimento dei palestinesi. Le forze israeliane hanno usato granate stordenti per controllare la folla.

Forze israeliane che limitano il movimento dei palestinesi

Verso le 9 del mattino un gruppo di soldati è andato nelle strade del centro storico di Hebron. Hanno arrestano un uomo e lo hanno portato alla base militare. Allo stesso tempo, hanno bloccato la strada principale del mercato, impedendo alle persone di muoversi tra il mercato e le loro case. Continue reading

Posted in info | Tagged , , , | Leave a comment

Tre bambini arrestati nella Hebron occupata

23 agosto 2017 | International Solidarity Movement, al-Khalil team | Hebron, Palestina occupata
Tre ragazzi minorenni, 2 di 13 anni e 1 di 14 anni, sono stati arrestati oggi nella Hebron occupata (al-Khalil), i soldati li hanno accusati di avere lanciato pietre. Fino a 40 soldati sono usciti dalla loro base militare a Bab al-Baladdbiya e hanno fatto irruzione in diverse case cercando i presunti sospetti.

 

Soldati israeliani che razziano case e arrestano tre ragazzi minori

Continue reading

Posted in info | Tagged , , , | Leave a comment

Presenza militare continua a Umm Al-Kheir minacciata dalla demolizione

22 agosto 2017 | International Solidarity Movement, al-Khalil team | Um Al-Kheir,  Palestina occupata
Tre giovani palestinesi sono stati arrestati dalle forze di occupazione israeliane venerdì 19 agosto. Gli uomini, residenti della comunità beduina Um Al-Kheir, sono stati tenuti dai soldati per due ore e costretti a sedersi contro la recinzione che si estende fino al vicino insediamento illegale. Quattro soldati armati hanno spintonato la folla circostante, inclusi i membri del team ISM di Al-Khalil.

Soldati che detengono tre uomini palestinesi

Domenica sera, membri della squadra di Al-Khalil hanno viaggiato nel piccolo villaggio di Um Al-Kheir, situato proprio accanto al villaggio illegale di Carmel, nelle South Hebron Hills. Al loro arrivo, un veicolo militare era sistemato sulla strada che porta al villaggio, con tre uomini detenuti dalle forze militari. Gli uomini detenuti erano Akram Hathaleen (21 anni), Aala Hathaleen (20 anni) e Mahmoud (33 anni).

Soldati che spingono indietro gli abitanti del villaggio

Secondo i quattro soldati, uno dei giovani si era arrampicato  sulla recinzione a Carmel, che è quanto meno improbabile dato il reticolato con lamette di rasoio che circonda l’insediamento illegale israeliano. I locali cittadini hanno sottolineato che probabilmente gli uomini hanno semplicemente cercato di accedere ai terreni agricoli appartenenti alla loro comunità.

Soldato israeliano che controlla gli abitanti del villaggio

Dopo circa due ore gli uomini sono stati liberati, con uno degli uomini che ha avuto ordine di presentarsi alla stazione di polizia di Kiryat Arba il giorno successivo.
La presenza militare è stata prevalente ultimamente nei dintorni di Um Al-Kheir a seguito di un rigoroso ordine di demolizione. Tra le 70 strutture appartenenti al villaggio, solo due di loro rimarranno dopo che i militari eseguiranno l’ordine e distruggeranno le case. Naturalmente, questo significa la fine di un villaggio appartenente ad una comunità beduina che ha vissuto in questa zona per generazioni.

 

Cosa rimane di una casa demolita a Umm Al-Kheir

Il villaggio ha affrontato le demolizioni quasi ogni anno dal 2008, con reti idriche e fino a 17 strutture distrutte ogni anno. I coloni di Carmel spesso esaminano la comunità con i droni per individuare la costruzione e inviare il filmato all’amministrazione civile israeliana.
A causa della piccola distanza dell’insediamento Carmel, Um Al-Kheir perde sempre di più l’accesso alla propria terra. Nonostante fosse stato fondato come un avamposto militare nel 1980, i primi coloni vi si trasferirono intorno al 2008. Nel 2012 occuparono una montagna vicina, dove i pastori ora hanno bisogno di un permesso per attraversare con le loro mandrie. A causa della rapida espansione dell’insediamento, il tempo per arrivare ai pascoli è aumentato da cinque minuti a quasi un’ora.

Posted in info | Tagged , , | Leave a comment

Le forze israeliane attaccano una casa palestinese senza alcun mandato in Hebron occupata

21 agosto 2017 |International Solidarity Movement, al-Khalil team | Hebron, Palestina occupata
Il 9 agosto le forze di occupazione israeliane hanno invaso una casa occupata a al-Khalil (Hebron). I soldati sono venuti alle prime ore del mattino verso l’una e sono rimasti all’interno della casa per tre ore e mezza fino a quando sono partiti alle 04:30.

Le forze israeliane nella casa della famiglia Foto: Ayatt Jabari

I soldati non potevano esibire un mandato per l’invasione, ma la polizia non ha reagito quando l’incidente è stato segnalato. Né l’amministrazione civile della zona. Questa procedura non ha nulla di sconosciuto per la famiglia: all’inizio di quest’anno la casa della famiglie è stata razziata, tutti i telefoni sono stati confiscati e la famiglia non è stata autorizzata a filmare l’incidente o ha potuto ottenere in seguito qualsiasi informazione sulla ragione dell’invasione. Continue reading

Posted in info | Leave a comment

Protesta contro demolizioni di case a al-Walaje

19 agosto 2017 |International Solidarity Movement | Al-Khalil team, Hebron occupata

Venerdì 18 agosto, gli abitanti di al-Walaje, villaggio vicino a Betlemme, protestavano pacificamente contro gli ordini di demolizione di 22 case nel loro villaggio. I residenti hanno ricevuto l’ordine di demolizione il mese scorso.

Protesta del Venerdì a al-Walaje contro la demolizione delle case

Le forze israeliane vogliono demolire le case per espandere la costruzione del muro dell’apartheid e costruire nuovi insediamenti sulla terra dei villaggi. Gli agricoltori dei villaggi hanno perso l’accesso ai loro terreni olivicoli a causa del muro dell’apartheid e sono costretti a chiedere l’autorizzazione ad accedere alla propria terra per la raccolta delle olive. In questo caso sono concessi solo pochi giorni per raccogliere nei loro campi. Continue reading

Posted in info | Tagged , , , | Leave a comment