Ama il calcio. Odia l’apartheid. Segna un gol per i diritti dei palestinesi.

14 novembre 2022 | Palestinian Campaign for the Academic and Cultural Boycott of Israel (PACBI)

https://bdsmovement.net/goal4palestine

Mentre i movimenti sociali di tutto il mondo approfittano della visibilità della Coppa del Mondo maschile per chiedere giustizia per tutti, accendiamo i riflettori sui diritti dei palestinesi e sulle aziende complici dell’apartheid israeliano.

Tra pochi giorni iniziano i Mondiali maschili.

Il mondo rivolgerà la sua attenzione al più grande evento sportivo del pianeta.

I grandi eventi sportivi, organizzati da organi di governo sportivi corrotti e alimentati con soldi sporchi di sponsorizzazioni, sono spesso usati nel tentativo di mascherare violazioni dei diritti umani o far passare politiche impopolari.

Ribaltiamo questa tendenza. Continue reading

Posted in info | Tagged , , , , , | Leave a comment

Gli arabi a Yafa protestano contro i piani israeliani di sfrattare 1.400 cittadini arabi

19 novembre 2022

https://www.middleeastmonitor.com/20221119-arabs-in-yafa-protest-against-israels-plans-to-evict-1400-arab-citizens/

Anziano palestinese affronta un membro delle forze israeliane mentre attivisti israeliani, stranieri e palestinesi manifestano contro lo sfratto dei villaggi palestinesi per far posto a una zona di addestramento militare israeliano, nelle colline meridionali di Yatta, a sud della città di Hebron in Cisgiordania [Foto di HAZEM BADER/AFP via Getty Images]

Le fazioni politiche arabe in Israele venerdì hanno organizzato una protesta nella città araba di Yafa contro il piano israeliano di pulizia etnica di 1.400 arabi dalla città.

Secondo la Wafa News Agency, i manifestanti tenevano cartelli con slogan che esprimevano il rifiuto dei piani di sgombero israeliani ai sensi della legge sulla proprietà degli assenti del 1950.

In base a questa legge, centinaia di famiglie indigene palestinesi potrebbero essere sfrattate dalle loro case a favore dei coloni israeliani. Continue reading

Posted in info | Tagged , , , , , , | Leave a comment

Prima i droni. Poi le bombe

10 novembre 2022 | Abdallah al-Naami

https://electronicintifada.net/content/first-drones-then-bombs/36666

Israele ha attaccato la Striscia di Gaza intorno alle 3 del mattino del 4 novembre. Immagini di Ashraf Amra APA

Il fine settimana era finalmente arrivato.

E la cosa migliore dei fine settimana è che posso passare del tempo con mio nipote di 5 mesi Yahya.

Lui e mia sorella Inas vengono a trovarci ogni fine settimana nella nostra casa di famiglia nel campo di Maghazi, nel centro di Gaza.

Ma lo scorso fine settimana, vorrei che non l’avessero fatto. Continue reading

Posted in gaza, info | Tagged , , , , | Leave a comment

Inizia il primo processo della Crown Court di Londra a Palestine Action

14 novembre 2022

https://www.palestineaction.org/crown-court-start/

COMUNICATO STAMPA
14/11/22
PER IL RILASCIO IMMEDIATO

  • Il processo contro il “Kingsway 5” è iniziato lunedì 14 novembre 2022, con cinque attivisti che si sono presentati alla Southwark Crown Court per un processo con giuria di una settimana, dopo aver affrontato il quartier generale londinese della più grande azienda di armi israeliana, Elbit Systems, inzuppandolo di sangue- vernice rossa nell’ottobre 2020.
  • Dopo aver atteso oltre due anni per andare in giudizio, i cinque si sono dichiarati non colpevoli dell’accusa di associazione a delinquere finalizzata a commettere danni penali, e sosterranno che Elbit – e l’operazione gestita dall’ufficio di Kingsway – sono i colpevoli.
  • I cinque si sono fermati in un’auto con estintori pieni di vernice per coprire gli uffici della più grande compagnia di armi israeliana in un colore che simboleggia lo spargimento di sangue palestinese che i loro prodotti causano.

Continue reading

Posted in info | Tagged , , , , | Leave a comment

A Masafer Yatta, gli insegnanti come me non possono garantire un’istruzione ai nostri studenti

15 novembre 2022 | di Awdah Hathaleen 

https://www.972mag.com/masafer-yatta-students-education/

Con le scuole che devono affrontare ordini di demolizione e soldati che trattengono studenti e insegnanti per ore, gli ostacoli all’istruzione stanno diventando insormontabili.

I soldati israeliani accompagnano gli studenti palestinesi che tornano a casa nel villaggio di Tuba, alla fine della loro giornata scolastica nel villaggio di A-Tuwani, mentre camminano su una strada sterrata di due chilometri vicino all’insediamento israeliano di Maon, Cisgiordania, settembre 28, 2021. (Oren Ziv)

Sono rimasto scioccato quando uno dei miei amici, che, come me, è un insegnante nella regione di Masafer Yatta della Cisgiordania occupata, mi ha detto che crede che l’occupazione israeliana stia portando insegnanti e studenti a odiare l’istruzione. Ma più ci pensavo, più capivo cosa intendeva.

I residenti di Masafer Yatta, dove vivo, stanno vivendo alcuni dei giorni più difficili della loro vita. La decisione della Corte Suprema israeliana di maggio di sfollare otto villaggi palestinesi nell’area – presumibilmente per spianare la strada ad esercitazioni militari, ma in realtà come mezzo di pulizia etnica dei palestinesi – ha distrutto la vita delle centinaia di persone che vivono in questi villaggi da generazioni. Una delle maggiori vittime di questa decisione, e degli sforzi di Israele per rafforzare ulteriormente l’occupazione, è stata l’istruzione. Continue reading

Posted in info | Tagged , , , , , , , , | Leave a comment

Un soldato israeliano uccide per errore un uomo israeliano che sospettava fosse un aggressore palestinese

14 novembre 2022

https://www.middleeastmonitor.com/20221114-israel-soldier-mistakenly-kills-israeli-man-he-suspected-to-be-a-palestinian-attacker/

Soldati israeliani, 11 ottobre 2022 [Agenzia Issam Rimawi/Anadolu]

Lunedì, un soldato israeliano ha sparato a un uomo che pensava erroneamente fosse un palestinese che voleva attaccarlo nella città di Ra’anana.

“Lunedì un soldato ha sparato a un uomo sospettato di essere un aggressore all’incrocio di Ra’anana”, ha detto l’Israeli Public Broadcasting Corporation.

“Il 40enne è stato portato in gravi condizioni all’ospedale Meir di Kfar Saba, dove è stato dichiarato morto”, ha aggiunto. Continue reading

Posted in info | Tagged , , | Leave a comment

Israele: il governo in arrivo “il più fascista” della storia, afferma un membro della Knesset

14 novembre 2022

https://www.middleeastmonitor.com/20221114-israel-upcoming-government-most-fascist-in-history-says-mk/

Membro arabo della Knesset Ahmad Tibi a Gerusalemme, 27 aprile 2019 [Sliman Khader/Apaimages]

Il parlamentare arabo israeliano Ahmad Tibi ha affermato domenica che il popolo palestinese sta affrontando il governo “più fascista” e “più estremo” nella storia di Israele, ha riferito Al Watan Voice.

“Il fascismo è diventato una corrente centrale nel governo”, ha detto Tibi. “L’ascesa di questo fascismo in Israele non significa che i governi precedenti fossero moderati, ma quello che verrà è il più fascista dopo l’ascesa dei partiti religiosi sionisti”. Continue reading

Posted in info | Tagged , | Leave a comment

Shin Bet ammette di aver spiato i giornalisti attraverso i telefoni cellulari

12 novembre 2022

https://www.middleeastmonitor.com/20221112-shin-bet-admits-spying-on-journalists-through-mobile-phones/

[Flickr]

Il servizio di sicurezza generale israeliano Shin Bet ha ammesso di aver spiato i giornalisti attraverso un database raccolto dalle compagnie di telefonia mobile. Ha inoltre utilizzato questo database nelle indagini su incidenti criminali, non solo nelle indagini di sicurezza. Ciò è avvenuto nella risposta del pubblico ministero a una petizione presentata dall’Associazione per i diritti civili in Israele (ACRI) all’Alta Corte.

I dati sui telefoni cellulari sono archiviati in un database. Le informazioni in esso contenute includono i luoghi in cui è stato un giornalista, le conversazioni che hanno avuto, la loro durata e altre informazioni. Attraverso la petizione, l’ACRI ha chiesto la rimozione di una clausola dalla legge che regola le operazioni dello Shin Bet che obbliga le compagnie di telefonia mobile in Israele a fornire all’agenzia informazioni su ogni chiamata o messaggio condotta tramite quel telefono. Continue reading

Posted in info | Tagged , , , , , | Leave a comment

Due adolescenti arrestati mentre Israele rivolge l’attenzione al campo profughi di Balata

11 novembre 2022 | Mariam Barghouti

https://mondoweiss.net/2022/11/two-teens-arrested-as-israel-turns-attention-to-balata-refugee-camp/

I fratelli Wael (dx) e Yousef (sx) Musheh (Foto per gentile concessione della famiglia Musheh)

All’alba di lunedì 7 novembre, le forze militari israeliane hanno condotto un raid militare su larga scala nel campo profughi di Balata, arrestando due minori palestinesi, Wael e Yousef Musheh, rispettivamente di 15 e 16 anni.

“Intorno alle 4:00, una grande forza militare israeliana ha invaso il campo”, ha detto a Mondoweiss Abu Eyad, 54 anni. “Pensavamo che queste forze stessero invadendo per prendere di mira i combattenti della resistenza”, ha detto con voce sconvolta, mentre ricordava l’attacco due giorni dopo.

“Siamo rimasti tutti sorpresi quando abbiamo scoperto che questa grande forza militare di veicoli corazzati era qui per due bambini. Continue reading

Posted in info | Tagged , , | Leave a comment

Israele vieta le esportazioni di pesce da Gaza alla Cisgiordania

11 novembre 2022

https://www.middleeastmonitor.com/20221111-israel-bans-fish-exports-from-gaza-to-west-bank/

Pesce e frutti di mare presi dai pescatori palestinesi, al mercato del pesce nel porto di Gaza dopo che Israele ha revocato il divieto di pesca a Gaza, Gaza City, 17 ottobre 2022 [Ali Jadallah – Agenzia Anadolu]

Le autorità israeliane hanno vietato l’esportazione di pesce dalla Striscia di Gaza assediata alla Cisgiordania occupata con il pretesto che sono stati fatti tentativi di contrabbando di pesce nei mercati israeliani, ha riferito il quotidiano Haaretz.

Il giornale afferma che il divieto è stato imposto lunedì dopo che un camion che trasportava pesce da Gaza è stato intercettato domenica al checkpoint di Rantis in viaggio dalla Cisgiordania verso Israele.

Haaretz ha citato i commercianti di Gaza che hanno affermato che la mossa equivale a una punizione collettiva, perché Israele e l’Autorità Palestinese, non i pescatori di Gaza, sono responsabili della prevenzione del contrabbando dalla Cisgiordania. Continue reading

Posted in gaza, info | Tagged , , , , | Leave a comment