Fatah chiama all’azione azione dopo che Israele ha ucciso 9 palestinesi a Jenin

26 gennaio 2023

https://www.middleeastmonitor.com/20230126-fatah-calls-for-action-after-israel-kills-9-palestinians-in-jenin/

La gente partecipa alla cerimonia funebre di 9 palestinesi che hanno perso la vita nel raid delle forze israeliane nel campo profughi di Jenin a Jenin, in Cisgiordania, il 26 gennaio 2023. [Issam Rimawi – Anadolu Agency]

Il gruppo di resistenza palestinese, Fatah, ha dichiarato oggi l’intensificarsi delle ostilità con Israele, in seguito all’operazione dell’esercito di occupazione nel campo profughi di Jenin che ha provocato la morte di almeno nove palestinesi, tra cui una donna di 60 anni, e molti altri feriti.

Il raid è stato descritto come il giorno più mortale da anni nel territorio della Cisgiordania settentrionale, secondo AP. È stata anche la più grande offensiva militare israeliana contro il campo profughi dal massacro del 2002 durante la Seconda Intifada. Continue reading

Posted in info | Tagged , , | Leave a comment

I palestinesi marciano a migliaia dopo il micidiale attacco israeliano a Jenin

https://www.middleeasteye.net/

27 gennaio 2023                     Elis Gjevori

Mentre Israele lanciava razzi su Gaza, i palestinesi in Cisgiordania marciavano a migliaia, piangendo i 10 palestinesi uccisi lì.

Persone in lutto portano i corpi dei palestinesi uccisi in un raid israeliano a Jenin, nella Cisgiordania occupata da Israele, il 26 gennaio 2023. (Reuters)

I palestinesi sono usciti a migliaia dopo la preghiera del venerdì per protestare contro uno dei più letali raid israeliani nella Cisgiordania occupata in oltre due decenni.

Le moschee della Cisgiordania e di Gaza hanno tenuto preghiere per i palestinesi deceduti, nove dei quali sono stati uccisi giovedì dalle forze israeliane nel campo profughi di Jenin.

Più tardi giovedì, le forze israeliane hanno sparato contro i manifestanti palestinesi nella città di al-Ram, a nord di Gerusalemme, che erano usciti per protestare contro le uccisioni.

Un uomo, Youssef Yahya Abdul Karim Muhaisen, 22 anni, è stato ucciso. Continue reading

Posted in info | Tagged , , , , | Leave a comment

Nel frantumatore: le macerie di Gaza riciclate

https://electronicintifada.net/
24 gennaio 2023      Khuloud Rabah Sulaiman e Israa Sulaiman

Lo scorso agosto, Ahmed Amir, 34 anni, si trovava in cima alle macerie di un edificio residenziale nella città di Beit Hanoun, nel nord della Striscia di Gaza.

I lavoratori palestinesi rimuovono le macerie da un edificio distrutto dagli attacchi israeliani a Gaza nell’agosto 2021. Le macerie vengono ora ricostituite in nuovi materiali da costruzione. Omar AshtawyImmagini dell’APA

Sotto il sole cocente, ha fracassato giganteschi blocchi di macerie con il suo martello, rompendoli in pezzi più piccoli e caricandoli sul retro di un camion.

Amir lavora per una società di costruzioni che ricicla i detriti e le macerie lasciate dagli attacchi israeliani a Gaza, un’attività che non mostra segni di rallentamento.

L’attacco di tre giorni di Israele all’inizio di agosto 2022 ha ucciso almeno 49 palestinesi e distrutto o danneggiato 2.000 case in tutta Gaza, compreso l’edificio dove Amir stava scavando per conto dei suoi datori di lavoro. Continue reading

Posted in gaza, info | Tagged , , | Leave a comment

Netanyahu afferma che il suo governo non permetterà ai palestinesi di costruire nell’Area C

24 gennaio 2023

https://www.middleeastmonitor.com/20230124-israel-netanyahu-says-his-government-will-not-allow-palestinians-to-build-in-area-c/

Il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu a Gerusalemme, il 15 gennaio 2023 [MENAHEM KAHANA/POOL/AFP via Getty Images]

Il primo ministro israeliano, Benjamin Netanyahu, ha affermato che il suo governo combatterà contro la costruzione palestinese nell’Area C della Cisgiordania occupata.

“Siamo saliti al potere con la chiara promessa di cambiare rotta e combattere la costruzione illegale palestinese”, ha detto Netanyahu, mentre presiedeva una riunione del blocco Likud.

“Questo non significa che consentiremo costruzioni illegali israeliane, e c’è un accordo globale su questi due punti”. Continue reading

Posted in Senza categoria | Tagged , , | Leave a comment

Khan al-Ahmar: le lotte intestine israeliane minacciano di “ripulire etnicamente” il villaggio beduino palestinese

https://www.middleeasteye.net/

23 gennaio 2023          Elis Gjevori

Il destino di Khan al-Ahmar, situato in posizione strategica, è in bilico mentre il governo di coalizione israeliano cerca di espellere i palestinesi.

Un palestinese della tribù Jahalin cammina con una bandiera palestinese nel villaggio di Khan al-Ahmar nella Cisgiordania occupata da Israele (AFP/File Photo)

Lunedì i parlamentari israeliani hanno chiesto al governo di estrema destra del paese di demolire e sfrattare con la forza i palestinesi che vivono nel villaggio beduino di Khan al-Ahmar nella Cisgiordania occupata.

Decine di palestinesi si sono riuniti per protestare a Khan al-Ahmar in seguito alle voci secondo cui il ministro della Sicurezza nazionale Itamar Ben-Gvir avrebbe visitato il villaggio.

In precedenza, due parlamentari, Yuli Edelstein e Danny Danon, del partito Likud del primo ministro Benjamin Netanyahu, si sono presentati a Khan al-Ahmar per fare pressioni sul governo affinché espellesse i palestinesi. Continue reading

Posted in info | Tagged , , , , | Leave a comment

La società civile palestinese lancia una campagna per eliminare lo spyware israeliano dall’Europa

20 gennaio 2023

https://bdsmovement.net/news/palestinian-civil-society-launches-campaign-to-get-israeli-spyware-out-of-europe

L’Europa è infiltrata con spyware dall’apartheid israeliano ed è complice nel finanziamento di questo settore estremamente dannoso.

#banspyware #militaryembargo #IntellexaOutofEurope

Come parte della sua campagna in corso per imporre un embargo militare e di sicurezza globale sull’apartheid israeliano, il Comitato nazionale palestinese BDS, la più grande coalizione della società civile palestinese, sta lanciando una nuova campagna per cacciare lo spyware israeliano fuori dall’Europa. Più che in qualsiasi altro continente, i governi europei stanno acquistando spyware israeliano per spiarsi a vicenda, per spiare i propri cittadini e i cittadini dei paesi del Sud del mondo.

Cercando di prendere formalmente le distanze da Israele all’indomani dello scandalo globale che circonda lo spyware Pegasus della NSO israeliana, la società israeliana Intellexa è registrata a Cipro e afferma di non essere soggetta alla regolamentazione israeliana. Questa è una palese menzogna. Come NSO, Intellexa vende tecnologia israeliana armata sensibile con l’approvazione ufficiale di Israele. Opera in Sudan, Grecia e Bangladesh, tra gli altri paesi. Continue reading

Posted in info | Tagged , , , , | Leave a comment

Rubare l’elettricità di Gaza

https://electronicintifada.net/
 20 gennaio 2023        Amjad Ayman Yaghi

Israele ha bombardato l’unica centrale elettrica di Gaza nel 2006, dando inizio a una crisi che è continuata da allora. Immagini Ashraf AmraAPA

Ricordo vividamente quando è iniziata la nostra crisi elettrica.

Il 28 giugno 2006, Israele ha bombardato l’unica centrale elettrica di Gaza.

Per me, che allora avevo 16 anni, il bombardamento fu fonte di frustrazione e delusione.

Quel mese stavo guardando la Coppa del Mondo, tifando per l’Argentina, una delle mie squadre preferite a livello internazionale. Due giorni dopo il bombardamento, l’Argentina ha affrontato la Germania nei quarti di finale.

Non sono riuscito a vedere la partita in TV. Continue reading

Posted in gaza, info, opinioni | Tagged , , | Leave a comment

Coloni israeliani istituiscono un nuovo avamposto nella Cisgiordania occupata

20 gennaio 2023

https://www.middleeastmonitor.com/20230120-israel-settlers-set-up-new-outpost-in-occupied-west-bank/

Forze di sicurezza israeliane bloccano gli ingressi al villaggio di Burqah, in Cisgiordania, vicino all’avamposto israeliano illegale Homesh, in vista di una protesta dei coloni israeliani il 23 dicembre 2021 [JAAFAR ASHTIYEH/AFP via Getty Images]

I coloni israeliani, venerdì, hanno allestito un nuovo avamposto di insediamento nel nord della Cisgiordania, riferisce l’agenzia di stampa Anadolu.

“Un gruppo di coloni ha stabilito un avamposto di insediamento nelle terre della città di Jureesh, a sud di Nablus”, ha detto ad Anadolu Ghassan Daghlas, un funzionario palestinese che monitora le attività degli insediamenti nel nord della Cisgiordania. Continue reading

Posted in info | Tagged , , , , , , | Leave a comment

Dopo Abbas

https://electronicintifada.net/

18 gennaio 2023            Omar Karmi

I ripetuti tentativi di riconciliare Fatah e Hamas sono falliti, lasciando i palestinesi scoraggiati con i loro leader politici.

Due meschine maschere raffiguranti Ismail Haniyeh e Mahmoud Abbas salutano da un’auto neraI – Immagini Wissam NassarAPA

Quanto durerà? Quanto durerà? Cosa succede dopo?

Con sempre maggiore urgenza queste domande vengono poste a un’Autorità palestinese nella sua forma più debole sin dal suo inizio e al suo leader, Mahmoud Abbas.

Abbas è stato una delle forze trainanti dietro gli accordi di Oslo del 1993 che hanno creato l’Autorità Palestinese, che avrebbe dovuto essere uno stato in attesa, ma ora deve essere riconosciuta come un esperimento fallito di costruzione dello stato. Continue reading

Posted in opinioni | Tagged , , , | Leave a comment

Un insegnante palestinese ucciso dalle forze israeliane nel raid di Jenin, mentre aiuta un altro, ucciso anche lui.

 https://www.middleeasteye.net/          19 gennaio 2023 

Secondo quanto riferito, Jawad Farid Bawaqta, 57 anni, stava prestando i primi soccorsi a un altro palestinese ferito quando è stato colpito al petto.

Jawad Farid Bawaqta, 57 anni, era un insegnante di sport e padre di sei figli (Social Media) A cura dello staff MEE

Giovedì, le truppe israeliane hanno ucciso due palestinesi in raid notturni nella città occupata di Jenin, in Cisgiordania.

Jawad Farid Bawaqta, 57 anni, insegnante di scuola superiore e padre di sei figli, è stato colpito al petto, e Adham Mohammad Jabarin, 28 anni, è stato colpito al torso, secondo il Ministero della Salute palestinese. Entrambi gli uomini provenivano dal campo profughi di Jenin. Continue reading

Posted in info | Tagged , , , | Leave a comment