Il cessate il fuoco è sfuggente mentre il genocidio di Gaza entra nel quinto mese

https://electronicintifada.net/
7 febbraio 2024        Maureen Clare Murphy 

La campagna militare di Israele a Gaza ha provocato almeno 100.000 palestinesi uccisi, feriti, dispersi e presunti morti – più del 4% della popolazione di 2,3 milioni, o quasi una persona su 20 – mentre il genocidio entra nel suo quinto mese.

Palestinesi ispezionano le macerie di una scuola in seguito a un attacco israeliano al campo profughi di Nuseirat a Deir al-Balah, nel centro di Gaza, il 31 gennaio. Immagini di Naaman OmarAPA

Il 60% delle 27.585 vittime palestinesi registrate dal Ministero della Sanità a Gaza dal 7 ottobre sono donne e bambini. Altre migliaia sono sepolte sotto le macerie.

Secondo il fondo delle Nazioni Unite per l’infanzia, UNICEF, almeno 17.000 ragazzi e ragazze a Gaza non sono più accompagnati o sono separati dalle loro famiglie.

Khan Younis nel sud di Gaza sta subendo il peso del bombardamento mentre i gruppi di resistenza palestinese hanno combattuto le forze di terra israeliane in gran parte di Gaza negli ultimi giorni, ha riferito l’Ufficio delle Nazioni Unite per il coordinamento degli affari umanitari.

Lunedì le forze israeliane hanno bombardato isolati residenziali e grattacieli in diverse aree di Khan Younis, provocando notevoli distruzioni.

Secondo l’UN OCHA, continuano pesanti combattimenti vicino al Nasser Medical Complex e all’ospedale Al Amal di Khan Younis, “mettendo a rischio la sicurezza del personale medico, dei feriti e dei malati, nonché di migliaia di sfollati interni”.

Martedì il ministero della Sanità palestinese a Gaza ha dichiarato che le forze israeliane hanno intensificato l’assedio al complesso medico Nasser, dove c’è una “grave carenza di forniture chirurgiche e suture e ci sono circa quattro giorni rimasti di autonomia di carburante necessario per alimentare l’ospedale” con i generatori”, ha detto l’OCHA.

Nel frattempo, secondo l’OCHA, i primi screening su migliaia di bambini piccoli indicano che la malnutrizione acuta è fortemente aumentata a Gaza. “Questo forte aumento della malnutrizione acuta suggerisce che, senza adeguati servizi preventivi e curativi, la situazione peggiorerà”, ha affermato l’ufficio delle Nazioni Unite.

“Raggiungeremo Rafah”
Martedì, Antony Blinken, il segretario di Stato americano, ha incontrato i funzionari del Qatar a Doha.

Blinken ha detto che avrebbe discusso la risposta di Hamas ad una proposta di cessate il fuoco con funzionari israeliani durante la sua visita nel paese mercoledì, ha riferito Reuters.

Il segretario di Stato ha affermato che “c’è ancora molto lavoro da fare, ma continuiamo a credere che un accordo sia possibile, e anzi essenziale”.

Tuttavia, una fonte del governo israeliano ha detto all’emittente statale del paese che avrebbe respinto la richiesta di Hamas di un cessate il fuoco permanente e della fine dell’assedio di Gaza come parte di qualsiasi scambio di prigionieri.

Mentre i diplomatici lavoravano per raggiungere un accordo, Yoav Gallant, il ministro della difesa israeliano, ha detto alle truppe che “stiamo completando la missione a Khan Younis, e raggiungeremo anche Rafah, ed elimineremo ogni terrorista che minaccia di farci del male”.

Tre importanti gruppi palestinesi per i diritti umani – Al-Haq, Al Mezan e il Centro Palestinese per i Diritti Umani – hanno avvertito che un’espansione delle operazioni di terra israeliane a Rafah, la zona più meridionale di Gaza, sembra essere imminente.

Una tale escalation “esacerberebbe in modo significativo gli atti genocidi in corso perpetrati dalle forze armate e dalle autorità israeliane contro la popolazione palestinese a Gaza”, hanno avvertito i gruppi per i diritti umani.

Circa 1,3 milioni di palestinesi – più della metà della popolazione di Gaza – sono attualmente concentrati a Rafah dopo essere stati sfollati da altre aree del territorio.

Data l’attuale densità di popolazione dell’area, un attacco a Rafah “potrebbe comportare una perdita di vite palestinesi senza precedenti”, hanno affermato i gruppi per i diritti umani.

Potrebbe anche costringere centinaia di migliaia di palestinesi di Gaza a fuggire in Egitto, “il che costituirebbe il crimine di deportazione forzata”, hanno aggiunto i gruppi per i diritti.

“Lo scenario potenziale potrebbe superare il numero di palestinesi espulsi con la forza dalle milizie sioniste e dall’esercito israeliano durante la Nakba del 1948”, hanno affermato.

Martedì un portavoce dell’Ufficio delle Nazioni Unite per il coordinamento degli affari umanitari ha lanciato un avvertimento simile, affermando che “l’intensificarsi delle ostilità a Rafah in questa situazione potrebbe portare a una perdita su larga scala di vite civili e dobbiamo fare tutto il possibile in nostro potere per evitarlo.”

Sinai for Human Rights, un’organizzazione con sede in Egitto, ha dichiarato martedì che Israele ha bombardato la zona di confine negli ultimi giorni.

L’UNRWA, l’agenzia delle Nazioni Unite per i rifugiati palestinesi, ha affermato che un convoglio che trasportava aiuti alimentari è stato colpito lunedì da colpi di arma da fuoco della marina israeliana mentre aspettava di spostarsi nel nord di Gaza.

I funzionari dell’agenzia hanno detto che nessuno è rimasto ferito.
Il giorno prima, un gruppo di persone in attesa dei camion degli aiuti nella città meridionale di Gaza, situata nella zona settentrionale del territorio, è stato preso di mira. L’Ufficio delle Nazioni Unite per il coordinamento degli affari umanitari ha affermato che si trattava del quinto caso di sparatorie contro persone riunite per ottenere aiuti umanitari.

Le agenzie umanitarie affermano di non essere in grado di raggiungere il nord di Gaza, dove i livelli di fame stanno raggiungendo una situazione di carestia.

La settimana scorsa, Sigrid Kaag, coordinatrice umanitaria e per la ricostruzione di Gaza, ha detto ai diplomatici che l’accesso umanitario rimane gravemente limitato.

Ha chiesto l’apertura di ulteriori valichi e la ripresa delle attività commerciali a Gaza, dove circa 300.000 civili rimangono nel nord in condizioni sempre più terribili.

Evacuazione forzata
Migliaia di persone si sono trasferite a Rafah da Khan Younis dopo che Israele ha emesso ordini di evacuazione e ha intensificato la sua offensiva militare nell’area.

Israele ha eretto un posto di blocco sul percorso di evacuazione dopo aver chiuso le strade laterali, costringendo le persone a spostarsi lungo via al-Bahr a ovest del campo profughi di Khan Younis.

Secondo l’Euro-Med Human Rights Monitor, al posto di blocco, i palestinesi sono stati costretti a passare uno per uno, lasciando dietro di sé i loro averi.

Donne, ragazze e ragazzi potevano passare, ma uomini e ragazzi di età superiore ai 15 anni dovevano mostrare i loro documenti d’identità e farsi scansionare l’iride, ha detto il gruppo per i diritti.

Ad alcuni uomini e ragazzi è stato permesso di passare mentre altri sono stati “arrestati, costretti a spogliarsi nudi e trattenuti in un’area aperta in mezzo alla pioggia”, secondo Euro-Med.

Secondo la rivista +972, i palestinesi fuggiti da Khan Younis a Rafah attraverso il corridoio controllato da Israele “sono stati costretti a scandire slogan contro Hamas”. “A molti sono stati confiscati i loro averi e gli uomini sono stati separati dalle loro famiglie, spogliati e sottoposti a ore di abusi fisici e privazioni”.

Coloro che sono riusciti ad arrivare a Rafah “sono costretti a rimanere in un’area aperta in condizioni umanitarie spaventose, in attesa di assistenza”, ha affermato Euro-Med.

Secondo l’UNICEF, la maggior parte dei nuovi sfollati hanno solo da 1,5 a 2 litri di acqua al giorno per bere, cucinare e lavarsi, e si registra un picco di casi di diarrea tra i bambini.

Circa due terzi del territorio di Gaza, che ospita quasi 1,8 milioni di palestinesi, hanno ricevuto ordini di evacuazione da parte di Israele.

Circa due milioni di persone sono sfollate all’interno di Gaza, dove non esiste un’area sicura o la garanzia da parte di Israele che sarà loro permesso di tornare alle loro case, ha aggiunto Euro-Med.

Ajith Sunghay, capo dell’Ufficio delle Nazioni Unite per i diritti umani in Palestina, ha affermato, dopo una visita di una settimana a Gaza, che i civili “sono costantemente in movimento da luoghi che gli è stato detto siano sicuri, vivendo nella paura costante”.

“Le persone costruiscono tende con sacchetti di plastica e legno che riescono a trovare”, ha aggiunto Sunghay. “Le persone vivono con un pasto al giorno se sono fortunate.”

Distruzione diffusa
Secondo un’analisi dei dati satellitari, la maggior parte degli edifici di Gaza sono stati danneggiati o distrutti.

L’ONU stima che più di 650.000 palestinesi sfollati a Gaza “non avranno una casa in cui tornare, e che molti altri non potranno tornare immediatamente, a causa del livello di danni alle infrastrutture circostanti, nonché del rischio rappresentato dai residui esplosivi” di guerra.”

Martedì il New York Times ha riferito di aver esaminato centinaia di video registrati dai soldati israeliani a Gaza e pubblicati su account personali sui social media.
Alcuni di quei filmati sono banali. Ma altri video mostrano le truppe “che vandalizzano negozi locali e aule scolastiche, fanno commenti sprezzanti sui palestinesi, demoliscono quelle che sembrano aree civili e chiedono la costruzione di insediamenti israeliani a Gaza”.

La pubblicazione aggiungeva di aver “rintracciato più di 50 video delle unità militari di ingegneria militare israeliane, che mostravano l’uso di bulldozer, escavatori ed esplosivi per distruggere quelle che sembrano essere case, scuole e altri edifici civili”.

La settimana scorsa, il New York Times ha pubblicato un’analisi delle demolizioni controllate intraprese dalle forze israeliane che hanno “distrutto centinaia di edifici – tra cui moschee, scuole e intere sezioni di quartieri residenziali” a Gaza da novembre.

Il documento afferma che la maggior parte dei 33 siti di demolizione identificati erano ben al di fuori dell’area approssimativa della “zona cuscinetto” proposta da Israele lungo il confine orientale e settentrionale di Gaza. Potrebbero esserci più luoghi di demolizione controllati di quelli che è stato in grado di confermare con le prove visive disponibili, ha affermato il New York Times.

Il relatore speciale delle Nazioni Unite sul diritto all’abitazione ha coniato il termine “domicidio” per descrivere la distruzione diffusa o sistematica delle case, come nel caso di Gaza.

Il Ministero della Cultura palestinese afferma che i bombardamenti israeliani hanno distrutto più di 200 edifici di importanza culturale o storica a Gaza.

“I danni hanno incluso anche un antico cimitero romano e il cimitero di guerra del Commonwealth, dove sono sepolti più di 3.000 soldati britannici e del Commonwealth dopo essere morti in battaglie durante la prima e la seconda guerra mondiale”, secondo The Guardian.

L’organizzazione culturale delle Nazioni Unite UNESCO “ha avvertito che molti siti sono a rischio di danni, tra cui uno dei più antichi monasteri cristiani della regione, il complesso di Saint Hilarion, che secondo quanto riferito non è stato ancora danneggiato ma si trova in una zona di intensi combattimenti”, aggiunge la pubblicazione.

Ucciso il direttore del programma della Mezzaluna Rossa
Le strutture mediche sono tra le infrastrutture civili distrutte da Israele a Gaza.

https://twitter.com/UNRWA/status/1754530324783239532?ref_src=twsrc%5Etfw%7Ctwcamp%5Etweetembed%7Ctwterm%5E1754530324783239532%7Ctwgr%5E37830c30d32651106bba41f7cc424e553b807196%7Ctwcon%5Es1_c10&ref_url=https%3A%2F%2Felectronicintifada.net%2Fblogs%2Fmaureen-clare-murphy%2Fceasefire-elusive-gaza-genocide-enters-fifth-month

La Mezzaluna Rossa Palestinese ha pubblicato filmati del suo quartier generale gravemente danneggiato a Jabaliya, nel nord di Gaza. Il video mostra ambulanze schiacciate sulla strada e muri fatti esplodere e crivellati di proiettili nell’edificio.

La Mezzaluna Rossa ha affermato che Hedaya Hamad, uno dei direttori del programma, è stato ucciso dalle forze israeliane durante l’assedio al suo quartier generale e all’adiacente ospedale Al-Amal a Khan Younis.
La Mezzaluna Rossa ha aggiunto che Hamad è stato ucciso mentre tentava di salvare gli sfollati che si rifugiavano nella struttura dopo essere stati colpiti dai soldati.

“Hedaya ha incarnato i significati del sacrificio, dell’umanità e del volontariato” fino al suo ultimo respiro, ha detto la Mezzaluna Rossa della loro collega uccisa.

Le forze israeliane hanno convocato e fatto sparire con la forza il dottor Haider al-Qaddura, membro del comitato esecutivo della Mezzaluna Rossa e direttore generale dell’ospedale Al-Amal, e il direttore amministrativo dell’ospedale Maher Atallah.
La Mezzaluna Rossa ha affermato che la scomparsa dei due uomini è avvenuta dopo che Israele ha approvato il passaggio sicuro degli sfollati che si rifugiavano nell’ospedale e nel quartier generale adiacente “dopo un assedio di due settimane”.

Centinaia di famiglie hanno lasciato l’ospedale e la struttura della Mezzaluna Rossa, ha detto lunedì il gruppo umanitario. Rimangono quaranta anziani sfollati e circa 80 pazienti e feriti, insieme a circa 100 membri del personale amministrativo e medico.

Nel frattempo, la Mezzaluna Rossa ha dichiarato martedì che, dopo più di una settimana, il destino di una bambina di 6 anni e di due paramedici che hanno tentato di salvarla dopo che la sua famiglia è finita sotto il fuoco israeliano è ancora sconosciuto.
Il mese scorso, la Corte internazionale di giustizia ha emesso una sentenza provvisoria affermando che Israele stava plausibilmente compiendo un genocidio a Gaza e gli ha ordinato di “prendere tutte le misure in suo potere” per prevenire violazioni degli articoli della Convenzione sul genocidio, di cui è stato membro.

This entry was posted in gaza, info and tagged , , , , . Bookmark the permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *