A Masafer Yatta, gli insegnanti come me non possono garantire un’istruzione ai nostri studenti

15 novembre 2022 | di Awdah Hathaleen 

https://www.972mag.com/masafer-yatta-students-education/

Con le scuole che devono affrontare ordini di demolizione e soldati che trattengono studenti e insegnanti per ore, gli ostacoli all’istruzione stanno diventando insormontabili.

I soldati israeliani accompagnano gli studenti palestinesi che tornano a casa nel villaggio di Tuba, alla fine della loro giornata scolastica nel villaggio di A-Tuwani, mentre camminano su una strada sterrata di due chilometri vicino all’insediamento israeliano di Maon, Cisgiordania, settembre 28, 2021. (Oren Ziv)

Sono rimasto scioccato quando uno dei miei amici, che, come me, è un insegnante nella regione di Masafer Yatta della Cisgiordania occupata, mi ha detto che crede che l’occupazione israeliana stia portando insegnanti e studenti a odiare l’istruzione. Ma più ci pensavo, più capivo cosa intendeva.

I residenti di Masafer Yatta, dove vivo, stanno vivendo alcuni dei giorni più difficili della loro vita. La decisione della Corte Suprema israeliana di maggio di sfollare otto villaggi palestinesi nell’area – presumibilmente per spianare la strada ad esercitazioni militari, ma in realtà come mezzo di pulizia etnica dei palestinesi – ha distrutto la vita delle centinaia di persone che vivono in questi villaggi da generazioni. Una delle maggiori vittime di questa decisione, e degli sforzi di Israele per rafforzare ulteriormente l’occupazione, è stata l’istruzione. Continue reading

Posted in info | Tagged , , , , , , , , | Leave a comment

L’esercito israeliano ha demolito una scuola a Masafer Yatta. I residenti dicono che non sarà l’ultimo.

28 novembre 2022 | Jumna Patel

https://mondoweiss.net/2022/11/the-israeli-army-demolished-a-school-in-masafer-yatta-residents-say-it-wont-be-the-last/

Dopo la demolizione, un portavoce dell’esercito israeliano ha affermato che la scuola stessa era una bufala e che si trattava di un edificio disabitato utilizzato come trovata pubblicitaria.

IL 23 NOVEMBRE LE FORZE ISRAELIANE HANNO DEMOLITO UNA SCUOLA ELEMENTARE PALESTINESE NELLA REGIONE DI MASAFER YATTA, NEL SUD DELLA CISGIORDANIA (FUMETTO: CARLOS LATUFF)

Mercoledì le forze israeliane hanno demolito una scuola elementare palestinese nell’area di Masafer Yatta, nel sud della Cisgiordania occupata, con il pretesto che la scuola era stata costruita “illegalmente” in una zona di fuoco militare israeliana attiva.

Le forze israeliane hanno fatto irruzione nel villaggio palestinese di Isfey al-Fauqa a Masafer Yatta, nota anche come South Hebron Hills, mercoledì mattina presto durante l’orario scolastico attivo, poiché un certo numero di studenti si trovava all’interno della scuola di recente costruzione per ricevere lezioni.

Secondo la gente del posto, le forze israeliane hanno evacuato gli studenti e gli insegnanti prima di demolire la struttura, fatta di edifici prefabbricati. I video girati sulla scena sono stati ampiamente diffusi sui social media, mostrando un numero di scolari in difficoltà che piangevano mentre le forze armate preparavano la scuola per la demolizione. Continue reading

Posted in info | Tagged , , , | Leave a comment

Ben-Gvir aggiunge benzina sulla violenza a Gerusalemme e in Cisgiordania

https://electronicintifada.net/
23 novembre 2022      Maureen Clare Murphy

Il nuovo re israeliano di estrema destra, Itamar Ben-Gvir, ha chiesto le esecuzioni extragiudiziali dei leader della resistenza palestinese dopo che un adolescente è stato ucciso e altri sono rimasti feriti in due attentati a Gerusalemme mercoledì.

Gli israeliani si radunano sulla scena di un’esplosione alla fermata dell’autobus a Gerusalemme il 23 novembre. Saeed QaqAPA immagini

Gli attentati mortali sono avvenuti dopo che cinque bambini palestinesi sono stati uccisi dalle forze di occupazione israeliane in Cisgiordania questo mese, tra cui un ragazzo colpito al cuore a Nablus martedì scorso.

Durante il fine settimana, decine di migliaia di coloni ebrei, guidati da Ben-Gvir, sono scesi su Hebron, attaccando i palestinesi e le loro proprietà in una delle più grandi marce di coloni che si ricordino. Continue reading

Posted in info | Tagged , , , , | Leave a comment

Disperso in mare

10 novembre 2022 | Enas Fares Ghannam

https://electronicintifada.net/content/lost-sea/36661

La gente a Gaza piange la perdita di due uomini dopo che i loro corpi sono stati trovati vicino all’isola greca di Kos; un terzo uomo, Sakhar al-Astal, è ancora disperso. [Immagini di Ashraf Amra APA]

Ahlam al-Astal riesce a concentrarsi solo su una cosa al momento: trovare suo figlio.

Ha avuto la sua ultima conversazione con lui il 10 ottobre. Sakhar, suo figlio, le disse che era diretto in Grecia dalla Turchia.

Sua madre lo supplicò di non rischiare la vita. Sakhar ha risposto che aveva un buon piano ma non ha elaborato.

Il 17 ottobre, l’ambasciata dell’Autorità palestinese ad Atene ha rilasciato alcuni dettagli cupi. Continue reading

Posted in gaza, info | Tagged , , , , , , , , | Leave a comment

I palestinesi invitano gli Stati membri delle Nazioni Unite a schierarsi contro l’apartheid israeliano all’Assemblea generale del 29-30 novembre

24 novembre 2022 | Palestinian BDS National Committee (BNC) https://bdsmovement.net/Palestinians-Call-On-Member-States-UNGA77-Nov-29-30

Il 29 novembre è la giornata internazionale di solidarietà delle Nazioni Unite con il popolo palestinese. Quest’anno, il giorno segna 75 anni da quando le Nazioni Unite hanno discusso per la prima volta la questione della Palestina. Da allora centinaia di risoluzioni delle Nazioni Unite sono rimaste senza attuazione, ponendo Israele “su un piedistallo” al di sopra del diritto internazionale, come disse una volta Desmond Tutu. Continue reading

Posted in info | Tagged , , | Leave a comment

Qatar World Cup 2022: perché ci sono così tante bandiere palestinesi?

24 novembre 2022 | Nadda Osman

https://www.middleeasteye.net/discover/qatar-world-cup-palestine-flags-so-many-why

Dai bracciali alle bandiere e ai poster, diamo uno sguardo alle diverse espressioni di solidarietà per la Palestina ai Mondiali e ai motivi che ci sono dietro.

Tifosi sventolano le bandiere del Qatar e della Palestina a Gaza City il 20 novembre, il giorno della cerimonia di apertura della Coppa del Mondo (Reuters)

Trovata nel mare di tifosi che tifavano negli stadi e nelle strade di Doha e di altre città del Qatar, la bandiera palestinese ha fatto più di un cameo ai Mondiali.

Nonostante la Palestina non si sia qualificata per il torneo, che si tiene per la prima volta in Medio Oriente, la sua bandiera nazionale potrebbe essere avvistata durante le trasmissioni di una serie di partite, insieme ad altri simboli di solidarietà con la causa palestinese.

Molti fan sono stati anche avvistati mentre indossavano la kefiah palestinese.

Alcuni fan sono persino scoppiati in esibizioni del dabke, una danza popolare tradizionale palestinese spesso eseguita in occasione di festeggiamenti, come i matrimoni. Continue reading

Posted in info | Tagged , , , | Leave a comment

La giustizia è servita: la giuria dichiara i 5 di Kingsway non colpevoli

23 novembre 2022

https://www.palestineaction.org/jury-not-guilty/

COMUNICATO STAMPA | 23/11/22 | PER IL RILASCIO IMMEDIATO

Cinque attivisti vengono assolti dall’accusa di “associazione a delinquere per scopi criminali” dopo un verdetto unanime della giuria, che ha impiegato poco più di 60 minuti per prendere la decisione. I cinque imputati si sono dichiarati “non colpevoli” prima dell’udienza e hanno dovuto attendere due anni per essere ascoltati dalla Southwark Crown Court.

Il 10 ottobre 2020, Palestine Action ha preso d’assalto il quartier generale di Elbit al 77 di Kingsway a Holborn, Londra. Sono saltati fuori da un’auto con secchi di vernice ed estintori modificati per annegare di rosso gli uffici di Elbit, creando un “fiume di sangue” che scorreva lungo la strada – un atto simbolico per rappresentare il sangue del popolo palestinese versato da Elbit Systems, Il più grande fornitore di armi di Israele.[1] Continue reading

Posted in info | Tagged , , , , , | Leave a comment

Coloni israeliani picchiano e feriscono un bambino palestinese ad al-Khalil durante una nuova serie di raid

21 novembre 2022

https://www.presstv.ir/Detail/2022/11/21/693110/Israeli-settlers-severely-beat-up-injure-Palestinian-child-West-Bank

Il minore palestinese ferito Yazan al-Rajbi sdraiato su un letto d’ospedale dopo che i coloni israeliani lo hanno brutalmente aggredito vicino all’insediamento illegale di Kiryat Arba, alla periferia di al-Khalil, Cisgiordania occupata da Israele, 20 novembre 2022 (Foto dall’agenzia di stampa WAFA)

Un gruppo di coloni israeliani ha brutalmente aggredito un bambino palestinese nella parte meridionale della Cisgiordania occupata e gli ha inflitto gravi ferite dopo averlo picchiato.

L’agenzia di stampa ufficiale palestinese WAFA, citando fonti della sicurezza palestinese, ha riferito che i coloni hanno aggredito il minore, identificato come Yazan al-Rajbi, nei pressi dell’insediamento illegale di Kiryat Arba alla periferia di al-Khalil (Hebron), domenica sera, infliggendogli vari tagli e lividi sul viso. Ha dovuto essere trasferito in un vicino ospedale per cure mediche.

Separatamente, le forze militari israeliane hanno attaccato due sorelle adolescenti palestinesi vicino all’insediamento di Abi HaNahal a est di Betlemme. Continue reading

Posted in info | Tagged , , , , , , | Leave a comment

Israele prende i bambini palestinesi dalle case di famiglia per interrogarli

21 novembre 2021

https://www.middleeastmonitor.com/20221121-israel-takes-palestinian-children-from-family-homes-for-interrogation/

Un bambino tiene in mano bandiere palestinesi durante un evento a Rafah, Gaza, 9 agosto 2022. [Abed Rahim Khatib – Agenzia Anadolu]

Stamattina le forze di occupazione israeliane hanno fatto irruzione in diverse case a Nilin, nella Cisgiordania occupata, e hanno arrestato tre bambini palestinesi di 13 e 14 anni, ha riferito Wafa. I bambini sono stati interrogati dai soldati.

I soldati israeliani hanno anche arrestato altri quattro bambini palestinesi questa mattina nella città di Abu Dis, a est della Gerusalemme occupata, dopo aver fatto irruzione e perquisito le loro case di famiglia. Continue reading

Posted in info | Tagged , , | Leave a comment

Ama il calcio. Odia l’apartheid. Segna un gol per i diritti dei palestinesi.

14 novembre 2022 | Palestinian Campaign for the Academic and Cultural Boycott of Israel (PACBI)

https://bdsmovement.net/goal4palestine

Mentre i movimenti sociali di tutto il mondo approfittano della visibilità della Coppa del Mondo maschile per chiedere giustizia per tutti, accendiamo i riflettori sui diritti dei palestinesi e sulle aziende complici dell’apartheid israeliano.

Tra pochi giorni iniziano i Mondiali maschili.

Il mondo rivolgerà la sua attenzione al più grande evento sportivo del pianeta.

I grandi eventi sportivi, organizzati da organi di governo sportivi corrotti e alimentati con soldi sporchi di sponsorizzazioni, sono spesso usati nel tentativo di mascherare violazioni dei diritti umani o far passare politiche impopolari.

Ribaltiamo questa tendenza. Continue reading

Posted in info | Tagged , , , , , | Leave a comment

Gli arabi a Yafa protestano contro i piani israeliani di sfrattare 1.400 cittadini arabi

19 novembre 2022

https://www.middleeastmonitor.com/20221119-arabs-in-yafa-protest-against-israels-plans-to-evict-1400-arab-citizens/

Anziano palestinese affronta un membro delle forze israeliane mentre attivisti israeliani, stranieri e palestinesi manifestano contro lo sfratto dei villaggi palestinesi per far posto a una zona di addestramento militare israeliano, nelle colline meridionali di Yatta, a sud della città di Hebron in Cisgiordania [Foto di HAZEM BADER/AFP via Getty Images]

Le fazioni politiche arabe in Israele venerdì hanno organizzato una protesta nella città araba di Yafa contro il piano israeliano di pulizia etnica di 1.400 arabi dalla città.

Secondo la Wafa News Agency, i manifestanti tenevano cartelli con slogan che esprimevano il rifiuto dei piani di sgombero israeliani ai sensi della legge sulla proprietà degli assenti del 1950.

In base a questa legge, centinaia di famiglie indigene palestinesi potrebbero essere sfrattate dalle loro case a favore dei coloni israeliani. Continue reading

Posted in info | Tagged , , , , , , | Leave a comment