“Siamo distrutti e stufi”: i giovani in prima linea nelle proteste israeliane

24 agosto 2023 – Oren Ziv 

‘We’re shattered and fed up’: The youth on the frontlines of Israel’s protests (972mag.com)

Prima di quest’anno, molti di questi adolescenti e ventenni non avevano mai partecipato a una protesta. Ora stanno scendendo in piazza non solo per combattere il governo israeliano, ma per cambiare il vecchio ordine.

Protestanti israeliani durante una dimostrazione anti governative, Tel Aviv, Luglio 20, 2023. (Oren Ziv)

Le manifestazioni antigovernative di massa che hanno invaso le strade di Israele dall’inizio dell’anno sono degne di nota per diverse ragioni, non ultimo il numero senza precedenti di persone che si sono mobilitate e la risolutezza dei manifestanti nei confronti della polizia. Con il passare dei mesi, però, un’altra caratteristica è diventata impossibile da ignorare: la presenza dei giovani in prima linea nelle manifestazioni.

Il mese scorso, ad esempio, dopo che la Knesset ha approvato la prima legge del suo pacchetto legislativo volto a depotenziare la magistratura – un disegno di legge che abolisce il cosiddetto “standard di ragionevolezza”, utilizzato dall’Alta Corte per annullare alcune decisioni e nomine del governo – migliaia di degli israeliani hanno bloccato le strade principali a Gerusalemme e Tel Aviv in manifestazioni particolarmente accese.

La maggior parte di questi manifestanti sembrava essere poco più che ventenne, e molti addirittura adolescenti. Questa rilevante presenza di giovani solleva importanti interrogativi su come così tanti israeliani nati e cresciuti quasi esclusivamente sotto il governo di Benjamin Netanyahu abbiano finito per intraprendere un’azione diretta di massa, esponendosi nel processo al rischio di arresto e violenza della polizia.

In effetti, com’è possibile che una generazione che in gran parte si è astenuta dal protestare e che è cresciuta in un’epoca caratterizzata dalla dottrina post-Oslo della “gestione del conflitto”, dal collasso quasi totale della sinistra e dall’allontanamento di molti dalla sinistra? tutta la politica si ritrova improvvisamente a dare fuoco alle autostrade?

+972 ha parlato con molti di questi giovani manifestanti, di età compresa tra la tarda adolescenza e i primi trent’anni, per comprendere queste e altre domande.

I giovani israeliani intervistati per questo articolo si riferiscono costantemente al governo di estrema destra come quello che ha rotto il contratto sociale tra lo Stato e i suoi cittadini. Una volta accaduto questo, hanno detto, non avevano alcun interesse a tornare come prima. A differenza dei leader più veterani del movimento di protesta, i partecipanti più giovani non hanno nostalgia di un “paradiso democratico” perduto. La differenza tra le due fasce d’età è evidente dai rispettivi slogan: mentre sul palco principale in Kaplan Street a Tel Aviv i manifestanti più anziani parlano di un ritorno alla “bella e buona Terra di Israele” di un tempo, i giovani cartelli scritti a mano trasmettere un messaggio diverso. “I gay educati non fanno rivoluzioni”, diceva un cartello, mentre un altro diceva: “La soluzione è una resistenza irragionevole”.

Protestanti israeliani durante una dimostrazione anti governative, Tel Aviv, Luglio 20, 2023. (Oren Ziv)

In effetti, durante le proteste i giovani hanno spesso espresso di non accontentarsi semplicemente di respingere la revisione giudiziaria o addirittura di estromettere l’attuale coalizione. Piuttosto, vogliono vedere soluzioni a questioni molto più profonde nello stato e nella società israeliana, tra cui la separazione tra religione e stato, l’uguaglianza per le donne e le persone LGBTQ e persino la fine dell’occupazione sui palestinesi.

Pertanto, per molti di questi giovani, il pogrom dei coloni nella città palestinese di Huwara lo scorso febbraio è stato una motivazione a scendere in piazza tanto quanto il colpo di stato giudiziario. Sentono che il governo nazionalista, religioso e di insediamento sta portando avanti politiche che contraddicono tutti i loro valori – e che questa sia la loro ultima possibilità di resistere.

Tal Schwartz, un 24enne che si è unito alle manifestazioni studentesche a Gerusalemme, è diventato attivo come manifestante attraverso l’attuale movimento. “Ricordo di essere stata sotto Bibi per gran parte della mia vita”, ha detto. Ora lei e i suoi coetanei sono “uniti dallo stesso sentimento” di delusione per la situazione attuale, anche se non sono d’accordo sulla soluzione.

Tzvia Guggenheim, anche lei 24enne e studentessa allo Shalem College di Gerusalemme, è cresciuta in una famiglia religiosa nell’insediamento di Efrat, nella Cisgiordania occupata, e si descrive come “conservatrice e religiosa”. Sebbene il suo college sia tipicamente di destra, ha detto, circa la metà dei 200 studenti del corpo studentesco sono ora coinvolti nelle proteste antigovernative.

Guggenheim ricorda che i suoi genitori la portarono a una manifestazione contro il disimpegno da Gaza quando aveva solo sei anni; in seguito, la scuola religiosa che frequentò la portò a una manifestazione nazionalista durante un periodo di attacchi terroristici palestinesi. Ma l’attuale ondata di proteste segna la prima volta che Guggenheim si unisce in modo indipendente a una manifestazione. “Non capivo bene cosa fare in una protesta. Mi sentivo fuori posto”, ha detto.” Ma la sua attuale partecipazione non è arrivata dal nulla. Aveva fatto volontariato presso un’organizzazione che lavorava con donne intrappolate in matrimoni violenti o malsani perché i loro mariti si rifiutavano di concedere loro il divorzio; le dichiarazioni misogine e omofobe che ha sentito lì l’hanno spinta ad andare alle manifestazioni, ha detto.

Protestanti israeliani durante una dimostrazione anti governativa, Tel Aviv, Luglio 20, 2023. (Oren Ziv)

“La maggior parte delle persone al governo vogliono il colpo di stato [giudiziario] perché consentirà loro di creare uno stato religioso fondamentalista”, ha spiegato Guggenheim. E per lei, lo Stato può apparire solo in due modi: “ebraico [e] molto particolarista, o democratico”.

“Questo è un campanello d’allarme”

Ya’ara Better Pocker, una manifestante di 23 anni di Tel Aviv, ha affermato che la presenza prominente dei giovani segna una ribellione contro la generazione dei loro genitori. Secondo lei molti giovani sentono di dover pagare il prezzo delle scelte fatte da altri nel passato. Ha anche citato il pogrom di Huwara come un punto di svolta che “ha aperto gli occhi della gente sugli orrori dell’occupazione” in un modo mai accaduto prima.

“Alcune persone non hanno idea di cosa stia succedendo nei territori [occupati], ma hanno visto le foto di Huwara e hanno capito la connessione tra [quello] e l’esercito e i coloni”, ha detto. “Anche il discorso sul rifiuto [della leva militare] è più forte di quanto lo fosse sei mesi fa. C’è una comprensione del prezzo che l’esercito ricava dalla psiche collettiva”.

Omer, 23 anni, precedentemente coinvolto nell’attivismo climatico, è ora membro del gruppo di protesta Bottom Up Constitution, che ha intrapreso dozzine di azioni dirette negli ultimi mesi, incluso il blocco della Knesset e delle case dei politici. Ha ammesso la sua sorpresa per il modo in cui l’attuale movimento è esploso in Israele. “Ero scioccato, perché questa è una società obbediente, ma a quanto pare abbiamo raggiunto un punto critico”, ha detto Omer.

“[I giovani] sentono che esiste una minaccia concreta per loro e per coloro che li circondano. È chiaro a tutti che per i palestinesi le cose vanno da schifo e che c’è la crisi climatica, ma per la prima volta sentono che tutto sta crollando anche per loro, per i privilegiati.

“La situazione attuale ha portato persone che non avrebbero mai pensato che sarebbero state picchiate o arrestate ad essere pronte”, ha continuato Omer. Il fatto che così tante persone precedentemente non politiche siano state coinvolte, ha detto, lo ha reso ottimista.

I membri del gruppo di protesta Bottom Up Constitution bloccano un ufficio governativo. (Oren Ziv)

Gidi Baran, 21 anni, arrestato a giugno durante una protesta davanti alla casa del primo ministro Benjamin Netanyahu a Cesarea, ha espresso sentimenti simili durante un discorso tenuto sul palco di Kaplan qualche sabato fa.

Baran ha raccontato di come la polizia lo ha bendato, messo fuori combattimento e trasferito in diverse stazioni di polizia, impedendogli di ricevere assistenza medica e nascondendo informazioni ai suoi avvocati. “Per anni, una parte ha accomodato e accomodato, e gli estremisti dall’altra parte hanno pianificato come distruggere. Ora la nostra generazione è distrutta dall’interno e stufa”, ha detto Baran ai 200.000 manifestanti di Kaplan Street.

“Siamo una generazione molto meno paziente e non accetteremo più il razzismo o l’omofobia. Non serviremo un dittatore e non vivremo in uno stato halakhico. Questo non accadrà sotto i nostri occhi, e coloro che bruciano le case a Huwara non sono nostri fratelli… L’attuale protesta non è solo una lezione di cittadinanza, è soprattutto un campanello d’allarme”.

“L’illusione è andata in frantumi”

Il movimento antigovernativo è stato caratterizzato dalla volontà dei suoi partecipanti di scontrarsi con la polizia e dall’uso di tattiche che in precedenza erano dominio esclusivo della sinistra radicale e degli attivisti climatici, come bloccare le strade, accendere fuochi e manifestare davanti alle case dei politici. La coorte più giovane del movimento non fa eccezione.

“Non ero particolarmente favorevole all’attraversamento delle barricate [della polizia] e cose del genere”, ha detto Schwartz, ma “dopo che ciò accade alcune volte, sei esposto alle cose. Un agente di polizia mi ha spinto in un cespuglio mentre tornavo a casa. Siamo arrivati a un punto in cui per mostrare resistenza non basta parlare su un palco, bisogna usare altri strumenti”.

Omer ha ricordato che quando la Costituzione Bottom Up ha bloccato per la prima volta l’ingresso a casa del deputato del Likud Tally Gotliv, un convinto sostenitore della revisione giudiziaria, i politici dell’opposizione hanno condannato le loro azioni. Ora, le loro tattiche – come incatenarsi insieme usando tubi e catene di plastica, ispirate dagli attivisti per il clima – sono state adottate in tutto il movimento. Ad esempio, Brothers in Arms, un gruppo di protesta composto da veterani riservisti militari, ha bloccato l’ingresso al quartier generale dell’esercito israeliano a Tel Aviv qualche settimana fa, e il giorno del voto della Knesset sullo standard di ragionevolezza, migliaia di persone hanno bloccato il parlamento. costruendo da tutte le parti per ore nel mezzo delle proteste di massa a Gerusalemme.

Poiché questi metodi si sono rivelati molto più efficaci del previsto, la Costituzione dal basso verso l’alto ha assunto un ruolo aggiuntivo: la riduzione dell’escalation. “Se qualcuno inizia a imprecare contro la polizia, cerchiamo di calmarlo”, ha spiegato Omer. “Se c’è la polizia a cavallo, ci assicuriamo che le persone non lancino bottiglie [contro di loro]. Ci sediamo e ci prendiamo per mano, introducendo una pratica di nonviolenza”.

Yaniv Segal, fondatore del movimento di protesta del Fronte Rosa, durante una manifestazione antigovernativa. (Oren Ziv)

Yaniv Segal, 33 anni, è uno dei fondatori del Pink Front, un gruppo guidato dalla comunità LGBTQ che si è formato durante le proteste di “Balfour Street” scoppiate intorno alle accuse di corruzione di Netanyahu nel 2020, e che è tornato in azione nell’attuale movimento.

“C’è una vera atmosfera giovanile”, ha detto Segal del gruppo, “ma non siamo anti-età”. Segal è nato non molto tempo prima che l’allora primo ministro Yitzhak Rabin fosse assassinato nel 1995 e, nonostante gli attentati suicidi palestinesi della Seconda Intifada, si sentiva relativamente sicuro e protetto nella società riguardo alla sua identità.

“Non ho avuto problemi ad essere gay. Non eravamo interessati alla politica. Adesso abbiamo ricevuto uno schiaffo in faccia. Va bene: per la nostra generazione e per quella successiva, l’illusione è stata infranta”. Anche se c’era una presenza LGBTQ altrettanto prominente alle proteste di Balfour, ha detto Segal, ciò che è cambiato ora è il collegamento di questioni apparentemente diverse. “Non appena siamo riusciti a collegare queste proteste alla [lotta queer], abbiamo portato da noi i manifestanti LGBTQ. Integriamo il discorso liberale da ogni lato. Liberali, donne e arabi contro il fascismo, contro la distruzione dei villaggi, dagli esponenti di destra al blocco anti-occupazione. Più si va avanti, più ponti troveremo”.

‘Siamo arrabbiati e lo dimostriamo’

Molti dei ventenni intervistati per questo articolo pensavano ai “giovani” come agli adolescenti che sono diventati protagonisti delle proteste dopo il voto per l’abolizione dello standard di ragionevolezza. I “giovani di Ayalon”, come possono essere definiti – in riferimento all’autostrada principale su cui spesso i manifestanti scendono da Kaplan Street per bloccare il traffico durante le manifestazioni di Tel Aviv – sono visti come una sorta di contromovimento rispetto ai giovani delle colline in Cisgiordania. insediamenti. Tuttavia, a differenza dei coloni e della polizia, i giovani di Ayalon non agiscono violentemente, se non in casi eccezionali.

Questo gruppo è composto principalmente da studenti delle scuole superiori o da giovani in procinto di essere arruolati nell’esercito israeliano. Hanno assistito alle proteste di Balfour solo online o nei notiziari. Si presentano solo per i “giorni della rabbia”, non per le proteste con discorsi programmati. Non sono organizzati in alcun gruppo chiaro e in generale non hanno un background di educazione politica. La cosa più importante è che molti di loro non hanno paura, non si coprono il volto né cercano di evitare di essere fotografati mentre stanno davanti alla polizia o accendono falò.

“È stato estremo”, ha detto Lily, una studentessa di 17 anni delle superiori, descrivendo la notte in cui ha contribuito a bloccare l’autostrada di Ayalon dopo che lo standard di ragionevolezza era stato abbattuto. “La polizia è stata più combattiva e, onestamente, lo sono stati anche i manifestanti. È stato spaventoso ed emozionante.

Queste sono le cose di cui leggi nelle lezioni di storia, [e] all’improvviso non è più teorico, spaventa tutti. La sua amica Lior, 18 anni, che era presente quella notte, ha spiegato la logica dietro i falò, che hanno catturato l’attenzione del pubblico e sono stati utilizzati dalla polizia per dipingere i manifestanti come violenti. “C’è una differenza tra lanciare una bottiglia contro un agente di polizia e accendere fuochi”, ha detto Lior. “[Gli incendi] sembrano essere violenti, ma non feriscono nessuno. Sono un mezzo per dire: non ci stai ascoltando, quindi accenderemo un fuoco, qualcosa che non puoi ignorare”.

Manifestanti israeliani durante una manifestazione antigovernativa, Tel Aviv, 20 luglio 2023. (Oren Ziv)

Riguardo alla differenza tra gli adulti che protestano e i giovani, Lior spiega: “Per loro la gestione avviene attraverso organizzazioni e rappresentanze, mentre per noi avviene attraverso amicizie e organizzazioni informali. Siamo arrabbiati e lo dimostriamo”.

I discorsi settimanali sul palco principale di Kaplan quindi non interessano i giovani. “Non ascoltavo un discorso dai tempi della manifestazione con gli ombrelli [una delle prime manifestazioni di gennaio, immortalata dalle immagini di decine di migliaia di manifestanti che si riparavano sotto gli ombrelli dalla forte pioggia]. Gli appelli alla democrazia sono grossolani. Siamo in questa situazione da sei mesi e non vogliamo tornare alla situazione com’era”.

Lily concorda: “[Non vogliamo] tornare al vecchio ordine di presunta democrazia o democrazia solo per gli ebrei, ma per tutti”. “C’è più coraggio e meno paura”

“È stata una follia”, ha detto Shahar, una manifestante poco più che ventenne che ha partecipato al blocco di Ayalon dopo l’approvazione della legge sulla ragionevolezza. “Le persone erano blu a causa del cannone ad acqua [la polizia a volte spara acqua tinta di blu per contrassegnare le persone da arrestare]. Sono rimasto piacevolmente sorpreso dalla resistenza. “Il nostro problema è che tutti [in queste proteste] sono ricchi e bianchi”, ha continuato. “Dobbiamo imparare dai palestinesi come combattere: non hanno nulla da perdere… Sono uscito in strada perché qui è uno schifo, è difficile, perché [il ministro della Sicurezza nazionale Itamar] Ben Gvir è un terrorista, e perché voglio sposare la mia compagna.”

Yael, 18 anni, si è recentemente diplomata al liceo ed è membro della Costituzione Bottom Up. Attiva nelle manifestazioni precedenti, ha ritenuto che le attuali proteste fossero inizialmente “molto istituzionali e conservatrici”. Ma da allora, ha detto, “si è trasformata in disobbedienza. È facile interpretarlo come violenza, ma per me la violenza significa danneggiare gli esseri viventi: esseri umani e animali. La disobbedienza è potente quando è nonviolenta”.

Yael ha spiegato che mentre all’inizio era una delle poche della sua classe a partecipare alle manifestazioni, “ora vengono molte persone. In qualche modo è diventato mainstream. La gente aspettava di scendere in strada… C’è la sensazione che non ci sia nulla da perdere, un sentimento collettivo di disperazione. In tali situazioni c’è più coraggio e meno paura di essere arrestati”.

Manifestanti israeliani durante una manifestazione antigovernativa, Tel Aviv, 20 luglio 2023. (Oren Ziv)

Stav Shomer, 28 anni, era attiva nelle proteste di Balfour, ma ammette che oggi conosce a malapena qualcuno dei manifestanti. “I giovani che bloccano Ayalon sanno che ciò non salverà il Paese, ma stanno cercando di sfogare la loro rabbia”, ha detto. “Potrebbero andare nei pub o in spiaggia, invece vanno a farsi picchiare dalla polizia. Non c’è niente di cui lamentarsi”. La differenza rispetto a Balfour, a suo avviso, è significativa. “A Balfour sapevo chi stava organizzando. Qui conosco forse cinque persone e non so cosa succederà”. Come esempio cita l’accensione di fuochi ancor prima dell’arrivo della polizia: “A Balfour è successo qualche volta, ma ora è la norma. Non sono anarchici, sono bravi ragazzi, un po’ hipster, che semplicemente non hanno paura. Più violenza usa la polizia, più forte sarà la resistenza”.

“La polizia ci regala le immagini della vittoria”

La violenza della polizia ha raggiunto il suo apice durante la manifestazione seguita all’abolizione della clausola di ragionevolezza: gli agenti hanno sparato acqua puzzolente sui manifestanti a Gerusalemme, mentre a Tel Aviv si è verificato un attacco combinato da parte di unità delle forze speciali, ufficiali a cavallo e idranti. Da marzo, secondo le statistiche raccolte dalla piattaforma “Israel Violence”, più di 1.220 manifestanti hanno riferito di essere stati aggrediti da agenti di polizia. E l’aumento è vertiginoso: a marzo sono stati denunciati 56 incidenti, mentre a luglio il numero ha raggiunto i 286. Nel frattempo, secondo la Detainee Support Network, circa 960 manifestanti sono stati arrestati durante le manifestazioni antigovernative dall’inizio di febbraio. Riferiscono che “l’età dei detenuti è piuttosto eterogenea”, ma notano che c’è una tendenza ad arrestare più giovani, compresi “minori e quelli che dovrebbero arruolarsi nell’IDF”.

Omer, 26 anni, è stato registrato mentre veniva improvvisamente aggredito violentemente da agenti di polizia mentre era seduto per strada ad Ayalon. Ha detto a +972 che va e viene alle manifestazioni, ma il giorno in cui è approvata la legge è salito in bicicletta ed è andato ad Ayalon. “Ho incontrato degli amici e abbiamo visto il cannone ad acqua avvicinarsi”, ha ricordato. “Ci siamo seduti con le spalle al cannone ad acqua e abbiamo tenuto duro. Diversi agenti di polizia sono saltati addosso a ciascuno di noi e hanno iniziato a colpirci, a prenderci a pugni, cercando di separarci gli uni dagli altri.

La polizia israeliana usa un cannone ad acqua contro i manifestanti antigovernativi fuori dalla Knesset, Gerusalemme, 24 luglio 2023. (Oren Ziv)

“Ho urlato loro: ‘Che state facendo? Non vi sto toccando’”, ha continuato Omer. “Hanno continuato a picchiarci. Mi sono difeso, mi sono coperto la testa e ho urlato. Forse le mie urla li hanno stressati e dopo pochi secondi mi hanno lasciato e sono andati a rinfrescarsi per la sessione successiva. Avevo la faccia rossa di sangue, ma ero pieno di adrenalina e non mi sono accorto di soffrire finché non è arrivata un’ambulanza e mi ha portato in ospedale”. Nonostante ora riposi a casa e abbia bisogno di antidolorifici, Omer giura che tornerà ad Ayalon.

“[La polizia] ci fornisce solo le immagini della vittoria, che rafforzano la protesta”. Omer proviene da una famiglia politica e i suoi genitori lo portavano alle manifestazioni organizzate dal veterano movimento pacifista Peace Now. “Ho difficoltà con le persone che dicono che fino ad ora è stato bello qui”, ha aggiunto. “Come possiamo parlare di democrazia quando i palestinesi vivono sotto di noi? Questo Paese era malato molto tempo fa e spero che ora molte persone si stiano svegliando”.

“Vedranno che la violenza non ci spaventa”

Anche Uri, un musicista 29enne di Tel Aviv, è stato aggredito dagli agenti di polizia ad Ayalon il giorno in cui è stata abolita la clausola di ragionevolezza. Dopo che la polizia lo ha allontanato dalla strada, ha visto diversi agenti aggredire un uomo in piedi accanto a lui. “Sono rimasto lì per vedere che l’incidente non degenerasse”, ha detto. “Dal nulla, un agente di polizia è venuto da me e mi ha dato un pugno in faccia, poi è arrivato un altro e mi ha dato un pugno allo stomaco”, ha ricordato Uri. “Un terzo agente mi ha bloccato a terra, mettendomi un ginocchio sulla testa con tutta la sua forza al punto che quasi non riuscivo a respirare.” È stato poi ammanettato e portato alla stazione di polizia dove, forse a causa dell’entità della ferita al volto, è stato rilasciato e portato al pronto soccorso.

“Non avevo intenzione di andare ad Ayalon e mettermi a rischio”, ha spiegato. “Faceva caldo ed ero stanco, ma ho detto che non aveva senso restare a casa. Sono uscito in infradito. Non immaginavo che mi sarei ritrovato ammanettato in un’auto della polizia. Non ho litigato con la polizia, non ci ho nemmeno pensato. “Quando c’è un ministro che sostiene la violenza [riferendosi a Ben Gvir, che è a capo della polizia israeliana], non ci si può sorprendere che la polizia senta di poter fare quello che vuole”, ha continuato Uri.

In ogni caso, la violenza non lo ha scoraggiato. “Se non fossi andato in ospedale, sarei tornato subito a Kaplan”, ha detto, aggiungendo che intende tornare in modo che “vedranno che la violenza non ci spaventa”.

Anche Better Pocker è stata ferita per la prima volta nella sua vita dalla violenza della polizia durante l’attuale ondata di manifestazioni. “Una cosa è vedere i video, un’altra cosa vederlo con i propri occhi e una terza cosa sperimentarlo”, ha detto.

Manifestante israeliano arrestato durante una manifestazione antigovernativa, Tel Aviv, 20 luglio 2023. (Oren Ziv)

Anche Better Pocker era stata a Balfour ma non in prima linea. Ha descritto il suo processo di pensiero dopo essere stata “calpestata dalla polizia a cavallo e spinta al petto dagli agenti della polizia di frontiera” a marzo come una “reazione chimica”.

“Ora c’è una rabbia autentica. La gente dice: “Fanculo, il paese sta andando all’inferno, andrò ad Ayalon”.

Per Yael, 18 anni, la violenza subita ha ricordato la situazione nei territori occupati. “Fino ad ora non avevo sperimentato questo tipo di violenza come ebreo. I palestinesi e altri hanno sofferto e soffrono di violenze più gravi di quelle attualmente rivolte a noi, ma ora, quando si tratta della popolazione [ebraica], ciò suscita l’attenzione dei media”. Il collegamento tra la violenza della polizia nei confronti dei manifestanti e la violenza dell’occupazione è emerso anche quando la polizia ha disperso i manifestanti a Gerusalemme utilizzando acqua puzzolente, un liquido maleodorante utilizzato prevalentemente sui palestinesi in Cisgiordania e a Gerusalemme Est, nonché un liquido anti-leva ultra-ortodosso. manifestanti. Quando recentemente la polizia ha sparato contro i manifestanti antigovernativi, uno di loro ha gridato: “I ragazzi sotto occupazione dicono che l’acqua e il sale aiutano!”

“Non ci sarà un ritorno alla normalità”

La maggior parte degli intervistati per questo articolo ha affermato che ciò che li ha portati in piazza è stata la sensazione che il contratto sociale di Israele fosse stato violato. Ma se le proteste per la giustizia sociale del 2011 esprimevano la richiesta di risolvere la crisi abitativa ed economica, e Balfour chiedeva le dimissioni di Netanyahu, questa volta la richiesta è più ampia e meno concreta.

Il giorno in cui il governo ha abolito lo standard di ragionevolezza, ha affermato Guggenheim, ha dimostrato “che è illegittimo. Punto.

Per lei l’obiettivo centrale è che “il governo si sciolga. Non ho altre richieste; Non lo vedo come un partner per il dialogo”. Ai suoi occhi, tuttavia, la protesta è molto più ampia del rovesciamento della coalizione di estrema destra o dell’arresto della revisione giudiziaria.

“Immaginiamo come possiamo creare una costituzione e ancorare i diritti umani, la libertà e l’uguaglianza”, ha detto. “Parliamo di tutto: coscrizione, occupazione, tribunali rabbinici – una volta aperte queste questioni, non possono essere chiuse”. “Le persone hanno chiuso gli occhi e ora li stanno facendo aprire con la forza”, ha detto Better Pocker. “Molte persone si sono rifiutate di vedere il contesto, ma con eventi come Huwara e Ben Gvir [al governo], ora è difficile ignorarli. La conversazione si è ampliata e tutti vi partecipano. Non ho un altro passaporto; Non ho nessun altro posto dove andare.

Manifestanti israeliani durante una manifestazione antigovernativa, Tel Aviv, 20 luglio 2023. (Oren Ziv)

Yael è d’accordo. Il movimento di protesta, ha detto, “ha fatto emergere cose da sotto il tappeto. La domanda è cosa farne. Finora c’era una sorta di compromesso con il vecchio ordine: arruolarsi nell’esercito e mantenere lo status quo. Non appena si tenta di portare le cose in una direzione estrema, molti si chiedono come abbiamo concordato l’ordine che esisteva qui”.

Quindi, ha proseguito, “c’è ora la possibilità di una svolta, di un cambiamento nell’ordine. Non ci sarà alcun “ritorno alla normalità”. Dobbiamo cambiare l’intero sistema, non solo il governo”.

Una versione di questo articolo è stata originariamente pubblicata in ebraico su Local Call e si può leggere qui.

Oren Ziv è un fotoreporter, reporter di Local Call e membro fondatore del collettivo fotografico Activestills.

 

 

 

This entry was posted in info and tagged , , . Bookmark the permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *