Perché i torturatori dello Shin Bet non devono preoccuparsi della punizione

F130403MS004-e1600881533529

Una guardia carceraria israeliana in servizio presso una torre di guardia nella prigione di Gilboa, 28 febbraio 2013 (Moshe Shai / Flash90)

Bookmark the permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *