I palestinesi ricordano l’attivista americana Rachel Corrie

16 marzo 2022

https://www.middleeastmonitor.com/

L’attivista americana per la pace Rachel Corrie, 23 anni, parla durante un finto processo all’allora presidente degli Stati Uniti George W. Bush il 5 marzo 2003 nel campo profughi di Rafah nella Striscia di Gaza [Abid Katib/Getty Images]

Un venerdì di 19 anni fa una donna americana di 23 anni è stata uccisa da un bulldozer israeliano mentre protestava contro la demolizione di case palestinesi nella città meridionale di Rafah, nella Striscia di Gaza. Da allora è diventata un’icona di solidarietà con i palestinesi, riporta l’agenzia di stampa Anadolu.

Nata il 10 aprile 1979 ad Olympia, Washington, Rachel Corrie aveva dedicato la sua vita ai diritti umani, difendendo in particolare i diritti dei palestinesi.

Era la più giovane dei tre figli di Craig e Cindy Corrie, che descrivevano la loro famiglia come “media americana, politicamente liberale, economicamente conservatrice e di classe media”.

Nel 2003, si è recata in Palestina per un suo incarico del suo ultimo anno di college, per collegare la sua città natale con Rafah, come parte di un progetto di città gemellate.

Durante il suo soggiorno si è impegnata con i membri dell’International Solidarity Movement, una ONG filo-palestinese.

Lì, il 16 marzo, si è trovata di fronte a un bulldozer israeliano, durante una protesta pacifica per proteggere la casa di una famiglia palestinese dalla demolizione. L’autista del bulldozer l’ha investita, provocandone la morte, secondo i testimoni.

Gli abitanti di Gaza hanno ricevuto la notizia del suo omicidio con dolore e orrore, descrivendola come una “martire” e organizzando un enorme funerale per l’attivista americana.

Vicino alla casa che Corrie cercava di salvare con la sua protesta, i palestinesi hanno lanciato un campionato sportivo annuale in sua memoria.

Eventi sportivi commemorativi annuali
Nel 2010 è stata lanciata una partita di calcio tra le due squadre di quel quartiere, l’evento e si è evoluto in un campionato ufficiale con più di 32 squadre sportive in competizione da tutte le parti di Gaza.

Dopo quasi due decenni, il campionato si tiene ancora ogni anno con diversi sport tra cui calcio, ping pong e arti marziali, a cui partecipano migliaia di palestinesi, secondo Mohammad Gharib, il coordinatore dell’informazione dell’evento.

I funzionari stampano e distribuiscono poster, immagini e volantini per raccontare la storia di Corrie, perché è venuta a Gaza e come è stata uccisa, citando le sue parole sui diritti dei palestinesi.

La Palestina ricorda Rachel Corrie – Cartoon [Sabaaneh/Middle EastMonitor]

Questi materiali vengono affissi per le strade e distribuiti a tutte le persone che assistono al gioco.

“Miriamo a mantenere vivo il nome di Corrie nella mente dei palestinesi nella città di Rafah, dove è venuta per difendere i loro diritti alla vita e alla pace”, ha detto Gharib all’Agenzia Anadolu.

Ha detto che la sua famiglia ha partecipato al campionato nel 2013 ed è in costante contatto con i funzionari.

“Fa parte della storia della nostra città e del quartiere di Al-Salam, dove è stata uccisa. Anche i bambini piccoli della città che sono nati dopo la sua morte conoscono lei e la sua storia, tutti qui la ricordano”, ha spiegato.

Il suo nome e la sua memoria sono presenti anche al Return Social Centre, noto anche come Rachel Corrie Centre, che serve decine di migliaia di donne, bambini e adolescenti palestinesi con programmi di formazione professionale, emancipazione economica e supporto psicologico, e funge da spazio sicuro per vittime di violazioni.

Anche l’amministrazione del Centro si unisce ogni anno alla gente del posto per onorare il coraggio dell’attivista.

“La sua famiglia ha visitato il Centro due volte negli ultimi anni e lo ha sostenuto. Ora ci teniamo in contatto con loro per far loro sentire come è ancora nelle nostre menti”, ha affermato Iyad Abu-Louli, Direttore del Centro.

Le è stato intitolato nel 2004, a causa dei suoi rapporti amichevoli con il Centro ed i membri del suo team all’inizio del suo soggiorno a Gaza.

Nessuno è stato ritenuto responsabile
Un’indagine israeliana sulla sua morte ha concluso che si è trattato di un incidente.

Né la comunità internazionale né i genitori di Corrie hanno accettato la spiegazione israeliana.

Nel 2005, i genitori di Corrie hanno intentato una causa civile contro Israele, affermando che era stata uccisa intenzionalmente o che i soldati avevano mostrato negligenza criminale.

Hanno citato in giudizio per un dollaro simbolico di danni.

Un tribunale israeliano ha respinto la causa in una sentenza del 2012 secondo cui il governo israeliano non era responsabile della sua morte.

La sentenza è stata criticata da organizzazioni per i diritti umani, come Amnesty International e Human Rights Watch, nonché da attivisti.

Da allora Corrie è stato uno dei simboli della causa palestinese.

Una nave umanitaria irlandese partita per Gaza nel 2010 prende il nome da Rachel e la sua storia è stata raccontata in diversi documentari che descrivono la difficile situazione dei palestinesi.

Negli anni successivi alla sua morte, la Palestina ha continuato a languire sotto l’occupazione israeliana e le presunte violazioni dei diritti umani, mentre le case di altre centinaia di famiglie palestinesi sono state rase al suolo.

In una lettera inviata alla sua famiglia da Gaza poco prima della sua morte, Corrie ha descritto la sofferenza palestinese a cui ha assistito.

“Nessuna quantità di letture, partecipazione a conferenze, visione di documentari e passaparola avrebbe potuto prepararmi alla realtà della situazione qui”, ha scritto. “Non la si può immaginare, a meno che non la si veda.”

This entry was posted in info and tagged , , , , . Bookmark the permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *